SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Guglielmo Timpano a Tele Radio Stereo: Nainggolan può fare quel ruolo senza problemi e lo farà anche in futuro. Se si gioca col 4-3-3 può stare solo in quella posizione, c’è poco da fare. Se vi aspettate da lui però le cifre dell’anno scorso, era meglio venderlo. Ma come è impensabile che la Roma faccia di nuovo 87 punti, ma perché è un campionato diverso. Vincere con l’Atalanta sarà fondamentale per raggiungere la consapevolezza di poter far bene e puntare a qualcosa di importante”.

Paolo Ciarravano a Tele Radio Stereo: “La Roma è una squadra che deve essere rafforzata e mi sembra si stia lavorando in quella direzione. Non mi sembra una squadra di stampo puramente zemaniano. Sono curioso di vedere Under, con più minuti all’interno della partita, perché secondo me ha qualità fantastiche. Ci sono delle buone note: Kolarov ha dimostrato di essere padrone della situazione, a centrocampo al netto di essere un po’ ‘imballati’ ci sono ottime possibilità di rotazione. Secondo me il rimpianti di Szczesny è comprensibile, perché era diventato un ottimo portiere, credo che abbia fatto male la Roma ma anche l’Arsenal a privarsene. Le prestazioni di Alisson vanno giudicate in modo asettico e ieri poteva fare di più, specialmente sul secondo gol. Mahrez è un giocatore che quando ha la possibilità di incidere con la sua qualità è quasi imprendibile, ha un sinistro raffinatissimo è uno che può dare tanti gol ed assist. Capisco che per Di Francesco sia un giocatore ideale. Lui vuole un ’10’ che parte largo e poi tende ad andare verso il centro”.

Gabriele Ziantoni a Tele Radio Stereo: “Non sono d’accordo con Monchi, che va a dire le cifre alla stampa con questa facilità. Levando così il velo, nel caso in cui saltasse Mahrez, ogni società ti chiederebbe quei soldi che hai detto di aver offerto per l’algerino”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo:Al di là del risultato che conta poco, sono soddisfatto della prova della Roma. Ho trovato i centrocampisti ancora fuori gli schemi di Di Francesco. Ho notato la crescita della squadra nel non buttare mai palloni e nel fraseggiare anche sotto pressione. Strootman resterà con i giallorossi anche il prossimo anno. Bruno Peres è stato il solito purtroppo: tanta volontà ma moltissimi errori e non so quanto Di Francesco possa lavorarci sopra”.

Ubaldo Righetti a Tele Radio Stereo: “Sta mancando la partecipazione dei centrocampisti. L’unico inserimento in area avversaria è stato fatto da Pellegrini al 70′ circa. Bisogna ancora lavorare molto per crescere. Mi è piaciuto l’atteggiamento generale della linea difensiva. Di positivo ho notato che la Roma tendeva a non buttare mai la palla ed a fraseggiare anche sotto pressione avversaria”.

Riccardo Angelini a Tele Radio Stereo: “Non voglio dare giudizi sulla partita di ieri sera ma solo spunti. Sono convinto che Alisson sia un buon portiere, magari il suo errore è frutto di stanchezza. Under? Deve lavorare tantissimo perché ha dei mezzi straordinari. Il reparto che sembra soffrire un pochino di più è stato il centrocampo: ieri sera ha stentato leggermente senza trovare le giuste misure”.

