Dzeko perfetto, Spalletti specialista da trasferta. El Shaarawy da ruota di scorta ad amuleto

1

PAGELLE MILAN-ROMA – I giallorossi calano il poker a San Siro. La Roma batte il Milan 4-1 grazie alla doppietta di Dzeko e ai gol di El Shaarawy e De Rossi. Di Pasalic la rete rossonera. Spalletti consolida il secondo posto con la sesta vittoria consecutiva in trasferta, come nessuno nella storia della Roma.

Giulia Spiniello

SZCZESNY 6. Per lo più trascorre il tempo a guardare i compagni. Si vede su una respinta ai danni di Suso e poi per il gol preso senza colpe.

EMERSON 7. Fa buona guardia e fa ripartire la squadra. Sfiora il gol. Per gran parte della gara è tra i più presenti ed efficaci.

JUAN JESUS 6. Puntuale sulle chiusure, ordinato nel far ripartire il gioco. Non lascia occasioni fino al 75′ quando si perde completamente Pasalic. Sfortunato.

MANOLAS 7.  Rischia su Paletta con un fallo che Rizzoli non giudica da rigore. Per il resto sbaglia veramente poco, oscura completamente Lapadula e legge in modo impeccabile tutte le situazioni.

FAZIO 7. E’ sempre presente con un gran senso della posizione. Si affida alla sua esperienza e va bene.

PAREDES 6,5. Tocca a lui sostituire lo squalifcato Strootman. Entra sul gol del raddoppio di Dzeko con un calcio d’angolo battuto egregiamente. Fa anche un gran lavoro difensivo in mezzo al campo.

NAINGGOLAN 7. Costantemente nel vivo delle azioni offensive con le sue incursiosni crea parecchi grattacapi alla difesa di Montella, sfiorando anche la marcatura personale.

DE ROSSI 7. Bene a raddoppiare e tenere alta la squadra. Gioca come al solito moltissimi palloni con lucidità, recupera palloni con freddezza e chiude la gran prova con una punizione perfetta che si trasforma nel 3-1 del Faraone. Chiude con la trasformazione del rigore che regala il 4-1 finale.

DZEKO 8. Gol e assist. Sblocca subito il risultato con un gol capolavoro e con una doppietta da bomber vero. Si fa un bel regalo arrivando a 37 reti stagionale e a 27 in campionato che non solo lo fanno fa salire primo solitario nella classifica marcatori, ma gli fanno superare anche il record fin qui detenuto da Totti. Serve il pallone per il go ldi El Shaarawy.

PEROTTI 7. Ritorna dal 1′ preferito a El Shaarawy. Ci mette voglia sia in difesa che in attacco. Prende un palo e fa impazzire i rossoneri con le sue ripartenze e gli uno contro uno.

SALAH 7. Subito un acuto con un’azione magistrale che manda in gol Dzeko e sale anche lui in cima alla classifica degli assistmen con 10 giocate vincenti.

Dal 60′ EL SHAARAWY 6,5. Entra al posto di Perrotti e trova la giocata vincente su cui Donnarumma non può nulla: un gol importantissimo perché spegne il ritorno del Milan dopo il momentaneo 1-2.

Dal 71′ GRENIER  SV. Entra al posto di Nainggolan ma non fa in tempo a carburare.

Dall’83’ PERES SV . Entra al posto di Dzeko.

SPALLETTI 6,5. Deve rinunciare agli squalificati Rudiger e Strootman e allora rilancia Juan Jesus e Paredes, spostando Emerson a destra. La squadra fa la partita sin dal primo minuto e si rende pericolosa con grandissima frequenza. Si regala il record di vittorie esterne consecutive della Roma, 6,  ma delude San Siro (e non solo) lasciando in panchina Totti per quella che poteva essere la sua ultima apparizione a San Siro.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. Ma davvero siete delusi dopo una vittoria esemplare perché il vostro idolo non è entrato in campo? Io sono tifoso della Roma e tutti i calciatori di tali colori sono il patrimonio fondamentale per risultati validi e conta la partita di tutta la squadra che non può essere ridimensionata da un’assurda idolatria, quella tottiana, che ostacola il corretto tifo per i colori giallorossi. Mi aspettavo almeno da chi scrive sui media maggiore maturità!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here