SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Fabio Massimo Splendore a Tele Radio Stereo: “Pellegrini penso sia una vicenda conclusa, non credo prenda altre strade. Oggi può valere tranquillamente 25 milioni. Il famoso diritto di riacquisto che la Juve aveva per Berardi viene spesso criticato. In due anni a Roma però Pellegrini non avrebbe fatto le presenze che ha fatto al Sassuolo e non avrebbe raggiunto una valutazione di 25 milioni. La recompra è una comproprietà mascherata. Dopo Salah, quali sono i giocatori che la Roma sta trattando? Ghezzal è un discorso che la Roma sta facendo. Secondo me qualcosa si rimetterà in pista per Defrel. Non penso comunque che Monchi sia propenso a ricreare il Sassuolo a Roma per Di Francesco. Berardi? Se vogliono 40 milioni… Non credo che ci saranno affari tra Inter e Roma, anche perché storicamente Sabatini non ha mai riacquistato in un’altra squadra un giocatore già acquistato in passato”.

Gabriele Ziantoni a Tele Radio Stereo: “La Roma è in difficoltà sugli esterni: i nostri difensori centrali sono forti e mi fido di Moreno. Se i giallorossi acquisteranno Karsdorp faranno un grande affare. Dobbiamo fare tutti quanti un atto di fede nei confronti di Monchi”.

Angelo Di Livio a Tele Radio Stereo:“La Roma ha rilanciato molto bene Salah rendendolo un calciatore forte. Manolas è un calciatore forte: con la sua cessione i giallorossi perdono moltissimo e faranno fatica a rimpiazzarlo e a me dispiace molto. Credo che in fase difensiva la Roma si sia indebolita. Credo che cedere molti calciatori voglia dire fare un passo indietro”.

Riccardo “Galopeira” Angelini a Tele Radio Stereo: “L’umore dei tifosi ora è bassissimo perché stanno vedendo cedere Salah e Manolas che sono due dei nostri migliori. L’egiziano non è scappato da Roma: ha trovato l’opportunità giusta e la squadra che voleva. A me dispiace molto della sua partenza perché va via un calciatore dai grandi numeri”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “Credo che i soldi della cessione di Manolas serviranno per riscattare i calciatori già in rosa, invece quelli di Salah serviranno per Pellegrini e per il bilancio. Il Napoli deve rinforzarsi molto in difesa. Gomez? E’ un nome che circolerà spesso in chiave Roma. Florenzi deve rientrare con calma perché altrimenti i giallorossi rischiano di perdere di nuovo un calciatore che sa essere fondamentale”.

Sabatino Durante (esperto di calcio sudamericano e agente FIFA) a Rete Sport: “Richarlison mi piace, è uno dei pochi brasiliani pronti per una big italiana. C’è poi il dubbio adattamento. Esterno d’attacco mancino, ha fisico e un’ottima progressione. Può giocare anche come punta, è anche in grado anche di tagliare partendo largo. Salta bene di testa, ha vent’anni. Emerson Santos? Giocatore di fascia brasiliano, più bravo in fase offensiva che in quella difensiva. Non lo vedo pronto per la Serie A. Foyth? Accostarlo alla Prima Squadra è improbabile. Aggregarli in rosa potrebbe bruciarli. Nomi interessanti? Lemos. Ha le caratteristiche di Manolas, può sostituirlo. Monchi e Sabatini? Due intenditori, amano il rischio. Monchi è più metodico rispetto a Walter, si basa sui numeri e sul lavoro d’equipe e quindi sbaglia meno. Gerson? Non l’avrei portato in Italia per il padre. Questi giocatori hanno dei problemi, non li vorrei mai nonostante le qualità”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Il mix tra giovani e campioni ha portato a trionfi in alcune squadre, ma devono essere giovani veramente forti. Un conto è prendere Mbappe, un conto è prendere Lemos del Las Palmas. Ovviamente è più rischioso. Con le cessioni di Salah e quella eventuale di Manolas hai messo a posto il bilancio. Se Perotti non segnava con il Genoa e arrivavi terzo perdevi anche Nainggolan. Nessuna squadra a giugno parte con quattro cessioni come sta facendo la Roma, perché ci metto anche la perdita di Totti. Per quanto so, la Roma sostituirà Salah con un colpo internazionale, ma dovremmo aspettare luglio. In difesa invece nessun grande colpo, ma voglio fidarmi di Monchi per almeno questa  finestra di mercato”.

Mario Corsi a Centro Suono Sport: “Vedo un cambiamento di noi tifosi straordinario, festeggiamo per il prezzo delle cessioni. Abbiamo perso tre titolari fondamentali, spero che vengano rimpiazzati con dei pezzi altrettanto forti. Salah era il giocatore che in Serie A era secondo solamente ad Insigne. Se al suo posto prendiamo Ghezzal mi prende un colpo”.

