WEB RADIO ROMANEWS – Torna l’appuntamento con la rassegna stampa sulla Web Radio di Romanews si riparte con Non Rassegniamoci”. Dalle 7.30 alle 10.30  Federico Prosperi, Paolo Sparla e Adriano Cesarini vi terranno compagnia con la lettura dei principali quotidiani sportivi, ma non solo: commenti, notizie, esclusive, collegamenti con giornalisti e aggiornamenti sulla Roma, rigorosamente in diretta.

COME ASCOLTARCI – Sulla homepage di Romanews.eu basta cliccare sul banner in alto, oppure visitare direttamente il canale della nostra Web Radio su Spreaker (https://www.spreaker.com/user/romanews.eu). In alternativa si può seguire live l’incontro visitando la nostra nuova applicazione Romanews.eu, disponibile sia per dispositivi Apple che Android, e cliccare sul microfono in alto a destra.

COME INTERAGIRE CON NOI – Potete intervenire in diretta, commentando live sulla nostra pagina Facebook Web Radio Romanews, oppure inviando un messaggio (SMS o Whatsapp) scritto o vocale al numero 3926525501.

I COLLEGAMENTI – Durante la prima ora di trasmissione spazio alla rassegna stampa. Dalle 8.30 i collegamenti: si parte con la nostra bionda al comando, Giulia Spiniello, caporedattrice di Romanews.eu. Alle 9.00 è l’ora di Fabrizio Aspri, direttore Romanews.eu. Alle 9.30 appuntamento con Romeo Capelli (Unione Tifosi Romanisti), mentre in chiusura alle 10.00 Nicola Gallo (TuttoSport/Radio Sportiva).

Queste le dichiarazioni di Nicola Gallo (TuttoSport/Radio Sportiva):

Parliamo un po’ della Juve come si sta vivendo questa sfida a Torino?
“Guarda sinceramente c’è una tensione più bassa rispetto al passato perché la Juve ha due finali ma sopratutto quella di Champions. Per noi tifosi della Juventus è un ossessione la Coppa Campioni. Due vinte e sei perse. Visto anche i 5 scudetti consecutivi e le due coppe la lacuna che si vuole colmare è quella. Il sesto scudetto è fondamentale anche per entrare nella storia ma c’è anche un vantaggio tale che mette a riparo da sorprese anche da sconfitte all’olimpico. Le possibilità della rimonta romanista sono poche questa sfida o. La Roma dovrebbe fare punteggio pieno e poi sarebbe bastato un pareggio nel derby per renderla padrona del proprio destino e sperare in un passo falso della Juve“.

La Roma giocherà per il secondo posto contro una Juve così…
“Assolutamente d’accordo anche se per un calcio italiano io non voglio più vedere un estate con un preliminare perso. È incredibile di come l’Italia sbaglia quel turno preliminare si è un vantaggio giocare dopo rispetto al Napoli ma dipende sempre da quello che gioca prima”.

Roma-Juventus. Che partita prevedi a livello tattico?
“Sinceramente siamo in difficoltà qua da quando con la gara della Lazio allegri prova questo cambio tattico con Mandzukic fondamentale, ora bisogna vedere se si continua a mantenere questo modulo e costringere 4 attaccanti a disposizione. Bisognerà vedere come la Juve scenderà in campo anche in difesa ce ne sono. Davanti c’è poca alternativa ma mi aspetto che qualcuno riposi”.

Una probabile formazione, ci sarà turnover?
“Secondo me la Juventus farà una partita tranquilla senza rinunciare alla sua qualità. Cuadrado ha riposato di più. Sturaro in mediana. Tra MandzukicDybala e Higuain qualcuno riposerà.
Al centrocampo Pjanic che è squalificato in coppa penso giocherà accanto a lui Marchisio e Rincon. In difesa Lichtsteiner Bonucci Chiellini Asamoh e in porta Buffon, amico di Totti, da cui a preso molti gol. Io penso che davanti qualcuno riposerà per evitare problemi fisici per le due finali”.

Allegri tutelerà qualche giocatore in vista delle due finali?
“Sulla possibilità che alcuni possono tirare indietro la gamba ho qualche dubbio. Questa Juve dal punto di vista mentale è mostruosa. Per cui mentalmente è sempre affamata e ha pochi eguali. Sotto questo profilo sono dei super uomini anche se il pensiero va a Cardiff occasione unica per Buffon è un’ossessione”.

Pallone d’oro a Buffon?
“Sarà quella anche una gara tra lui e Ronaldo anche quella di Cardiff. Credo che lo meriti gigi anche per dare merito a questo ruolo del portiere. Nel 2014 Neuer lo meritava”.