Pagelle. Brillano solo Perotti e Kolarov. Buona la prima per Karsdorp

11

PAGELLE ROMA-CROTONE – La Roma batte il Crotone 1-0 e resta in scia delle big. La sblocca un gol pesante di Perotti su calcio di rigore. Da segnalare il buon esordio di Karsdorp.

Giulia Spiniello

ALISSON 6,5. La prima parata arriva al 37′ quando si stende in presa su Rohden. Nel secondo tempo non sono richiesti straordinari tranne la parata al 90′ Sampirisi. Chiude senza gol presi per la seconda gara consecutiva.

KARSDORP 6. Buon esordio, oltre alla fase difensiva cura anche la fase d’attacco, provando un paio di cross e tentando anche il tiro. Non gli si poteva chiedere di più dopo 5 mesi di inattività.

FAZIO 7. Novanta minuti senza sbavature. E’ su tutti i palloni da Comandante vero.

H.MORENO 6,5. Un po’ morbido su qualche marcatura ma si dimostra affidabile anche stasera dopo l’esordio di Torino.

KOLAROV 7. Un palo, un rigore procurato, dopo 6 minuti sfiora anche un eurogol. In stato di grazia!

GERSON 6,5. Una gara disciplinata senza acuti ma di sostanza. L’Olimpico apprezza, lo applaude e lui ricambia. Sintonia!

GONALONS 6,5. La serata è positiva, i compagni lo cercano e la fiducia aumenta.

NAINGGOLAN 6. Ci ha abituati ad altri livelli, ma rifiatare è d’obbligo e se riesce farlo mentre la Roma vince, allora ha vinto lui!

UNDER 6. Senza strafare svolge il compitino, arriva spento al secondo tempo e DiFra lo sostituisce.  Si può fare di più.

DZEKO 6. Una traversa a inizio secondo tempo che va a incrementare la conta dei legni collezionati dalla Roma da inizio stagione che sono 10, 4 dei quali centrati proprio dal bosniaco.

PEROTTI 7. Finalmente in gol, sblocca la pratica Crotone con un perfetto destro rasoterra a fil di palo alla destra di Cordaz. Ma non solo gol, stasera è scatenato con ripartenze percussioni. Ritrovato!

Dal 64′ DEFREL 6.  Entra al posto di Under. Subito un liscio su una buona occasione. Poco dopo sfiora la rete e sguazza nelle praterie lasciate dal Crotone.

Dal 74′ PELLEGRINI SV Entra al posto di Gerson.

Dall’81 FLORENZI SV. Entra al posto di Karsdorp.

DI FRANCESCO 6,5. Sei cambi rispetto a Torino, dà spazio ad un ampio turnover con il debuttante Karsdorp, Gonalons, Gerson e Under. Dopo il vantaggio cala il ritmo, più vivace la ripresa quando rispolvera dal dimenticatoio Defrel e inserisce Florenzi e Pellegrini. Si segna poco ma sono gol pesanti.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

11 Commenti

  1. Voti fantasmagorici…Solita prestazione alquanto scialba. Gerson, Under, Dzeko insufficienti, Nainggolan irriconoscibile rispetto allo scorso anno. Tantissima fatica contro una squadra estremamente modesta. Segnamo pochissimo e finisci per vincere grazia ad un rigore inesistente.

    • @hai ragione Vincent,il problema vero è il Ninja,gli altri ce li hanno prsentati come grandi acquisti ma per ora non vedo niente di speciale,anzi,Defrel è stato capace di fare peggio di Under,non so che partita ha visto la spiniello,deve avere la tv truccata

  2. Vittoria sofferta con un rigore inesistente. Se permettete mi aspetto di più dalla Roma in casa contro una squadra scarsa come il Crotone.
    Ad inizio stagione tutti a dire che serviva un 5º centrale difensivo, invece il problema vero è davanti, se non segna Dzeko non segna nessuno.

  3. Il rigore c’è…che volete chiede scusa al crotone?vi sentite moralisti?avete sbagliato squadra..il moralista sta a formello..il resto sti cavoli…a Vincent la quaglia vai al cinema…guarda me pare c’è a Formello…cosi te senti a casa…e pensa ai rigori della squadra tua…uno a partita…

  4. VOTi un po’ generosi stasera. Bravi Kolarov e Perotti, gli unici a sviluppare un po’ di gioco. Bene pure Gonalons e Fazio. Ma prova deludente in generale.

  5. Carissimi Vincent Vega e Claudio, avete letto la formazione? era praticamente una squadra di seconde linee (6/11 cambiati). Nonostante tutto siamo riusciti a vincere abbastanza bene ma abbiamo avuto sfortuna sui pali. E chi se ne frega se si segna pochissimo. Come dice Adem, meglio vincere 38 partite 1-0 in un campionato piuttosto che alcune 4-0. Rispetto agli anni scorsi sembra che finalmente i titolari risparmino energie.

    • Se giochi così male (zero schemi, zero gioco, pochissime occasioni) difficile fare punti con le 4 squadre decenti di questo campionato. Peraltro non è che con i presunti titolari sei andato meglio. Occorre un salto di qualità sostanziale. Aspetto Schick e spero. Mi chiedo anche come e perché un giocatore devastante come Nainggolan sia stato trasformato nell’interno insignificante che vediamo oggi.

