Le pagelle di Roma-Blackburn: **Riise croce e delizia, Taddei moto perpetuo

0

 
da Bolzano
Arianna Botticelli
 
La Roma chiude il ritiro precampionato con una prova positiva, vincendo ai rigori e sfatando il tabù degli undici metri. Ottimo Artur, alla miglior prova in giallorosso. Taddei un moto perpetuo, volenteroso Okaka, Riise croce e delizia, opaco Cassetti.
 
Artur 7: Reattivo, mostra ottime qualità e si oppone positivamente agli ai tentativi inglesi. Forse, la sua miglior partita a Roma.
 
Cassetti 5,5: Impreciso in fase di appoggio, discontinuo in fase difensiva. Era sembrato tra i più in forma nei primi test. Un passo indietro. (dal 18’st Crescenzi 6: Prova a proporsi, ma senza troppa continuità,. Bene un intervento in chiusura. A fine gara Spalletti i ferma a parlare con lui, segno di quanto il tecnico creda nelle doti di questo esterno duttile e coraggioso).
 
Mexes 6,5: Un paio di interventi pregevolissimi dietro. Bravo anche a riproporre l’azione in verticale come vuole Spalletti. Studia da leader e si vede. (dal 1’st Faty 6: Il tecnico lo vede centrale di difesa, lui si adatta, deve migliorare ancora molto, ma sembra potersi ritagliare una carriera differente rispetto a quella che si stava delineando).
 
Riise 6: Bravo, bravissimo in occasione della 8nizione che teletrasporta in porta senza che Robinson possa battere ciglio. Male, e molto, dietro, quando regala il gol del dueauno a Gallagher. Chiude da terzino prima di lasciare il posto al 45’st a Virga (s.v.).
 
Antunes 6,5: Aveva destato impressione la regressione mostrata in questo ritiro. Da un pio di giorni sembra tornato il terzino capitano del Portogallo Under 21. Bene in fase di spinta. Ha bisogno di giocare. (dal 18’st Malomo 6: S vede poco, e per un difensore non è una cattiva notizia. In questo ritiro è cresciuto molto. Spalletti lo stima).
 
Taddei 7: Moto continuo. Corre e non si ferma, spinge, ripiega, chiude. E segna. Spalletti lo ritiene incedibile. Se, come sembra, i problemi che lo hanno tormentato sono definitivamente alle spalle, questa potrà essere la stagione del rilancio. (dal 1’st Greco 6: Ordinato. Non brilla, ma sbaglia pochissimo. Realizza il primo rigore della serie. Se sta bene, merita almeno una buona serie B).
 
Pizarro 6: Meno brillante delle ultime occasioni. Dirotta palloni a destra, a sinistra e verso Totti. Ne sbaglia pochi, ma manca dell’invenzione decisiva. (dal 1’st Barusso 6,5: Voto alla caparbietà del ragazzo. I piedi sono quello che sono, ma corre, rincorre e prova anche un paio di conclusioni. Alte, come sempre. Calcia in porta un rigore rabbioso nella sequenza che regala alla Roma il trofeo).
 
Brighi 6,5: Instancabile. I tifosi lo accolgono con entusiasmo e si sbilanciano in chiave mercato chiedendogli di rimanere. Lui ripaga tutti con il solito impegno (dal 26’st Pit 6,5: Spalletti in conferenza ha speso parole belle per l’uomo e il giocatore. Lui si mette a disposizione e non fa mancare un contributo di dinamismo. E’ tutto quello che può dare, ma lo dà senza tirarsi indietro).
 
Guberti 6: Solita corsa, forse un pelo meno qualità del solito. Ma, come dice Spalletti, la fascia sinistra è casa sua (dal 18’st D’Alessandro 5,5: Da lui, a torto o a ragione, ci si aspetta qualcosina di più. Con la Primavera è un folletto imprendibile. In prima squadra stenta e appare timido. Ha solo diciotto anni. Crescerà).
 
Totti 6: Il capitano è il capitano. SI sacrifica, stretto nella morsa di difensori che, amichevole o no, non lo lasciano respirare. Se si accende, si accende la Roma. (dal 1’st Esposito 5,5: Ci mette voglia, ma non basta. Non calcia mai verso la porta, non aiutato da un attacco che non c’è).
 
Okaka 7: Finalmente Stefano. Il gol rimane una chimera. Ma si segnala pre n pregevole lavoro in fase di recupero, per una serie di giocate non male e per il pallone sradicato sulla trequarti e consegnato a Taddei per l’1-0. Bravo.(dal 26’st Stoian 6: Ci prova, manca forse di cattiveria giocando però fuori ruolo).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here