Xavier Jacobelli a Radio Radio: “Alla Roma vista ieri sera oltre a Mahrez serve anche un difensore centrale. Per l’attacco non si può fare affidamento solo sui gol di Dzeko. La scelta del difensore non è semplice, perché non ci sono tanti giocatori di qualità nel ruolo in giro per l’Europa. Anche la Juve lo cerca. Sul progetto di gioco dei giallorossi pesano anche le assenze per infortuni. Per Mahrez la richiesta del Leicester è eccessiva, stratosferica. Alisson sa che la Roma crede in lui, quindi dovrà impegnarsi al massimo. Moreno? Deve dare segnali positivi anche perché il campionato e le gare importanti sono alle porte. La Roma non può permettersi di vendere anche Strootman anche perché mancherebbero le alternative”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Ieri sera solo Kolarov tra i nuovi mi ha convinto. I vecchi sono certezze, ma spero che il reale valore dei nuovi arrivati sia quello visto ieri sera. La Roma mi sembra ancora una squadra prevedibile, con un ritmo non alto. Serve un po’ di fantasia, di inventiva e un po’ di qualità in attacco. Dzeko da solo non riuscirà a tenere il peso dell’attacco. In difesa se togli Manolas sono dolori. Stasera c’è Arsenal-Leicester e la presenza o meno di Mahrez può essere significativa. Ma io lo ripeto, non è un fuoriclasse. Sembra che stiamo aspettando Neymar…”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “Se ho dei dubbi sul tecnico o su un calciatore non svaniscono mica durante una partita amichevole estiva che sia contro una squadra di dilettanti o contro un top club europeo. Di Francesco va sempre sostenuto. A me interessa solamente che la Roma si faccia trovare pronta per il campionato che inizia tra pochissimi giorni. Le partite serie inizieranno dal 20 agosto in poi. I giallorossi non sono il Sassuolo, il mister deve capirlo e deve adattarsi. Siamo sicuri che in rosa abbiamo i giocatori giusti per reggere la difesa alta? Sono sicuro che così giocando rischierà tanto anche se in attacco sarà molto propositiva e brillante. In Italia vince chi rischia meno. Napoli? Sembra siano uno show vivente, ma così facendo non si vince. In Europa diverte chi trionfa e non chi ha un bel gioco. Bruno Peres? La Roma ha fatto bene a comprare Karsdorp…”.

Mario Mattioli a Radio Radio: “La Roma di ieri sera è ancora da definire, troppo presto per giudicare. Bene Kolarov che ha acceso il turbo, maluccio Moreno. Mi è piaciuto molto Dzeko, spreca pochi palloni e ha segnato un bel gioco. E’ un giocatore ben inserito, un uomo squadra. C’è questa adorazione verso Monchi che io capisco poco. Per adesso ha preso giocatori pagandoli tanti soldi, come Defrel. Under corre molto e niente più. La Roma deve vincere lo scudetto e fare bene in Champions, non deve essere il club che deve far crescere i giovani. Se la Roma cede Strootman sarebbe gravissimo”.

Roberto Renga a Radio Radio: “Ieri sera mi è piaciuto Manolas, molto Kolarov e Strootman. Nainggolan l’ho trovato un po’ fuori dal gioco, mentre Perotti e Dzeko li ho trovati in forma campionato. Ho trovato Alisson molto distratto perché ha commesso degli errori e l’ho visto titubante. Moreno? E’ come se non l’avessi visto giocare, non è giudicabile. La trattativa per Mahrez sta andando troppo per le lunghe… Io aspetto ancora ma sono scettico. Sull’algerino c’è solo la Roma, quindi o il Leicester lo cede alle cifre imposte dai giallorossi o non lo vende. Strootman? La clausola non vale ancora, quindi in caso, devono essere i romanisti a decidere se cederlo o meno, ma non credo che accadrà”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

37 Commenti

  1. Mattioli: “C’è questa adorazione verso Monchi che io capisco poco. Per adesso ha preso giocatori pagandoli tanti soldi, come Defrel”. Poi, certo, Gonalons, Kolarov e Moreno li ha pagati tantissimo. Ma se scegli solo i dettagli che piacciono a te, puoi dire qualunque cosa… Ci provo anche io: “Monchi prende solo giocatori vecchi che hanno già dato il meglio, come Kolarov”, oppure “Monchi prende solo giocatori sconosciuti e giovanissimi, come Under”. Come diceva qui qualcuno ieri, o questi commentatori sono poco intelligenti, o c’è malafede. E io credo che nessuno di loro sia stupido.

  2. Un commento generale: la Juventus perde 2-0 a Londra con il Tottenham. Il Milan (con lo squadrone che tremare il mondo fa) perde a Catania con il Betis 2-1. Tutto archiviato come normale calcio d’agosto .. come nostre squadre in rodaggio, ecc…
    Noi perdiamo 2-1 a Siviglia, disputando anche una discreta partita. C’è da migliorare ma è normale .. no, iniziano i commenti .. quello è una pippa, quello ha sbagliato … caio non può giocare … tizio è fuori ruolo…il mister deve sapere che questo non è Sassuolo. Ma davvero ???
    Poi, con chi lo vorrà, discuteremo serenamente di ieri sera, ma a Roma ci può essere un’aria da funerale di questo tipo ?? A Milano, che il Milan abbia perso con il Betis, se ne fregano.

