ROMA AJAX TEN HAG CONFERENZA STAMPA – L’allenatore dell’Ajax Erik ten Hag è intervenuto ai microfoni di Sky Sport e in conferenza stampa alla vigilia della partita di domani contro la Roma, valida per l’andata dei quarti di finale di Europa League. Tra i temi trattati l’avversaria ed anche gli infortunati come il portiere Stekelenburg, ex giallorosso. Queste le sue parole:

Leggi anche:
Ajax-Roma, il programma della vigilia giallorossa

Su Stekelenburg e gli altri infortunati

“Non è un problema che lo terrà fermo nel lungo termine, ma dobbiamo ancora capire se domani potrà giocare o meno. Questo pomeriggio vogliamo farlo allenare. Vediamo di ora in ora come andranno le cose. Schuurs ha problemi al ginocchio e su di lui c’è un punto interrogativo. Sean Klaiber è diventato padre. Anche Blind e Mazraoui non sono in forma e non ci saranno. Non mi romperò la testa perché comunque ho 16-17 giocatori buoni da utilizzare. Abbiamo continuato a vincere anche senza Onana o Haller e questo vale anche Blind. Nonostante siano giocatori forti possiamo vincere anche senza e proporre un ottimo calcio”.

Leggi anche:
Ajax, la conferenza stampa di Timber

Sulla Roma e sugli ultimi precedenti con le italiane in casa

La Roma è una squadra divertente. Vogliono vincere con un certo modo di giocare a calcio. L’ultima volta siamo stati eliminati dal girone dall’Atalanta, ma a Bergamo abbiamo giocato molto bene. E in Champions League abbiamo eliminato la Juventus due anni fa. Firmerei per ottenere lo stesso risultato”.

ten Hag a Sky Sport

“Mi piace molto l’Italia, mi piace la cultura e mi piace la gente. Mi piace questo Paese e amo il modo in cui si vive il calcio. È una nazione splendida. La partita? Credo proprio che noi siamo in ottima forma. Siamo fiduciosi, la squadra è cresciuta ed è migliorata molto. Questo è motivo di soddisfazione per noi. Ma contro la Roma sarà difficile e dovremo essere veramente bravi per portare a casa un risultato positivo. Fonseca è un allenatore fantastico, offensivo. Non vuole solamente vincere, ma vuole anche imporsi in un certo modo e questa cosa mi piace molto. Così come mi piace il suo modo di vedere il calcio e la voglia che ha di far divertire il pubblico.”

Print Friendly, PDF & Email