Xavier Jacobelli a Radio Radio: “Il mercato chiude il 31 agosto. Il 30 giugno la Roma doveva solamente sistemare il bilancio. La valutazione di Monchi non può essere data adesso ma bisogna dargli tempo. Non credo che il ds stia trattando solo le uscite. Per quanto riguarda il prestito non credo che sia una manovra utilizzata solamente dalla Roma”.

Franco Melli a Radio Radio: “Ad oggi sta succedendo qualcosa di deludente. Sono usciti tre giocatori importarti e saranno rimpiazzati da giovani di buone speranze. La Roma con la questione del prestito di 55 milioni ha dimostrato una sorta di autogestione, cioè che vendono per poi comprare: ma quand’è che metteranno un po’ di soldi questi americani?. La situazione è nettamente peggiorata in questi sette anni”.

Furio Focolari a Radio Radio: “I nomi che si fanno per il mercato della Roma sono buoni ma niente di altisonante. Aspettiamo a parlare perché ora sarebbe troppo presto e si farebbe la fine degli exit poll che alla fine vengono stravolti. Fidiamoci di Monchi e aspettiamo”.

Roberto Renga a Radio Radio: “Dei soldi di Salah dobbiamo togliere i 3 milioni che la Roma dovrà dare al Chelsea. Adesso è il momento degli arrivi. Ho perso il conto sulla questione finanziaria della Roma ma sono stupito che nonostante le cessioni i soldi non bastano mai. Adesso si aspettano i colpi che non sono i ragazzi, quelli sono delle speranze. Certamente si parla di giovani interessanti, qui ci vuole il crack al posto di Salah. Ci vuole un terzino destro, un terzino sinistro e un vice-Dzeko. A centrocampo spero che non parta Paredes, visto che è difficile trovare uno giovane forte come lui”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Penso che il prestito di Goldman Sachs sia un segnale. Adesso non so se sia positivo o negativo, intanto è un segnale. Al momento mi preoccupa la campagna acquisti ridimensionata. Staremo a vedere se la Roma ha nel mirino dei giocatori di grande livello per giocarsi lo scudetto e fare bene in Europa. Spenderei i soldi su un grande attaccante e su un grande terzino sinistro”.

Nando Orsi a Radio Radio: “Nella Roma escono tre giocatori importanti come Salah, Szczesny e Manolas, quindi per ora si indebolisce. I 55 milioni di prestito non interessano al tifoso, al tifoso interessano gli acquisti che si faranno per sostituire chi è partito”.

Mario Mattioli a Radio Radio: “Pallotta è un grande presidente perché muove soldi e li porta. I 55 milioni richiesti servono per la quotidianità ma non per il mercato. Quello che lascia perplessi è il modo di gestire di questa proprietà cioè quello di riempirsi di debiti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

36 Commenti

  1. Ma Monchi non aveva detto che non eravamo un supermercato,mi piacerebbe sapere il concetto che ha lo Spagnolo di supermercato,questo non è un giudizio sul suo operato,mi riservo il diritto per la fine del calciomercato o del campionato,ma un giudizio sulja sua credibilita’,in quanto a promesse somiglia a qualche altro che conosco……

    • Credo che Monchi per “supermercato” intenda un “discount”, ma se paghi a “prezzo pieno” – come successo per Salah e Manolas – puoi comprare chi vuoi… Che amarezza!

  2. Vedo molto fumo buttato dai radiolari, come al solito. Szczesny non era un giocatore della Roma e chi lo conta tra le cessioni lo fa in malafede. Era in prestito e siccome la Roma sapeva perfettamente che difficilmente avrebbe potuto comprarlo si è tutelata con Alisson. Manolas può darsi che lo cedano anche per problemi interni di spogliatoio (vedi lite con Dzeko). La Roma ha acquistato Salah per 17 mln e Manolas a 13, quindi puoi trovare dei giocatori forti come loro a quel prezzo. Non so come funzioni di preciso il fair play finanziario ma se la Roma è già stata multata e ha delle pendenze precise evidentemente abbiamo dei problemi e finché non rappezziamo quelli e non abbiamo lo stadio è inutile che il tifoso romanista si faccia illudere dai giornalari che la Roma è una squadra che deve fare dei colpi come l’acquisto, che so, di Verratti dal PSG, non en abbiamo la forza.

    • Di tutto questo ragionamento non mi è chiaro perchè credete che lo stadio sia una discriminante per gli investimenti.
      Per me è solo una giustificazione e neppure troppo credibile. Diciamo allora anche che siamo da 7 anni senza sponsor. Poco che poco si tratta di 50 – 100 milioni.
      Comunque senza investimenti non si vince ed una squadra non si costruisce vendendo ogni anno i migliori.