    • Hai ragione Fabrizio, ma dobbiamo mettere in evidenza le criticità emerse. La principale ha un nome preciso: Bruno Peres. ieri sera ho contato almeno dieci occasioni in cui il brasiliano è rimasto nella “terra di nessuno” quando gli spagnoli attaccavano dal suo lato. il Siviglia ha capito bene che da quel lato si passava , nel secondo tempo i due gol sono venuti proprio con attacchi sulla fascia presidiata da Peres, che dopo qualche buona partita in Usa sta dimostrando che di fase difensiva e di come ci si dispone nella linea dei 4 lui non capisce nulla. purtroppo penso che lui sia irrecuperabile sotto questo punto di vista. Si sono rivisti poi dei segnali di poca cattiveria in attacco, prima del gol del Siviglia potevano sinceramente essere in vantaggio, palo di Defrel a parte, sia Dzeko che Perotti davanti al portiere sono stati molli e poco reattivi, spero solo perchè un po carichi di lavoro anche se poi il bosniaco ha fatto un gran gol. E’ calcio d’agosto ma qualche interprete non è all’altezza.

      • Beh io la partita non l’ho vista e quindi non posso giudicare . Dal post di Anto deduco i miei stessi dubbi che avevo lo scorso anno , Perez inguardabile , centrali distratti solo Manolas è di livello se ha voglia di giocare . Mi sembra di capire che siamo migliorati sulla sx con Kolarov , a centrocampo (naingollan anche lo scorso anno è partito in sordina , ma secondo me farà più gol dello scorso anno), in attacco manca il sostituto di salah e a sx per me perotti e elsha entrambi non sono da squadra top ,potrebbero essere dei buoni rincalzi . Forza Roma

      • Il problema del terzino destro e abbastanza evidente. Gli infortuni di Florenzi e Karsdorp non aiutano la situazione. Karsdorp dopo che si riprende dovra per forza ambientarsi e non sara facile visto che non parla l’italiano (e manco l’inglese). Non ha mai fatto una partita in Serie A e manco una partitella in allenamento con i compagni di squadra. Insomma, ci vorra un bel po prima di vederlo.
        Peres semplicemente non e all’altezza. Ha fatto tutto la preparazione, e a Roma da un anno e in Italia da diversi anni. Scuse propio non le ha.

  3. Caro Fabrizio a me quello che fa la Juventus, il Milan e il Manchester United non mi interessa. Se un parente è malato non mi consola il fatto che un altro sta peggio di lui. Non è né la sconfitta né la prestazione oggetto della mia preoccupazione, infatti quest’ultima la reputo positiva, anzi, a portieri invertiti, sarebbe probabilmente finita tanto a poco per la Roma.
    La mia preoccupazione non è neanche quella di Allison perché, alle brutte, abbiamo Skorupsky che ha già esperienza da vendere. Il problema è che ieri si sono visti i limiti di Dzeko senza Salah, l’attacco della Roma è poco fluido perché manca lo spaccadifese, quello che ha consentito a Dzeko di realizzare tanti gol dopo essersi fumato tranquillamente una sicurezza. Dzeko è un attaccante meno istintivo e molto razionale, uno che pensa rischia di perdere molte opportunità a meno che trova, come Pruzzo l’anno dello scudetto, uno Iorio che gli apre le difese e consente all’attaccante di pensare. Quindi se non si trova l’attaccante esterno è logico che Di Francesco sia preoccupato. A costo di doversi tenere Castan o riprendere Marchiza ( a proposito continua la fragilità di Manolas che crolla ad ogni contrasto), è obbligatorio prendere Mahrez arrivando anche ai 44 milioni se no qui si butta via un’altra stagione, in secondo luogo tenersi il portiere perché non è di ieri, ma è tutta la fase preliminare che Allison mostra incertezze, meglio avere un piano B.
    Pellegrini è giovane e non può sostituire Strottman per cui niente cessione.
    Due note positive i due terzini, Bruno Peres e Kolarov mi hanno ricordato Cafu e Candela, fosse stata una benedizione l’assenza di karsdorp?

    • Mauro, l’analisi che hai fato emersa dalla partita di ieri è da condividere, ma Bruno Peres non te lo passo, ieri disastroso, si è fatto infilare come un pollo tantissime volte, aveva fatto qualche passo in avanti (dal punto di vista tattico) come i gamberi è tornato indietro e di molto, non ci siamo proprio.

