PAGELLE. Under straripante. Dzeko prima nebbioso poi rabbioso e generoso

6

PAGELLE ROMA-BENEVENTO – La Roma soffre oltremisura in avvio, poi si sveglia con le prodezze di Under: assist per Dzeko prima della sua doppietta personale al terzo gol nel giro di una settimana. A segno anche Fazio e Defrel per i giallorossi, Giullerme e Brignola per i sanniti. Missione compiuta per  Di Francesco che scavalca la Lazio e torna quarto, in piena zona Champions e a -1 dall’Inter.


Giulia Spiniello

ALISSON 6. Sul primo gol è ingannato dalla deviazione di Manolas. Sul secondo non ha colpe personali.

FLORENZI 6. Non è il Florenzi delle serate migliori. Si vede poco in attacco e ha colpe specifiche sul gol di Brignola, quando si fa anticipare lasciando l’avversario libero di battere a rete.

MANOLAS 6. Sfortunato sulla deviazione del pallone calciato da Guilherme che s’insacca a fil di palo alla sinistra di Alisson. Come tutto il reparto questa sera non riesce a tenere la concetrazione permettendo al Benevento di fare per la prima volta 2 gol nella stessa partita in trasferta in questo campionato.

FAZIO 6,5. Bravo ad anticipare e svettare più in alto di tutti e trovare il gol con un preciso colpo di testa. Decisivo in attacco, ma distratto in difesa: sul secondo sigillo campano si dimentica di pressare il portatore di palla avversario.

KOLAROV 6,5. Da una punizione sulla trequarti sinistra pennella la palla che Fazio spedisce in rete per il gol del pareggio. Corsa incessante e cross letali.

STROOTMAN 6. Si inserisce poco, predilige i calci lunghi a saltare la linea mediana avversaria. Non convince del tutto in fase difensiva.

GERSON 6,5. Lotta e rincorre, recupera palloni. Legge bene i movimenti degli avversari in un ruolo oggi molto delicato. Se la cava bene!

UNDER 8. Si batte con ardore per tutto il match. Nella ripresa si posta dietro Dzeko, ma l’esperimento dura pochi minuti: con l’ingresso di Defrel torna sulla destra dove fa le cose migliori: serve l’assist gol al bosniaco e realizza poco dopo il 3-1 con un preciso sinistro rasoterra, la sua seconda marcatura consecutiva in Serie A. Non è finita qui, perchè il piccolo turco è straripante e punisce Puggioni con la sua prima doppietta giallorossa.

PEROTTI 6,5. Torna titolare dal primo minuto e va a occupare la mattonella del trequartista dietro Dzeko con compiti di raccordo tra centrocampo e attacco. Si muove molto, forse anche troppo lasciando il bosniaco troppo isolato. Più utile nella ripresa favorito anche dal cambio di posizione, sulla sinistra: serve l’assist per Under e porta idee e generosità.

EL SHAARAWY 6,5. Dai suoi piedi nascono pericoli al 9′, al 20′ e al 41′, è lui ad animare la rimonta dopo la falsa partenza. Non convince però Di Francesco che decide e di toglierlo nei primi minuti del 2° tempo.

DZEKO 6,5. Non incide sul primo tempo, tocca pochi palloni e arriva morbido sui quei pochi che intercetta. Si riscatta nella ripresa con il gol di testa e annessa “non esultanza” andando a guadagnarsi il calcio di rigore. Bello il gesto con cui concede a Defrel la chance di segnare dal dischietto.

Dal 55′ DEFREL 6,5. Entra al posto di El Shaarawy e si  posiziona trequartista dietro Dzeko. Il suo ingresso scuote la squadra che in pochi minuti raggiunge il vantaggio e il 3-1. Ma è sopratutto la serata del suo primo gol in giallorosso: freddo quanto basta dal dischetto, spiazza con sicurezza Puggioni.

Dall’81’  DE ROSSI SV.  Entra al posto di Under.

Dall’88’ SCHICK SV. Entra al posto di Perotti.

DI FRANCESCO 7. Inizia con Perotti trequartista, ma evidentemente non lo convince. Dopo la falsa partenza e il pari di Fazio, nella ripresa rivoluziona tatticamente la squadra, spostando prima Under dietro Dzeko con El Shaarawy a destra e Perotti a sinistra, e poi sostituendo il Faraone e spedendo Defrel dietro il bosniaco. La Roma si sveglia e dopo 11 partite torna a segnare più di un gol.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

6 Commenti

  1. Bravo anzi molto bravo Ünder. Dzeko anche con gol e rigore procurato non ha convinto. Male Perotti, male pure Florenzi. Un po’ meglio El Sha. Forza Roma!

  2. Florenzi da troppo latita..sarà il contratto o il fatto che dopo il goal con il barcellona gli hanno fatto credere di essere il nuovo Bale? Perotti sta alla frutta, più di 15 partite buone in stagione non le ha mai fatte. Kolarov da applausi ma sfinito, urge sostituto..Strootman fa il compitino come un ragazzino della primavera. Per il resto finalmente Under, bene Defrel, Dzeko va caricato perché sennò si immalinconisce, il carattere si è capito non è il suo forte. Dai che piano piano ritroviamo qualche certezza, l’Inter sta peggio di noi, basta convincersene..

  3. Non comprendo bene la frase “cross letali” relativamente a Kolarov. Ok l’assist per Fazio, applausi sinceri, ma mi sembra sia stato l’UNICA palla colpita bene; per il resto o palle a mezza altezza o rasoterra, puntualmente intercettate.
    Non ho nulla ovviamente contro Kolarov, però spero davvero che questo Silva sia qualcuno perché il “nostro” ha bisogno di riposare, ma TANTO bisogno, anche di testa: la finta/tacco che fa almeno un paio di volte a partita ormai l’hanno capita pure le formiche… e non è come Delvecchio che quelli ce cascavano comunque anche se la conoscevano 🙂 qui ormai gliela prendono SEMPRE!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here