      • si potrebbe richiamare qualche vecchio dirigente, sponsorizzazione decennale della wind a 2 milioni l’anno ( altro che 100 milioni….) che poi non si sa nemmeno dove sono finiti questi soldi, magari lo sponsor pagava lo stipendio presidenziale all’epoca vero?

        • Chiariamoci subito, non sono a favore di vecchi dirigenti , se siamo in questa situazione la colpa è principalmente loro.
          Sono abbastanza dalla parte di Pallotta, ma anche lui ha fatto errori che incidono.
          Dopo 7 anni dovevamo essere in una situazione ben differente, soprattutto riguardo alla capacità di tenere nel tempo una squadra ben amalgamata.
          Credo che il prox anno sia il maggior vantaggio del Napoli su di noi. La Juve è ancora fuori concorso, basta guardare i nomi che sta puntando nel mercato.

        • Tu dovresti iniziare a comportarti correttamente, se mai ne fossi capace. Le cose o le sai o non le scrivi. E’ inutile crearsi un castello di carte fondato su misere menzogne che confuterebbe anche un bambino delle materne.
          La Roma percepiva 7 milioni l’anno dalla Wind per il main sponsor e 8 milioni dalla Kappa per quello tecnico, oggi il magico mericano ce ne fa guadagnare rispettivamente 0 (zero) e 4,5.
          Magari tornassero quei dirigenti, rispetto a questo pollo mericano assurgerebbero al rango di geni.

      • Ricavi Juve ultimo anno in affitto: 11 mln. Ricavi Juve quest’anno con stadio di proprietà: 51mln. A cui va aggiunto il business park con gli incrementi di merchandising e altro. Di cosa stiamo parlando? Per gli investimenti o becchi il petroliere o è finito il tempo del padre padrone, costruire una società autosostenibile mi pare un’idea intelligente. Sennò possiamo sempre andare a ripescare la Rosella. Sui 7 anni senza sponsor invece sono perplesos anch’io, mi piacerebbe che qualcuno me la spiegasse bene.

        • Peccato solo che lo stadio lo ha costruito la holding di famiglia e non la Juve. Lo stadio di pallotta lo costruisce Pallotta, ma lo paga la Roma.
          Se aumenti gli introiti di 50 milioni e 40 li giri al padre padrone (lui sì tale) per un più di ventennio hai fatto l’affare di maria caxxetta.

  3. Il Governo cinese ha aperto una indagine su Yonghong Li (quello che “avrebbe comprato il Milan”) che per comprare il milan si sarebbe indebitato per l’acquisizione del Milan, bypassando i controlli di Stato, con un tasso superiore al 10%. Oltre a questo indebitamento (prima tranche per comprare il Milan) c’è il secondo indebitamento con il Fund Hedge Americano Elliot per un valore di 350 milioni di € più interessi da restituire entro il 31/12/2018. Il governo cinese ha poi specificato che la quotazione ad Hong Kong del Milan per raccogliere capitali freschi ,operazione sbandierata da Yonghong Li, non sarà possibile.
    Però il Milan compra a tutto spiano per i tifosi abbocconi mentre il furbo Raiola si sta portando Donnarumma lontano da Milano, e qui ancora parlano e parlano questi radaioli……..

    • Praticamente stanno indebitati come sor pallotta che appena ieri ha deciso di portare il debito a 230 milioni.
      Non nascondere i tuoi problemi sotto il tappeto, ai loro problemi, se mai esistessero, ci penserà il cinese.
      I milanesi non hanno certamente bisogno della consulenza mai richiesta di anto58.