    • senza davvero fare polemiche,anche perche’ è prematuro,ma se Garcia e Spalletti facevano giocare il polacco e non Alisson,un motivo ci sara’ stato,si è sempre detto che il polacco(non so come si scrive)non lo avevamo venduto perche’ non era nostro,è vero,ma non abbiamo fatto nessun tentativo per comprarlo,ha ragione@Fabrizio che a Roma viene tutto ingiganto ma è anche vero,come dice @Anto che non si possono ignorare alcune criticita’,sono contento di essermi sbagliato su Kolarov,finora è la vera sorpresa in positivo,speriamo che vemgano fatti al piu’ presto i 2 famosi acquisti,perche’ se dovessi giudicare ora……………un saluto a tutti.
      ps qui ad Arezzo si incomincia a respirare,ieri Ha fatto anche 0,000001 mm di pioggia,anche i fichi sono in anticipo di 15 giorni,scusate questa divagazione campagnola

    • @Mauro,ciao,un analisi da condividere quasi in toto,non sono tanto d’accordo di spendere tutto il nostro budget per Mahrez perche’ abbiamo bisogno di un centrale forte come Manolas,perche’ gia’ il prtiere mi lascia qualche dubbio,qualunque cosa’ si faccia,la cperta sara’ sempre troppo corta,tu che sei commercialista sai che i conti devono tornare e noi non ci possiamo permettere grandi investimenti.
      un caro sauto

  4. Premesso che non ho visto la partita ma solo la sintesi ho dei dubbi solo sulla difesa alta, spesso sembravano in affanno e mal posizionati.
    Chiedo conferma a chi a visto la partita per intero.
    Sui singoli inutile parlare è difficile giudicare un giocatore dopo un campionato intero figuriamoci dopo una amichevole estiva.
    Comunque sempre forza roma

  5. L’unica certezza che mi è arrivata dopo ieri sera è che, indipendentemente da chi arriva o chi parte, anche quest’anno ci sarà da soffrire…e molto con questo modo di giocare. Ma è il bello di tifare ASR!
    P.s. e se si potesse anche cambiare modulo ogni tanto non mi dispiacerebbe, ma lascio a Difra che ne capisce sicuramente abbastanza. Aspettiamo le partire vere.

  6. Scusate, forse mi sono spiegato male. Io non intendevo mica che ieri sera ho visto una Roma perfetta e sfavillante. Però, almeno io, pensavo fosse addirittura un pò più dietro. Io mi riferivo ai processi.
    Le considerazioni riportate da @anto58 e da @mauro59 le condivido, se non in toto, in gran parte.
    PORTIERE:Alisson era mal posizionato (secondo me) sul secondo goal .. sul primo ci può stare anche se lo ha preso sul suo palo. Ma non è una pippa …
    DIFESA: sento parlar male di Moreno .. ma ieri cos’ha sbagliato ? Anzi, a me la catena di sinistra con lui e Kolarov mi è piaciuta .. per cui per il difensore ho qualche dubbio. O meglio, dipende da Castan: se non gioca nemmeno la prossima….vuol dire che non lo reputano in grado nemmeno di fare panchina e quindi ne arriverà un altro. Che poi sia titolare o riserva, vedrà Eusebio. Su Manolas,, condivido: ieri ha fatto una buona partita … è un ottimo difensore .. ma ‘sta cosa di morire ad ogni contrasto mi inizia ad infastidire ..
    CENTROCAMPO: si vede che sono ancora imballati .. ma piano piano Radja ha iniziato a fare il suo e Pellegrini, invece, non mi dispiace per niente. Prima palla sbagliata .. poi ha giocato, tirato da fuori, insomma non è uno che si nasconde.
    ATTACCO: e qui vengono le dolenti note. Perotti è questo. Forse è stato il migliore insieme a Kolarov. Quando gioca tra le righe è uno spettacolo .. però, arrivati in area .. si perde, cincischia, sbaglia la scelta. Insomma, manca di cattiveria. Non credo ci si possa lavorare, lui è così. Per questo, finalmente, posso fare outing: io pensavo che il titolare sarebbe stato Elsha, più “cattivo” sotto porta. Ma è rotto. Evviva. Dzeko è il solito .. lotta, segna, ma sbaglia uno stop di petto sullo 0-0 che stavo per mangiarmi la gatta (povera). Era solo davanti al portiere grazie ad un’invenzione di Daniele.
    A destra non giudico: Defrel si vede che conosce i movimenti, ma non ha il colpo d’occhio da quella parte, Under è acerbo .. ha piede, gamba e voglia ma deve lavorare. Quindi, come voi, aspetto lì il giocatore importante (Mahrez, Berardi, Ziyech, Munir, #fatevoinonloso).
    Dissento in piccola parte su Bruno Peres: @anto58, non l’ho visto così disastroso .. è vero il SIviglia attaccava di là, ma anche per caratteristiche proprie. Ha sbagliato un paio di cross, ma ne ha sbagliati di più Perotti dall’altra parte. A fine partita ha perso lucidità .. ma questo non rifiata mai.
    Infine, anche ieri sera ringraziamo la dea bendata: noi prendiamo il solito palo (seppur esterno) e sul loro primo goal, Manolas tocca la palla di quel tanto che riesce a metterla ancora meglio ad Escudero .. sarebbe bastato solo che quella “spizzata” allargasse la traiettoria invece di allungarla e quella partita, secondo me, finiva ai rigori. Dove avremmo ovviamente perso come da nostra tradizione .. ahahaha

