Spalletti: “Domani faremo un turnover ragionato. Florenzi? Temo un altro intervento”

0

VILLAREAL-ROMA – L’allenatore giallorosso, Luciano Spalletti, interviene alle 17.45 in conferenza stampa insieme a Fazio alla vigilia di Villarreal-Roma, match di Europa League.

ROMANEWS.EU SEGUE LA CONFERENZA IN TEMPO REALE
(In redazione: Casoli)

LA CONFERENZA STAMPA

Che sensazioni ha su questa partita e sul Villarreal?
“Le sensazioni sono quelle che noi cerchiamo, perché noi vogliamo giocare queste partite qui, dobbiamo essere adatti a giocarle. Adesso ci siamo ricascati. Abbiamo fatto un bel girone di qualificazione e ora siamo davanti a una grande squadra, per riconfrontarsi e fare un bell’esame. Loro sono una squadra forte, può succedere di giocare meglio con le grandi che con le piccole. Loro stanno bene in campo e hanno giocatori forti. Hanno avuto qualche infortunio in questo periodo, ora li hanno ritrovati, anche Soldado. Prendono pochissimi gol, stanno corti in campo, stanno tutti in 25 metri. Ripartono con la loro velocità e la loro qualità tecnica, un po’ caratteristica delle squadre spagnole”.

Fazio ha detto che volete vincere tutto…
“E’ bello grosso, regge bene i carichi di responsabilità”.

Farete un turnover ragionato?
“Sì, è un modo corretto di dirlo. Però poi abbiamo più possibilità di ragionarlo questo turnover. Anche quelli che hanno giocato di meno sono calciatori che possono sostituire senza perdere molto. Il fatto di aver giocato di meno può essere un handicap, li valuteremo quando li faremo giocare con continuità, quando si hanno 2-3 giorni è un altro conto, la cosa riguarda più il campionato, è chiaro che lì bisogna intervenire in maniera massiccia sulle sostituzioni e sulla formazione titolare, ma noi in questi giorni qui abbiamo recuperato”.

Escribà ha detto che siete una delle favorite…
“Per quanto riguarda questa partita qui io penso che sarebbe stato meglio disputarla più in la, sono due formazioni forti. Il loro allenatore vuole darci responsabilità a noi, ma le ha anche lui. Lui ha sostituito Marcelino perché hanno ambizioni. E’ una partita che sarà difficile venirne a capo, sono due squadre titolate, che hanno qualità a disposizione, bisognerà essere bravi subito domani sera, subito all’altezza, far vedere subito nella prima partita quali sono le nostre qualità, dobbiamo assolutamente fare risultato domani. I giocatori e l’allenatore non possono nascondersi, come nessuno che porta il nome di Roma. E’ uno stadio insidioso, c’è un pubblico vicino che ti crea l’insidia del calore umano, fa dare qualcosa di più ai calciatori. Quello che cerchiamo noi in Italia”.

Le condizioni di Florenzi?
“Ero nello spogliatoio quando è rientrato, mi ha detto “Mister ho risentito male al ginocchio”. Mi è preso lo sgomento. Ho parlato col dottore e hanno fatto gli esami. C’è il rischio che questo trauma distorsivo gli abbia creato delle complicazioni. Non gli è migliorato né ieri sera e né stamani. Lui è forte sotto questo aspetto qui, voleva parlare della partita e ci stimolava. Il dottore ha detto che bisogna riguardare bene venerdì, ci sono questi due giorni di riposo per guardare più chiaro tutto. Se c’è qualcosa il pensiero mio va al ragazzo, non al calciatore. Mi interessa la reazione del ragazzo”.

Ci sarà ancora Alisson in coppa?
“Posso rispondere che domani sera gioca Alisson, in futuro si vedra”.

Giocherete con il solito calcio allegro e spettacolare domani?
“Il nostro è un calcio in cui cerchiamo di vincere la partita, non solo di essere allegri. Il Villarreal ha la qualità di giocare di rimessa e di chiudersi bene. Potrebbe diventare difficile la partita di ritorno. Noi dobbiamo giocare bene domani. Siamo una squadra che ha una sua forza e bisogna tentare di mettere tutto in pratica. Per vincere dobbiamo fare gol e se si riesce a farne più di uno è ancora meglio. Dobbiamo mantenere l’attenzione sulle ripartenze”.

Teme una nuova operazione per Florenzi?
“Temo di tutto, per cui la mia è una sensazione di malessere”.

Come sta Dzeko? È insostituibile?
“Questo fatto che poi bisognerebbe andare a cercare altre qualità di squadra è vero ma è una cosa che si può fare, l’ho già fatta l’anno scorso. Ora che è tornato Salah possiamo variare davanti e questo potrà anche succedere nel turn-over. Insostituibile per quelle caratteristiche lì sì, però con le punte leggere giocare è possibile. Può anche dare più risultato perché l’anno scorso i numeri sono stati impressionanti. Probabilmente la squadra in quel modo lì troverebbe maggiore velocità e palleggio perché a Edin chiedo sempre di allungare la squadra e di essere il finale alto della formazione. L’anno scorso la squdra era molto più corta e c’era più palleggio e più possesso. Possiamo stare tranquilli. L’unica cosa che non mi lascia tranquillo è che mi ci vorrebbe un altro giocatore come Florenzi, ora abbiamo solo Peres”.

FINE

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here