Tra assenze pesanti e voglia di rivalsa: ecco Chelsea-Roma

0

CHELSEA-ROMA, L’AVVERSARIA – Terza giornata di Champions League per la Roma, impegnata in trasferta contro il Chelsea. Sfida da sogno per i giallorossi che arrivano a Stamford Bridge dopo la sconfitta interna con il Napoli e con la voglia di rialzare subito la testa nonostante le numerose assenze (out Emerson, Schick, Defrel e Manolas, non al meglio De Rossi e appena recuperato El Shaarawy). Il momento è delicato anche per i blues, tanti infortuni importanti e clima teso tra tecnico e società: la formazione dell’italiano Conte è reduce da una doppia sconfitta contro Crystal Palace e Manchester City. Tre gli stop in appena otto partite per i campioni d’Inghilterra in carica, attualmente a -9 dalla vetta di proprietà del City di Guardiola. In Champions invece i londinesi viaggiano a punteggio pieno grazie alle vittorie su Qarabag (6-0) e Atletico Madrid (2-1).

L’ANEDDOTO – Tra Roma e Chelsea si tratta del terzo incrocio complessivo. I due precedenti risalgono alla stagione 2008/09, sempre nel girone di Champions League. In quell’occasione a Stamford Bridge ebbero la meglio i padroni di casa, 1-0 con gol dell’ex capitano Terry. All’Olimpico fu 3-1 per i giallorossi con due gol di Vucinic e uno di Panucci. All’epoca sulla panchina del Chelsea c’era Scolari, oggi c’è l’italianissimo Antonio Conte, ‘nemico’ di mille battaglie in Serie A con la Juventus. L’ex ct azzurro in estate ha fatto di tutto per riavere con sé il pupillo Morata, già allenato in bianconero. Finora Conte ha incrociato la Roma in 8 occasione, vincendo 4 partite, pareggiandone una e perdendone 3. Sono invece 4 gli scontri dell’attaccante spagnolo con i giallorossi: nessun gol all’attivo per lui nei precedenti (2V, 1P, 1S).

COSI’ IN CAMPO – Dopo la cavalcata vincente dello scorso anno sarà difficile ripetersi in Premier League per il Chelsea. In estate Conte ha più volte chiesto rinforzi, senza però ottenere dal club tutto quello che voleva in sede di calciomercato. La rosa, in confronto alle altre big appare leggermente corta. A questo si aggiungono assenze pesanti: out Kante (strappo muscolare) e Drinkwater (mai avuto da inizio stagione), ai quali con tutta probabilità si aggiunge Moses, fermatosi nella sconfitta con il Crystal Palace. Conte spera invece di recuperare Morata almeno per la panchina, così da avere alternative a quel Batsuhayi che poco sta convincendo. Il londinesi scenderanno in campo con un 3-4-3: in difesa davanti a Courtois ci saranno David Luiz, Azpilicueta e Cahill (non l’ex Rudiger), a centrocampo Zappacosta, Bakayoko, Fabregas e Alonso, mentre davanti spazio a Willian, Batshuayi e Hazard.

CHELSEA (3-4-3): 13 Courtois; 30 David Luiz, 28 Azpilicueta, 24 Cahill; 21 Zappacosta, 14 Bakayoko, 4 Fabregas, 3 Alonso; 22 Willian, 23 Batshuayi, 10 Hazard.
A disp.: 1 Caballero, 2 Rudiger, Christensen, 36 Scott, 17 Musonda, 11 Pedro, 9 Morata.
All.: Conte

BALLOTTAGGI: Batshuayi-Pedro
IN DUBBIO: 9 Alvaro Morata (infortunio alla coscia), 15 Moses
INDISPONIBILI: N’Golo Kanté (problemi alla coscia), Drinkwater (stiramento al polpaccio)
DIFFIDATI: –
SQUALIFICATI: –

Gian Marco Torre

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here