  7. Scusate ragazzi , a parte la partita che lascia il tempo che trova…..ma qualcuno mi sa dire perché ormai da anni, sulla magliette della Roma non esiste uno straccio di sponsor? Ma Pallotta vuole gli stessi soldi del Real o Manchester United per caso? Beh, non glie li danno………Io penso che anche quei soldo farebbero comodo….

    • Hai perfettamente ragione Max , queste sono una delle coseche non capisco di questa gestione , si è parlato tanto di sponsor tecnico in passato , ora di stadio ma nel frattempo sono 7anni che siamo senza main sponsor ……2 calcoli spiccioli circa 30 milioni !!!!!

  8. Caro Sergio, a parte che con me la terza l’hai azzeccata, sono commercialista e da 39 anni mi occupo di economia e finanza. Non sono né allenatore, né direttore sportivo ma se è vero che la Roma in 90 anni ha vinto solo 3 volte c’è da dire che troppo spesso i romanisti criticoni hanno avuto, purtroppo, ragione su direttori sportivi e allenatori. Chi come me segue la Roma da oltre mezzo secolo e non era ancora nato Baldissoni, sa come l’ambiente si scalda facilmente e poi va in depressione. E, dato che sono diventato da poco anche dottore in psicologia, mi azzardo di interpretare questa critica come un meccanismo di difesa contro l’angoscia che si crea quando si hanno aspettative positive poi deluse. Quando uno si scotta con il fuoco ha paura del fuoco e, quindi, mette le mani avanti sperando, in cuor suo, di venire radicalmente smentito. Anche gli inguaribili ottimisti, diventati più grandi, hanno perso la loro abitudine. I formellesi, attraverso le loro sofferenze e complessi di inferiorità, hanno trovato la loro panacea grazie a Mourinho che sparò ‘na cretinata che divenne la loro bandiera “zeru tituli”. Pensate se dovessero vincere il trofeo più inutile della storia del calcio, supercoppa italiana, giocata all’olimpico a casa di chi non ha vinto una mazza, contro chi aveva vinto tutto, e la Roma dovesse arrivare in Champions e disputerà, perdendola, la finale Champions’, diranno “noi un titulo, voi zeru tituli”. Perché il romanista pensando in grande e va soggetto a sconfitte, i laziesi pensano in piccolo e si limitano al piccolo trofeo, Coppa Italia, supercoppa Italiana, pur di vantare una ferraglia in più in bacheca e fregandosene dell’eventuale -17 o -30 in campionato.
    Pertanto per pensare in grande occorre diventare grandi e il tifoso ha saputo negli anni acquisire la consapevolezza se il lavoro va o meno nella direzione giusta. I Direttori sportivi e allenatori cercano di far percepire al pubblico come positivo il loro lavoro svolto, al di là se effettivamente risponda o meno alle loro aspettative.

    • Finalmente .benvenuto su questo sito Mauro .
      Siamo troppo clementi con questa gestione , basta alibi voglio vincere altrimenti anche noi , come fanno già alcuni, si acconteranno sempre di più dei record di punti , dei secondi posti , il bel gioco ……se poi qualcuno lo fa notare diventa anti .laziale ,vedova di non si sa chi e cosa …….il famoso ambiete romano che mette pressione .

