Kolarov è sempre er più. Schick non graffia, Dzeko entra e sbaglia

6

PAGELLE CHIEVO-ROMA – Secondo pareggio esterno consecutivo dei giallorossi che a Verona contro il Chievo non vanno oltre lo 0-0. sfuma l’occasione ghiottissima di accorciare in classifica dopo il pari nel big match tra Juventus e Inter.

Giulia Spiniello

ALISSON 6,5. Le occasioni per mettersi in mostra sono poche grazie alla solidità della difesa giallorossa e alla poca propensione offensiva degli avversari.

PERES 5,5. La catena con Gerson non funziona benissimo. Troppo lento nel risalire e poco reattivo in fase difensiva.

FAZIO 6,5. Fa il suo e aiuta i compagni. Di testa le prende tutte lui.

JESUS 6,5. Torna titolare dal 1′ e si conferma con letture e chiusure intelligenti e decisive, si prende anche licenza di impostare palla al piede.

KOLAROV 7. E’ sempre il più sudato di tutti, scatta, crossa, rientra che è una bellezza, pericoloso su punizione e sul tiro da fuori. Il migliore!

NAINGGOLAN 6. A tutto campo con la fascia da capitano, normale che non riesca sempre ad essere lucido in ogni fase.

GONALONS 6,5. Di Francesco gli dà fiducia dall’inizio e lui ripaga costringendo Sorrentino alla prima parata del match. E’ il più pericoloso della Roma sfiorando ancora il gol al 60′.
Pesano alcuni errori di impostazione e nella gestione della palla.

STROOTMAN 6. Molto avanzato, tra i centrocampisti è quello che supporta di più l’attacco. Evitabile il giallo che prende per proteste.

GERSON 5. Sull’assalto romanista a metà primo tempo si mangia un gol incredibile. Senza infamia e senza lode.

SCHICK 6. Parte titolare dal 1′, non accadeva dallo scorso maggio. Poche le opportunità per farsi notare, eccetto al 23′ quando potrebbe segnare un eurogol di tacco e al 82′ quando si oppone un grande Sorrentino. A volte è ancora lento rispetto alla velocitá con cui viaggia la Roma.

EL SHAARAWY 6. Il gioco ruota tutto intorno a lui, dai suoi piedi nascono azioni di qualità. Manca il guizzo decisivo.

Dal 63′ DZEKO 5. Entra al posto di Gerson. Partito dalla panchina dopo 22 partite consecutive da titolare, fallisce due occasioni enormi.

Dal 71′ PEROTTI SV Entra al posto di El SHaarawy.

Dal 79′ UNDER SV. Entra al posto di Strootman.

DI FRANCESCO 6 Rinuncia per la prima volta a Dzeko dal primo minuto salvo rispolverarlo in corsa d’opera. La Roma crea tantissimo ma fatica a concludere. Nel finale prova il tutto per tutto con gli ingressi di Perotti e Under, purtroppo senza fortuna.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

6 Commenti

  1. ahahahahahah patetico . E modera i termini pulcino.
    Punto primo momenti ce segna il Chievo per ben 2 errori GROSSOLANI del tuo idolo biancoazzurro; azzecca si e no 2 cross a partita e mezzo calcio d’angolo ; fa sacrificare l esterno di turno sulla sua fascia per la sua lentezza e incapacita fisica.
    Te basta buri?

  2. 6.5 a Juan Jesus? Levate il vino da tavola a colui o colei che ha dato i voti. E poi, a voler vedere bene le cose, il Chievo si e` mangiato almeno tre chiare occasioni da gol. E` vero che la Roma ha sempre attaccato, ma e` vero anche che i nei contropiedi (ripartenze) il Chievo erano frecce.

  3. ER vino te lo devono leva a te…..le partite bisogna vederle da davanti lo schermo…..se il Chievo ha avuto 3 palle goal…la Roma ne ha avute 25……..se Sorrentino ha preso 9 e Alisson ng un motivo ci sarà.. .Juan media il voto è meritato..poi se deve essere considerato puppa a priore…allora alzo le mani..come LALLOPUZZAPECORINO che considera Kolarov peggior in campo…non si possono.far passare MENZOGNE per verità..il miglior terzino del campionato e della Champions …siccome lui è PIGIAMATO rosica ancora del rigore del derby…e allora lo deve fa passa per un vecchio pippone…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here