  6. Massimo risultato con il minimo sforzo e la Roma deve certamente migliorare (e questo lo sa per primo Eusebio). Come ogni squadra in ricostruzione, però, e che deve apprendere un nuovo sistema di gioco, come sempre, si inizia dalla fase difensiva e mi sembra che i risultati sono ottimi… sarebbe carino vedere un po’ di autocritica da chi fino, a pochissime settimane fa diceva che avremmo preso 3 gol a partita…ma sono certo che, come sempre, non ci sarà…

    Detto questo… si deve naturalmente migliorare la fase offensiva, acquisendo un po’ di velocità nelle verticalizzazioni (cosa che non poteva essere semplice nell’immediato con centrocampisti abituati da sempre a giocare in orizzontale, ad eccezione di Pellegrini e Gonalons).
    In ogni caso, stiamo parlando di una partita in cui hai avuto un possesso palla totale e con un po’ più di cinismo potevi comunque fare un paio di gol…

    Per quanto riguarda i nuovi acquisti:

    – Kolarov: non ci sono parole, solo applausi, miglior acquisto per qualità/prezzo del 2017

    . Gonalons: il miglior verticalizzatore della Roma e sta tornando quello del Lione… aspettiamo un paio di settimane e vedrete

    Moreno: non mi pare una “sega” come qui ho letto…un difensore con i piedi delicati che, insieme a Fazio, può essere il playmaker difensivo

    Under: non ha giocato certamente bene, ma è un ragazzino abituato a giocare in modo completamente diverso (andare dritto in verticale, mentre ora deve andare all’interno per lasciare spazio al terzino) e che è, per caratteristiche portato a mostrare le sue doti con squadre che attaccano (non è un caso che le partite migliori le ha giocate in trasferta). Io aspetterei un attimo… non dimenticando che quando capirà e parlerà l’italiano le cose miglioreranno nella comunicazione in campo.

    Defrel: è stato acquistato per essere il sostituto di Dzeko (quindi giocare forse 10 partite l’anno) e non lo ha mai fatto…costato un po’ troppo? Probabilmente…

    Pellegrini: un giocatore che viene dal Sassuolo e che è ormai, di fatto, il titolare del centrocampo….

    Shick: non lo abbiamo mai visto e. al netto di ciò che ho affermato prima sul doveroso miglioramento della fase offensiva, la roma migliorerà con lui in campo…

    FORZA ROMA!

    P.S: Nonostante tutti i miglioramenti che la Roma DEVE fare, abbiamo fatto più punti dell’anno scorso e siamo “potenzialmente” a 1 punto dalla Juventus… per questo motivo, questi commenti sono veramente fuori luogo…

  7. Il problema non e` soltanto segnare poco o tanto, ma quello che mi preoccupa e` il gioco che, a volte latita. Senbra che non sappiano cosa fare con la palla. E inevitabilmente, finisce con l’essere passata indietro. Se questa e` la Roma che deve lottare per lo scudetto, scordiamocelo e puntiamo a un posto in Champions League, e` piu` onesto. Ma qui` pero`, bisogna cominciare a tirare le orecchie alla Societa`Roma e la sua conduzione un po’ paesana.

  8. mah, ci sta pure di giocare al trotto in un turno infrasettimanale, ma io ho visto un’altra partita buona solo per i 3 punti, dove per fortuna nostra il Crotone aveva già deciso di non provarci neanche a giocarla. E comunque, se fai 1-0 al 10° del primo tempo, contro una squadra che ha vinto una sola partita perse 6, logica vorrebbe che si spinga per fare subito pure il 2-0 e chiudere la partita. A quel punto puoi amministrare non giocando più per i restanti 80 minuti con buona pace di chi è andato allo stadio 🙂

    soprattutto perché a 15 minuti dalla fine, se vinci solo 1-0 pure il Crotone si convince che può ancora pareggiare e infatti c’hanno provato e fortuna che sono delle pippe al sugo incredibili o rischiavi la beffa.

    Comunque, si segna poco non perché manchi l’attaccante forte davanti (pure quello9, ma più per la manovra della Roma che è inesistente e si basa solo sui singoli. Anche a Londra, i gol sono stati un’invenzione di Kolarov, un lancio lungo di Fazio con gol incredibile di Dzeko (che dio ce lo preservi così per sempre) e sempre Dzeko da calcio piazzato. Ieri il rigore e poi niente più. Il palo di Dzeko sempre per invenzione sua ma sovrapposizioni poche o nulle, Perotti che fa tanto fumo ma poi alla fine quante occasioni da rete crea? 1 in 90 minuti. Under servito quasi mai. La palla in pratica la davano solo a Kolarov e Perotti che provava a driblare tutti e puntualmente, alla fine, o la perdeva o se gli andava bene, era angolo. E una squadra troppo lunga per fare sto 4-3-3.

    L’unica nota positiva Gonalons. Un giocatore che sa giocare a pallone e sa stare in un 4-3-3 perché si sa far trovare smarcato, sa eludere la pressione del suo marcatore e c’ha visione di gioco, insomma, può impostare l’azione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here