L´avversaria: Fiorentina, ultima chiamata per la Champions League

0

Domenica 7 febbraio, ore 20.45, stadio Artemio Franchi di Firenze, va in scena il posticipo della 23ma giornata di campionato di serie A, Fiorentina-Roma. Le due squadre, a due giorni dal match, sembrano essere in condizioni totalmente opposte: i viola non vincono in campionato dal 10 gennaio, gara casalinga con il Bari terminata per 2-1 (reti di Barreto Mutu e Castillo che poi si è trasferito in puglia). Nelle ultime tre giornate soltanto un punto conquistato dalla Fiorentina, la scorsa domenica sul campo del Cagliari (2-2). E anche nel match di andata di Coppa Italia, giocato mercoledì, la formazione di Prandelli è uscita sconfitta per 1-0 contro l’Inter di Mourinho, al Meazza. La Roma, al contrario, vola sulle ali dell’entusiasmo: vince in campionato da quattro turni consecutivi (dal 10 gennaio, nel match casalingo contro il Chievo terminato per 1-0, rete di De Rossi) e i 3 punti conquistati domenica scorsa contro il Siena (2-1 in casa) le hanno permesso di agganciare il Milan al secondo posto in classifica, almeno momentaneamente (i rossoneri infatti devono recuperare una partita, proprio contro la Fiorentina al Franchi).TABU-  la Fiorentina è, dunque, in piena crisi di risultati: attualmente si trova in undicesima posizione a 31 punti, staccata di 6 lunghezze dal Napoli quarto in classifica. Anche per questo, la partita presenta diverse difficolta’ per la Roma. I viola sono all’ultima chiamata per non perdere la scia della lotta alla Champions Leaugue. I giallorossi, al contrario, sperano di conquistare i 3 punti al Franchi che mancano dal 23 gennaio 2005, quando la squadra allora allenata da Luigi del Neri, attuale tecnico della Sampdoria, s’impose per 2-1 grazie alle reti di Vincenzo Montella e di Antonio Cassano (rete viola di Enzo Maresca). vittoria, dunque, che manca da 5 anni: nelle trasferte successive, la Roma ha collezionato tre pareggi e una sconfitta (nell’ultima partita giocata a Firenze, il 26 aprile 2009, la Fiorentina s’impose per 4-1, unico gol giallorosso di Julio Baptista). Vittoria che Totti e compagni cercheranno di ottenere per consolidare il secondo posto in classifica e per continuare la striscia di vittorie consecutive. Ed in particolar modo il capitano questa volta non vuole mancare l’appuntamento con il gol, per sfatare uno fra gli ultimi tabu’ a lui rimasti: Francesco, infatti, non ha mai segnato allo stadio Artemio Franchi; i suoi gol alla Fiorentina sono 8 in totale ( ultima la splendida doppietta siglata nel match d’andata terminato 3-1 per la formazione di Ranieri del 20/09/2009), ma tutti siglati all’Olimpico.
 
TECNICO – Fiorentina-Roma, è anche Prandelli contro Ranieri: grazie risultati ottenuti nei rispettivi club, hanno meritato di essere considerati come possibili successori di Marcello Lippi alla guida della nazionale italiana, anche se entrambi giurano fedeltà ai club d’appartenenza. Due allenatori protagonisti di un curioso incrocio: Ranieri ha guidato la Fiorentina dalla stagione 93’/94′ sino al 96’/’97 (centrando una promozione dalla B alla A proprio nel 94′), mentre Prandelli era stato chiamato dai Sensi per sostituire Fabio Capello sulla panchina della Roma nell’estate 2004: panchina che abbandonò un paio di mesi dopo causa gravissimi problemi familiari. La squadra viola necessita di un successo, e spera di centrarlo affidandosi ai gol del suo bomber Alberto Gilardino: l’attaccante, in questa stagione, ha gia’ siglato 9 gol, 1 proprio nella partita d’andata contro i giallorossi; i suoi gol totali alla Roma sono 6, con tre maglie diverse: Parma, Milan e, per l’appunto, Fiorentina. Arbitra Rizzoli, che in una sola occasione ha diretto una partita fra queste due squadre: Roma-Fiorentina del 20/09/2009, terminata per 3-1 per la squadra giallorossa. Teniamo le dita incrociate. TATTICA –  per la partita contro la Roma, mister Prandelli dovrebbe ritornare al 4-2-3-1, dopo l’esperimento del 4-3-3 in Coppa Italia contro l’Inter. Dietro all’unica punta Alberto Gilardino, dovrebbero giocare Vargas sul versante sinistro e Marchionni sull’out di destra con Jovetic alle spalle del centravanti. A centrocampo, tre uomini per due maglie: Donadel (rientrante dopo la squalifica), Montolivo e Bolatti (fra i nuovoi acquisti del calcio mercato invernale viola insieme a Felipe, Keirrison e Ljajic). In difesa, causa la squalifica dello stesso Felipe e il probabile forfait di Kroldrup, potrebbe essere Natali ad affiancare Gamberini. Ranieri, dopo aver recuperato nel match di Coppa Italia sia Vucinic che Totti, sembra intenzionato a confermare in gran parte proprio la squadra che ha sconfitto per 2-0 l’Udinese in Coppa Italia, con il rientro di Juan al posto dello squalificato Burdisso. L’unico dubbio di formazione sembra essere il ballottaggio fra Cassetti-Motta per il ruolo di terzino destro.
 
Davide Franchini
Fiorentina Associazione Calcio S.p.a.Portieri:1- Sebastien Frey25- Vlada AvramovDifensori:2- Per Billeskov Kroldrup3- Dario Dainelli5- Alessandro Gamberini6- Juan Manuel Vargas21- Gianluca Comotto23- Manuel Pasqual- Cesare Natali- FelipeCentrocampisti:4- Marco Donadel7- Franco Semioli18- Riccardo Montolivo19- Massimo Gobbi20- Martin Jorgensen22- Zdravko Kuzmanovic24- Mario Alberto Santana34- Nikola Gulan- Francesco Di Tacchio28- Mario Bolatti-LjajicAttaccanti:8- Stevan Jovetić10- Adrian Mutu11- Alberto Gilardino28- Jefferson39- KeirrisonProbabile formazione: Fiorentina (4-2-3-1): Frey, Comotto, Natali, Gamberini, Pasqual, Donadel, Montolivo, Marchionni, Jovetic, Vargas, Gilardino.Allenatore: Cesare Prandelli

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here