  9. Come al solito leggo con interesse i commenti di tutti e in massima parte di ognuno ne concordo qualcosa. Non esiste il tifoso perfetto e non lo sono io. Fatto questa premessa parto dall’allenatore :1) Tranne Zeman ,non amo i tecnici integralisti che hanno un solo modo di giocare. Un modulo di gioco deve essere elastico,equilibrato e razionale adattandosi anche alle circostanze della gara e agli avversari. Il 4-3-3 di Di Francesco mi sembra molto dispendioso e sostanzialmente poco adatto alle caratteristiche di alcuni attuali titolari. 2)In difesa potete dire che Manolas è un lagnoso ma dietro se ce ne fossero un altro paio del suo livello potremo giocare pure senza portiere… Il fatto che Kolarov a mio modesto avviso sia stato il migliore in campo la dice lunga di quanto uno scarto di uno squadrone sia per noi manna dal cielo e mi chiedo quando colmeremo questo gap con le squadre che contano se invece di tenerci i buoni pensiamo solo a rivenderli. 3) Alisson ha fatto una figuraccia ,ma in generale lo ritengo affidabile anche se rispetto al polacco che avevamo lo ritengo di una spanna inferiore. 4)Notizia di oggi : Karsdopp prolungherà il suo rientro e prima della quinta di campionato non rientrerà. Chi è il responsabile? Si fanno le visite mediche prima di firmare il contratto? La Juve ruberà pure qualche scudetto ma si cautelano fino all’ultimo respiro (vedi faccenda Schick). 5)In attacco piu che Mahrez vedrei bene Ziyech capace di giocare all’occorrenza anche trequartista con risultati eccellenti e avendo la possibilità di cambiare anche modulo in corsa. 6) Il centrocampo non mi preoccupa , abbiamo alternative valide e se volessi trovare una pecca la troverei nell’impostazione iniziale della manovra quando dobbiamo sottrarci con rapidità al pressing altrui. Concludo nel dirvi che sono molto critico perchè amo troppo la nostra squadra, se dovessimo solo osannarla dovremo fare solo la gara a chi fa piu sviolinate e a chi la spara piu grossa. Un saluto a tutti e FORZA ROMA SEMPRE.

  10. A me Ziyech piaceva già dall’anno scorso, quindi se si rischia di rimanere col cerino in mano nella vicenda marhez, ben venga il giocatore dell Ajax, l unica cosa che vantaggio è che è pure trequartista se il gioco di Di Francesco Non lo prevede? Poi ripeto, a sto punto ben venga anche se ho paura che arrivi qualcuno che non è mai stato nominato.

  11. in prospettiva sono molto preoccupato per alisson e per dzeko, molto preoccupato… la squadra va giudicata nel complesso almeno dopo il girone di andata, ma gli errori di alisson di ieri mi hanno spaventato

  12. Alisson? Vengono fuori gli altarini. Spalletti, che è Spalletti uno dei migliori allenatori italiani, non ha mai avuto dubbi sul portiere: sempre e solo Szczesny. A Spalletti la questione della nazionale della Polonia o della nazionale del Brasile non gliene fregava un piffero. Per lui Szczesny era il più bravo e colui che dava più sicurezza. Possibile che Monchi non riusciva a trovare 15 milioni per accappararsi definitivamente il polacco? Non ci credo nemmeno se viene a giuramelo in ginocchio. Di Francesco e Monchi hanno puntato su Alisson e buonanotte suonatori.

