Chi tocca Francesco tocca la Roma

5

IL TEMPO (F.Brienza) – Dopo aver letto davvero tanti pareri, non ho intenzione di soffermarmi su chi ha ragione e chi ha torto in questa lunga quanto spiacevole diatriba che accompagna l’addio al calcio del Capitano Francesco Totti, anche perché, mentre noi accumuliamo commenti, lui non si è ancora pronunciato ufficialmente. Mi preme più che altro sottolineare un aspetto di cui forse pochi, tra i fautori del suo addio, hanno tenuto conto: Totti non è solo la leggenda, l’idolo o una parte indelebile della storia giallorossa, benché, come ho sentito dire da molti, «la Roma esisterà e andrà avanti anche senza di lui». No, non è mica così semplice. In realtà per la stragrande maggioranza dei romanisti Totti è molto di più, rappresenta un vero e proprio trofeo, quello che, materialmente, nella bacheca della Roma manca purtroppo da molto tempo. In tutti questi anni di carriera, non è forse stata la presenza di Francesco in squadra a colmare i vuoti lasciati da scudetti sfiorati, da Champions mancate, da coppe perse? Chi oggi si limita a rimarcare che per lui il tempo sul rettangolo verde è ormai agli sgoccioli, forse non ha memoria o conoscenza di tutti quei tifosi che ogni volta, nel bene e nel male, al primo posto o in fondo alla classifica, sono andati a comprare il biglietto della partita per salire ancora una volta sugli spalti e vederlo lì, chinato a sistemare gli scarpini e pronto a giocare.

La certezza di averlo in squadra in tante circostanze è stata consolazione per l’orgoglio ferito di ogni singolo romanista; Francesco è stato vittoria, traguardo, gioia incontenibile. Un vanto da esportare in tutto il mondo. Si può capire, allora, che con tutto questo sentimento in campo rinunciare a lui, ad una storia d’amore durata venticinque lunghi anni, non è cosa facile. Non si può ridurre questo turbinio emozionale ad un «arrivederci e grazie, ci rivedremo in altre vesti». Qui ci sono lacrime che scendono al contrario, sgorgano dal cuore e raggiungono gli occhi, inarrestabili, al pensiero che il suo nome in formazione non si urlerà più. Esagerazione? Guardate cosa succede ancora oggi a Napoli se, camminando in città, qualcuno urla anche solo per scherzo «ho visto Maradona!». In un attimo divampa il fuoco del sentimento, perché Maradona è Napoli così come Totti è Roma. Sì, Francesco Totti è la Roma. Questo, forse, a qualcuno dispiacerà, ma nessuno potrà mai cambiare lo stato delle cose. Perché tra testa e cuore vince sempre il cuore.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

5 Commenti

  1. Siamo veramente alla frutta! Così tante sciocchezze in un testo così breve è da record! Comunque malgrado l’ostinato e perenne tam-tam dei fanatici di Totti ci sono tifosi (veri della Roma) e non sono pochi, che non ne possono più di una stucchevole querelle tutta romanesca (più che a Napoli) con proposte folli come quella di ritirare la maglia n.10. Un Tottem creato non per amare di più la nostra squadra, ma per nascondere i buchi neri di un ambiente che non diventa mai adulto; e gli operatori mediatici a qualsiasi livello hanno per mission una parte considerevole di responsabilità. Non è il trionfo del cuore sulla ragione, è un tonfo marchiano del semplice ma prezioso buon senso e ancor più l’affossamento di ogni anelito di cultura calcistica,

  2. ..proprio perchè F. Totti “rappresenta un vero e proprio trofeo, quello che, materialmente, nella bacheca della Roma manca purtroppo da molto tempo” direi che è ora di svegliarci un po’ tutti e di cominciare a sognare trofei veri….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here