Attilio Ferraris dalla Roma alla Lazio. Il derby da biancoceleste nonostante il divieto dei giallorossi

0

ROMARCORD – Era il 1934 quando Attilio Ferraris giocò il derby Roma-Lazio dopo il passaggio dai colori giallorossi a quelli biancocelesti. Il mediano quella stessa estate fu venduto dalla squadra capitolina per circa 150.000 lire. All’epoca la reazione dei tifosi fu talmente forte che la Roma scelse di inserire una clausola nel contratto di cessione del giocatore. Si decise di mettere una penale per la Lazio nel caso in cui avesse fatto giocare Ferraris contro la sua ex squadra. E invece il 18 novembre 1934 l’ex capitano giallorosso scese in campo per la stracittadina. La società del presidente Renato Sacerdoti era fermamente convinta che la Lazio avrebbe rispettato l’accordo. Ma non fu così quando gli fu recapitato un assegno e un biglietto per informare il club avversario della convocazione del calciatore: giocò la partita e fu tra i migliori. La sfida della capitale però terminò con un pareggio, 1-1. Entrambe le reti arrivarono su rigore: al gol di Guaita al 13° del primo tempo rispose dal dischetto Piola al 23° della ripresa.

Sabrina Redi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here