Virtus Fenice-Roma Calcio Femminile 2-6: giallorosse alla Final Four

0

ROMA CALCIO FEMMINILE – Chiamatelo miracolo (sportivo), chiamatela impresa o più semplicemente voglia di una squadra di non mollare fino alla fine e che è andata sul campo della Fenice convinta di poter ribaltare il pesante passivo (1-5) della partita di andata. Questa è stata la Roma Calcio Femminile che è riuscita ad imporsi per 6 a 2 accedendo alle Final Four, al termine di una partita combattutissima, a tratti rocambolesca.

LA CRONACA:  Il primo tempo si è concluso con il risultato di 1 a 1 (gol di Mellal) con le giallorosse che non brillano e vengono tenute a galla dal portiere Ricci che limita il passivo con parate decisive. Tutta altra musica il secondo tempo, le ragazze della Roma cambiano marcia, aumentano la pressione e in quindici minuti riescono a segnare 3 reti (2 Mellal, 1 Bartolini). La partita si ferma, poi, per ben 7 minuti a causa dell’infortunio a Mellal portata in ospedale, ma la pausa non spezza l’incanto. Si riprende con il goal di Santilli per le giallorosse e due parate di Ricci su tiro libero. Ad un minuto dalla fine succede l’incredibile, le giallorosse prendono la rete che taglierebbe le gambe a chiunque, perché è quella che farebbe dire addio alla Final Four dopo tanta fatica, ma la partita non sì è ancora conclusa, Santilli non si arrende e riesce nell’impresa segnando il 6 a 2 che regala alla Roma cf la qualificazione alla finale di Coppa. La vittoria è anche per Fabiana Alessandro, giocatrice giallorossa che dovrà operarsi per la rottura del crociato.

Le giallorosse han messo in campo tutto: cuore, grinta, tecnica, forza, orgoglio, bravura… Così hanno avuto la meglio sulla Virtus Fenice che dopo la gara vittoriosa dell’andata pensava probabilmente di avere la qualificazione in tasca. Le arancionere, però, non hanno considerato il grande carattere e voglia di vincere della squadra di quest’anno di Capatti che ha fatto vedere che in nessun caso, neanche partendo da uno svantaggio di 5 a 1,  si sente una vittima sacrificale. Peccato per l’infortunio a Mellal che ha guastato la festa finale. Dell’entità dell’infortunio alla caviglia ne sapremo di più oggi dopo tutti gli esami strumentali, ma comunque sembrerebbe meno grave del previsto. In bocca al lupo a lei.

Ecco i commenti finali di mister Capatti: “Lo avevo detto dopo la gara di sabato: regaliamoci un sogno chiamato Final Four e lo abbiamo fatto. Le ragazze hanno fatto qualcosa di straordinario, ribaltando un 5 a 1 difficile da digerire per chiunque. Lo hanno fatto a modo loro, giocando, soffrendo, rischiando… ma lo hanno fatto. Siamo soddisfatti del percorso che stiamo facendo e questa Final Four è il giusto premio per tanti sacrifici. Ho ancora negli occhi le lacrime del primo anno dopo il ritorno dei quarti a Rieti e lì mi promisi che le avrei portate a giocare una Final Four. Promessa mantenuta. Voglio dedicare questa qualificazione a due ragazze (e non me ne vogliano le altre): Mellal uscita per infortunio e Silvia Ricci, estremo difensore che finora in Coppa ha sostituito degnamente Valeriani, portandoci all’atto finale. Senza troppo entusiasmo, però, perché sabato ci aspetta un’altra battaglia da vincere”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here