  13. Sono passate poche ore dal mio primo commento ..ed ecco quello che intendevo. Non si offenda nessuno per piacere. Spalletti considerava Alisson un titolare: non lo dico io, lo dimostrano i fatti. In Coppa Italia ed in Europa League ha sempre giocato lui…. Quindi, @giov2008, nei tuoi commenti, permettimi, devi essere più preciso. Poi invito ad andare a leggere i commenti di Spalletti sui due portieri. Arriviamo a Sczezsny (il polacco): dopo il primo anno (molte luci e qualche ombra) più di un tifoso aveva espresso dubbi. Ora sembra che, senza di lui, non si possa scendere in campo. Ha sbagliato Alisson ieri ? Sì, sul secondo sicuramente mentre sul primo ho qualche dubbio… ma per noi, a Roma, chi va via è sempre er mejo (vedi Benatia che infatti a Monaco ha scaldato la panchina) e chi arriva è ‘na pippa fino a che non se ne va (Rudiger, Salah stesso .. devo continuare ?). Ulttima cosa: Sczeszny alla Juve non è andato per 15 milioni … Ripeto, essere preoccupati (come scrive @cucs) ci sta .. ma non andiamo oltre a 10gg dall’INIZIO DEL CAMPIONATO.
    @Emiliano, con tutto il rispetto, io sono uno di quelli che pensa che l’ambiente incide. Ma non mi sogno di darti del laziale o altro … solo non condivido. Ma credo che la differenza sia in cosa pensiamo della gestione attuale. Per me Pallotta è un uomo d’affari che è venuto qui per un’affare .. prendere una società sul lastrico, fare lo stadio e poi, magari rivenderla a 10 volte tanto. Non ho dubbi che lui si sia affezionato così come non ho dubbi sul fatto che perchè l’affare funzioni, lui deve avere una squadra sempre competitiva. E tra competitivi e vincenti, a volte il passo non è così lontano.
    Perchè pensate che quest’anno si sia ricominciato da capo ? Per lo stadio. Fino a che lui non avrà la certezza che verrà effettuato, la gestione sarà controllata.
    Ma non è vero che è uno straccione e che non ci mette i soldi: ripeto, per chi si intende di bilanci (e credo che @mauro59 questo potrebbe riconfermarlo) lui anche nell’ultimo ha versato soldi.
    Per questo io non credo che insultare (non è il tuo caso @Emiliano) o attaccare questa proprietà possa cambiare qualcosa. Se la politica fermerà lo stadio, lui se ne andrà. A quel punto, ho paura. Ho paura a chi finiremo in mano .. perchè qui. almeno, capisco che obiettivo abbia….e se poi ci arriva un Ciarrapico che ci usava per fini puramente politici ?? Tutto qui.
    Forza Roma,

    • Grazie di esistere.
      Aggiungo che da quando ho memoria noi tifosi con i portieri che si sono succeduti alla Roma siamo stati pessimi, non li abbiamo mai supportati, anzi…ricordiamoci di colui che qui vinse l’ultimo scudetto (tale antonioli) avere un po più di equilibrio e pazienza gioverebbe a noi e probabilmente anche ai risultati della Roma stessa.

    • Fabrizio diciamo cose molto simili da 2 punti di vista diversi . Per me con Pallotta non vinceremo mai e lo stadio porterà dei vantaggi economici ma non penso che possa risolvere tutti i problemi .per quanto riguarda l’ambiente , ho avuto più volte l’opportunità di confrontarmi con Anto , io penso che a questi livelli non conta un piffero…vedete quello che è successo a city , chelsea , psg non vincevano mai poi però è arrivato Paperone e sono diventati squadroni , viceversa le milanesi prima vincenti ora non arrivano nel in e.l. un caro saluto .

  14. Fabrizio comprendo la tua analisi ed è anche ben articolata. Ma allora deciderci chi siamo, la Rometta degli anni ’70? Bene allora facciamo come i laziali, arriviamo sesti in campionato e giochiamo alla morte le 5 partite della Coppa Italia per mettere in bacheca un trofeo, poi se dobbiamo vendere pezzi pregiati per pareggiare il bilancio è affar loro. Oppure siamo grandi, allora arrivi secondo tre, quattro volte, poi però devi fare il salto di qualità, devi provare a volare in alto, rischiando perché devi vincere per essere ricordato, altrimenti è sempre un coitus interruptus. Allora questo era l’anno di fare follie, non di ricominciare daccapo. Occorreva fermare Spalletti e dire, bene sei arrivato ad un passo dal cielo, cosa ti occorre in più? Carta bianca, oltretutto senza Totti, poi se non riuscivi smantellavi, ma l’occasione era troppo ghiotta per non provare, eppure si è pensato prima al FPF e dopo alla crescita della squadra, questi ragionamenti li può fare il commercialista, non un Presidente tifoso ed i tifosi, ecco perché la gente è disamorata con Pallotta perché la Roma viene sempre seconda ai suoi affari e l’ha capito!

    • hai centrato il punto. Per noi la Roma è tifo (anzi è una fede). Per lui si tratta di affari. Ma non lo dico in senso dispregiativo … sono prospettive. Questo era l’anno buono ? Forse, ma questo (2017) è stato l’anno in cui lui ha capito che NUOVAMENTE per lo stadio bisognava ricominciare da capo … ed ecco quelle minacce di andarsene … erano ovviamente per mettere pressione alla politica…del tipo “ok, metteteci voi la faccia, perchè se mi dite no, sarete quelli che faranno fallire la Roma”. Non siamo la Rometta .. ma … Faccio un esempio un pò sessista (mi scusino le signore che leggono).
      Tu corteggi una ragazza, bella, bellissima .. una modella. La prima, la seconda, la terza sera lei ti fa capire che ci sta … ma ti fa anche capire che lo vuole fare a casa tua, vuole essere comoda. Ma tu hai l’idraulico che deve finirti il bagno. Quindi prendi tempo …
      Passano i giorni, ma l’idraulico continua a darti buca … la modella si sta spazientendo, ma tu prendi tempo …
      Questa è la situazione. Da una parte avremmo una modella (una Roma bella e forte) .. ma fino a che l’idraulico non se ne va (lo stadio) … noi restiamo con la bava alla bocca e dobbiamo aspettare …
      Forza Roma !!!!

