CONFERENZA STAMPA TOTTI – Domani Francesco Totti annuncerà le sue dimissioni dalla Roma e per illustrerà le ragioni che lo hanno portato a questa decisione. La conferenza stampa sarà in diretta sulle reti nazionali. Come riferisce l’Ansa l’intervento dell’ex capitano, in programma lunedì 17 giugno alle 14 al Salone d’Onore del Coni, verrà trasmesso su Rai Due.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

27 Commenti

  1. Con tutto il rispetto e l’amore per Totti, ma qui ogni volta si raggiungono livelli parossistici da tragedia greca.
    Adesso pure la diretta tv per dare le dimissioni? Ma stiamo scherzando?
    Non bastava un comunicato stampa, adesso dopo la conferenza di DDR, ci sarà il secondo ropund di secchiate di merda sulla società e i suoi collaboratori.
    Per carità, questi banditi se la meritano tutta, ma in questo momento non avevamo bisogno di tutta sta cagnara.
    Comunque Francè, a presto! Fatti un giro in Qatar (perchè sono strasicuro che questo è ciò che farà), stringi contatti con gente seria e ricca. Poi torna e liberaci dal male.

  2. Poveri noi nemmeno fosse un discorso di vitale importanza x la Nazione.
    Totti ha saputo abbindolare x anni i tifosi della Roma, è moltissimi di loro hanno sempre abboccato.

    • Attento a scrive ste cose che ti fanno subito del laziale e pallottiano. Concordo pienamente con te. Prima i suoi interessi record e il suo ego e poi l’As Roma. Sempre dopo. Che finto capitano

  3. ammazza che palle!!! nun se ne pò più … prima non se poteva giocà senza totti ora sembra che senza di lui la roma è finita. se famo ride dietro da tutti con queste burinate.
    qui stiamo parlando di professionisti che scelgono il loro destino in base ad ambizioni e soldi, si può andare d’accordo oppure no. D’altronde se Pallotta non gli faceva 7 anni di contratti alle loro condizioni totti e de rossi non stavano qui statene certi. E poi non mi sembra che le squadre migliori si avvalgono delle loro vecchie glorie.
    saluti e concentriamoci sulla prossiama stagione

  4. C’erano dubbi? Altro che romanità: uno smisurato E G O che non ha nulla a che fare col giallorosso! Lo capiranno mai gli adoranti supporter del presunto gladiatore, che a loro dire si è sacrificato rinunciando a squadre molto più blasonate della Roma? Altro che rinuncia! Dove sarebbe stato così idolatrato, ben oltre i meriti calcistici non esclusivi, con la prospettiva di decidere la fine della carriera e poi quella da dirigente che, senza alcuna adeguata formazione professionale, avrebbe dovuto contare tanto, più dei professionisti del settore, contando sull’appoggio dei media compiacenti e di una certa tifoseria malata di tottismo acuto!
    Il solito finale pirotecnico, RAI compiacente + C.O.N.I.

    • Si hai ragione, un calciatore che spreca il suo immenso talento per 25 anni in una società mediocre a dir poco, che rinuncia a guadagnare il doppio e a vincere il quadruplo, che va incontro alla società quando non c’erano soldi e si fa pagare in azioni (che all’epoca de Rosellina valevano quasi il nulla), è proprio uno che pensa al suo ego…

  5. Sapete qual’è il problema vostro? La coerenza!
    Ve lamentate che vi ha stufato, però domani sarete i primi a sta incollati alle radio o alle tv alle 2…
    Sete ridicoli!

    • E quindi? Perché c’è qualche modo di non sapè quello che deve dire con una conferenza stampa al Coni, in diretta su RAI2, con le radio h24, giornali sportivi e non, decine di siti e migliaia di profili social?
      Ridicolo sei te che da domani dovresti smette di vedere la Roma perché t’appassionano gli psicodrammi di Roma Paesello Mundi.

  6. Wow
    Per fortuna lavoro contrariamente agli esperti del web di questo sito.
    Altrimenti sarei andato al mare contrariamente alle tante vedove.

  7. Ma questo sarebbe un evento da trasmettere in diretta Rai2 ? Ma siamo davvero ridicoli di come questo personaggetto possa muovere le acque. Francè fa una cosa prenditi Cristian e porta pure lui fuori da Trigoria
    e mi auguro che l’unica squadra in cui possa giocare sia la Lazio.

  8. Non ci si crede, manie di protagonismo senza fine in diretta su Rai2 come già fu per quando non giocava, ennesima prova di quanto siamo provinciali e di come trasformiamo una stagione negativa in un psicodramma da tabula rasa! Totti, eri il giocatore più forte della storia della Roma, ma devi imparare che la Roma esiste anche dopo di te (e anche dopo i pupazzi pallotta fienga e gente in erasmus tipo zanzi!) patetici tutti

  9. non l’ha certamente chiesta lui la diretta su rai2, il problema è che state parlando di un personaggio di portata mondiale non di un baldini i di un pallootto qualsiasi… e l’invi è una brutta bestia !

Comments are closed.