MALCOM BARCELLONA – L’avventura di Malcom a Barcellona potrebbe già essere ai titoli di coda. Nonostante l’esterno brasiliano fu addirittura strappato all’ultimo minuto alla Roma pur di portarlo in blaugrana, l’ex Bordeaux non è mai stato ben visto dal tecnico Valverde, visto come un acquisto non richiesto da lui e non strettamente necessario in quel momento. Il tecnico ex Bilbao ha fin qui mantenuto la parola, ritenendo Malcom un elemento non indispensabile per la rosa e utilizzandolo solamente per 25 minuti dall’inizio della stagione. Adesso, secondo quanto riporta El Mundo Deportivo, le gare che il Barcellona giocherà in questa seconda parte di ottobre contro Siviglia, Inter e Real Madrid saranno già decisive per il futuro del brasiliano in Catalogna. Se non dovesse incidere o se non dovesse proprio trovare spazio, Malcom potrebbe lasciare Barcellona già a gennaio.

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. prestito gratuito con ingaggio pagato dal Barcellona e diritto di riscatto fissato a 15 milioni.
    a queste condizioni a gennaio lo prenderei di corsa.
    Un finto mea culpa all’aeroporto e al primo gol lo perdoneremmo della scelta della scorsa estate.

    P.S.: quale giocatore professionista avrebbe fatto la scelta opposta alla sua?
    Barcellona al posto della Roma
    credo oltre 4 netti rispetto ai 2,5
    ripeto magari ce casca

    • Gia che ce stamo mettice in mezzo pure Messi e famo 20.
      Lo sai quale giocatore avrebbe rifiutato il Barcellona? Uno che era più interessato a giocare che guadagnare. Oltretutto il genio di Malcom si è fiondato subito a firmare con la società senza parlare con l’allenatore che gli avrebbe sicuramente detto “hai Messi e Dembelé davanti quindi comincia a scegliere il sedile della panca che te piace de piú”

    • Scusami, ma ci sono giocatori che anche davanti a offerte mostruose mantengono la parola data, specialmente quando stanno già seduti sull’aereo pronti a partire.

      Io non lo vorrei, sinceramente. Si è rivelato il peggiore dei mercenari.

      Accetterei di prenderlo in prestito con diritto di riscatto fissato a chissenefrega solo per metterlo in tribuna ogni domenica a beccarsi gli insulti da tutto lo stadio. Tanto per fargli capire che l’etica non è una cosa per i fessi.

Comments are closed.