  15. A proposito del portiere, a parte il fatto che avevamo fatto la scelta di puntare su Alisson sapendo che l’Arsenal si sarebbe ripreso Szczesny, esiste una ragione precisa per il quale è alla Juve: lo stipendio. In tante discussioni nessuno ne parla.
    Con gli acquisti e le cessioni si pùo andare in parità ma alla fine quello che conta è il monte stipendi. Non ci possiamo permettere un portiere da 4/5 milioni di euro l’anno, puro e semplice.
    Del resto il monte stipendi costituisce il maggiore problema di tutte le squadre, alla ricerca di introiti extra come quelli garantiti da uno stadio.
    L’anno scorso sono usciti 94 milioni di euro per gli stipendi, è normale cercare di contenerli.

  16. Ciao a tutti mi inserisco nei commenti per esprimere la mia, ho speso anche quasi 11 euro per acquistare il pass 7 giorni di sport su sky e poter vedere anche l’amichevole col celta vigo e la prima di premier.
    Allora la squadra ha iniziato con un atteggiamento prudente, forse troppo, nel senso che quando il siviglia attaccava noi rinculavamo senza pressare, le azioni migliori della roma sono venute quando si e’ alzata e ha fatto pressing alto, recuperavamo palla e creavamo occasioni. inoltre fino a che non siamo andati sotto, non accompagnavamo bene l’azione coi centrocampisti a supporto degli attaccanti.
    Le note positive e’ che finalmente si sono visti pochi lancioni.
    andando sui singoli.
    Positivi per me Manolas, Perotti, Dzeko, Kolarov Strootman,con Naingollan a corrente alternata.
    Negativo: Il solito Bruno Peres, Allison non mi e’ piaciuto, ha preso gol sul palo suo..non e’ una papera ma se e’ impreparazione e’ pure peggio.Nemmeno El tractor mi ha dato sicurezza.
    capitolo a parte Manolas, ragazzi, non scherziamo, se vendevamo Manolas a quest’ora stavamo col sedere per terra, con tutti i suoi difetti rimane il piu’ forte.
    Mi limito al primo tempo, perche’ questi saranno penso i titolari che giocheranno la prima di campionato.
    Comunque il Siviglia e’ piu’ avanti nella preparazione perche’ deve giocare i preliminari di Champions, ma la Roma deve sbrigarsi, tra pochi giorni si fa sul serio e vai a Bergamo.
    FORZA ROMA.

    • Per me DiFra non va bene per il campionato italiano per una squadra di vertice.
      E’ troppo simile a Zeman ed ha la stessa cocciutaggine a non voler cambiare mai modulo.
      Prepariamoci a grandi partite seguite da incredibili debacle.

  17. Alisson-Skorupsky
    Karsdorp-Peres
    Manolas-Fazio
    Moreno-Jesus
    Kolarov-Palmieri
    De Rossi-Gonalons
    Strootman-Pellegrini
    Nainggolan-Florenzi
    Perotti-El Sharaawy
    ?-Under
    Dzeko-Defrel
    Rosa completa al 90% come dice Monchi ed a me sembra proprio niente male..la vedo allo stesso livello del Napoli e seconda solo alla Juve..ma alla fine una volta dovrà anche dirci bene..raggiungere la Juventus questa stagione non era possibile,nemmeno tenendo tutti..la distanza reale con la Juve la scorsa stagione è più ampia dei 4 punti finali..
    FORZA ROMA!

  18. Al contrario di quello che dite voi a me ieri la Roma è piaciuta, ho visto un sistema di gioco ancora a livello embrionale ma sicuramente migliorabile e di grande prospettiva, i giocatori specialmente i nazionali ancora non sono in forma ma credo che tra 10 giorni andrà meglio, sicuramente meglio che con la Juve! Ps per me il primo gol ce l’ha tutto sul groppone de rossi…..non so se può dire

LASCIA UN COMMENTO