Perotti gol da Champions ma il 10 e lode va a Totti

0

PAGELLE ROMA-GENOA – I giallorossi battono in extremis il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l’accesso diretto alla Champions League. Gli ospiti vanno in vantaggio con Pellegri al 3′ e Dzeko pareggia al 10′. Totti entra al 54′ e arriva il 2-1 con De Rossi al 74′ ma 5 minuti dopo il Genoa sorprende Szczesny con Lazovic. Il  3-2 arriva solo in pieno recupero con Perotti.

Giulia Spiniello

SZCZESNY 5,5. Non si vede per le parate ma solo per i gol presi. Da una sua uscita sbagliata nasce la rete di Lazovic. Peccato, sporcata la sua ultima partita in giallorosso.

RUDIGER 5,5. Difesa distratta e in affanno, e lui non è da meno.

FAZIO 6. Errori in difesa, ma la sua sponda di testa per Perotti vale la Champions.

MANOLAS 5,5. Si fa sfuggire Pellegri sul gol dell’1-0 e la partita si mette in salita. Già ha la testa ad altre destinazioni?

EMERSON NG. Sfortunato, è costretto ad uscire dopo appena 17′ per un infortunio.

DE ROSSI 7,5. Segna il gol pesante del 2-1 e in un simbolico passaggio di consegne da Francesco a Daniele. Scatenato.

STROOTMAN 7. Da un suo cross nasce la rete del pareggio di Dzeko. Si fa vedere molto in fase di proposizione e di distribuzione palloni.

NAINGGOLAN 6,5. Si vede meno in fase di attacco, ma si batte come un leone in mezzo al campo. Dalla sua punizione nasce la rete del 3-2.

EL SHAARAWY 6. Molto propositivo, tra i più attivi del reparto di attacco. Peccato per gli errori davanti alla porta.

DZEKO 7,5. Pali, assist e gol di petto di Dzeko e chiude capocannoniere della Roma. Si di lui ci sarebbe anche un calcio di rigore che l’arbitro non vede.

Dal 17′ MARIO RUI 5. Entra al posto dell’infortunato Emerson, ma non lascia traccia di sè: poco intraprendente e mai nel match.

Dal 54′ TOTTI 10 E LODE, ma non per il numero di maglia. Per quello è che ha regalato a questa squadra, a una tifoseria intera e a una città. Non indugiamo con le parole: semplicemente grazie!

Dal 69′ PEROTTI 7. Entra al posto di El Shaarawy e decide partita, campionato e prossima stagione con il suo gol che vale la Champions League.

SPALLETTI 5. Nell’ultima sfida della carriera con la maglia della Roma lascia Totti in panchina. Non riesce a catalizzare l’attenzione della squadra sull’ultimo obiettivo di stagione che fino al 90′ rischia di sfumare. Andrà via, lo stadio lo ha fischiato e oggi lo fischiamo anche noi per non aver saputo scindere i rancori personali dalle scelte di un allenatore. Buona fortuna Luciano.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here