  4. Io credo che vada fatta un pò di chiarezza sulla situazione finanziaria della Roma.
    @Giovanni: lo stadio SERVE come il pane per aumentare le entrate (biglietteria “diretta” e non da dividersi con il Coni per l’Olimpico; entrate da negozi, ristoranti costruiti dentro e fuori lo stadio; affitto di parte dello stadio per eventi come concerti e/o partite di football americano; affitto e/o cessione dei name rights (come ha appena fatto la Juventus). Tutte queste voci, possono essere inserite sotto le ENTRATE. In questo modo, per le regole del fair play finanziario, puoi avere maggiori USCITE. Nell’ottica del FPF, le immissioni di denaro da parte dei proprietari/soci può essere solo una piccola parte. Ecco perchè, ad oggi, senza LO STADIO, la Roma deve vivere con le plusvalenze.
    @Bruno52 … se ricordi la prima conferenza stampa di Monchi, è stato detto chiaramente: il problema non è vendere, ma comprare bene. Inoltre, a mio avviso, Salah non sarebbe andato bene come tipo di esterno nel gioco di Di Francesco; su Manolas, ribadisco, avrebbe potuto giocare con Rudiger solo in una difesa a 3. Giocando a 4, dovevi puntare su uno dei due e la società ha scelto Rudiger. A questo punto Manolas lo vendi e pure bene.
    @Fabiano .. capisco il tuo discorso ma Pallotta ha promesso di avere una squadra competitiva, ed i risultati ci dicono che negli ultimi 4 anni (eccezion fatta per la Juventus), nessuno in campionato ha fatto meglio di noi. Siamo arrivati ad una finale e ad una semifinale di Coppa Italia. La sfiga è che abbiamo perse entrambe con “quelli” .. altrimenti sarebbero da considerare comunque percorsi positivi. In Europa fatichiamo …. ma è , purtroppo, nel nostro dna. Eccezion fatta con Spalletti (il primo) e Liedholm … i nostri cammini non sono mai stati troppo “esaltanti”.
    Infine, ricordiamoci che Pallotta si aspettava di avere lo stadio già lo scorso anno. Il “balletto” del nostro caro Comune, al di là delle dichiarazioni di facciata, ha creato un danno economico enorme … che ovviamente ricade sulla società sportiva.
    Poi, per me, Pallotta può andar via anche domani mattina … ma non crediate che se arrivano i cinesi spendono 150 milioni … le regole valgono per TUTTI. Leggetevi l’intervista a Spalletti di ieri, parlando di Inter … dice la stessa cosa. Loro sono messi addirittura peggio di noi ma PRIMA DEVONO VENDERE. Quindi, tutta la stampa a favore che diceva che avrebbero comprato Rudiger, Manolas, Strootmann .. diceva solo cavolate. Questo dovrebbe portare la gente ad aprire gli occhi .. ma temo che qui a Roma sia impossibile.

    • Ciao Fabrizio, poco fa ho riportato la notizia data da un importante giornale economico sul “presunto” proprietario del Milan che si è infilato in un bel impiccio (con la spada di damocle del fondo Elliot è come essere saliti sulla sedia elettrica) , magari questo è un millantatore non lo so, ma chi apre la bocca e reclama lo sceicco o il cinese pieno di soldi poi rischia di finire così, purtroppo è sempre la solita storia noi abbiano una tifoseria che è capaci di dire solo ” presidè caccia li sordi” …senza capire che quei tempi non ci sono più.

    • @Fabrizio mi dspiace forse non ricordi ma Pallotta disse che saremmo diventati tra le squadre piu’ forti d’Europa,ora, come si diventa una delle squadre piu’ forti d’Europa se non vincendo,d’altronde tu stesso in passato hai ammesso che Pallotta aveva sbagliato a fare certe promesse,quindi io vorrei che almeno non ci prendessero in giro,questo è un diritto che rivendico e non ci si puo’ sempre nascondere dietro a giornalai scorretti(eufemismo)o ambiente ostile,ognuno deve fare la sua parte correttamente e non mi sembra che questa sia una societa’ cristallina

      • Cia @Fabiano. Io credo a quelle promesse. Quelle promesse, però, vanno contestualizzate (secondo me). Lui era straconvinto di avere lo stadio nei tempi che si era prefissato. Questo gli avrebbe comportato di poter spendere più soldi per rendere competitiva la squadra senza svenarsi (anche perchè le nuove norme europee non lo permettono). Senza lo stadio, il percorso è più lento. Non a caso, sembra che ora si stia facendo un passo indietro: la Raggi ha nuovamente scombussolato i piani. Questo “balletto” ha fatto perdere tempo e soldi e lui (Pallotta) non ci sta più. Per questo ha dato mandato a Monchi di creare un altro miracolo sportivo … tenere la sqaudra competitiva, abbassando il monte ingaggi.
        Non credere che io ne sia felice (perchè non è così) ma a me questi step sono molto chiari, purtroppo. Nonostante questo, io credo che si possa allestire un’ottima squadra. Conto che la curva torni a fare il suo mestiere e che si metta nella soffitta la diatriba Spalletti/Totti in modo da tornare ad essere il più uniti possibile. Più uniti saremo, più punti avremo. Forza Roma !!!

  5. Io contrariamente a molti tifosi dei ghetti romani che ascoltano solo le radioline di quartiere dalla mattina alla sera sono fiducioso di questa Roma e di Monchi. Preferisco il fairplay ai dubbi dei cinesi del Milan, sicuramente ci sono sceicchi e cinesi ricchi che portano e porteranno soldi alle squadre acquisite, ma a me non interessa, preferisco una cultura Americana a quella orientale. Per ultimo vorrei dire ai tanti pseudo tifosi da ghetto romano che non è Pallotta che non sta mantenendo le promesse, ma sono i politici che avete votato grazie alla vostra cultura ed intelligenza da mediocri, loro oltre a non saper governare una città Capitale, come voi non ci sapete vivere in una città Capitale in quanto mediocri, stanno facendo anche barricate per la costruzione di uno stadio di prorietà che porterebbe lavoro, visibilità a questa città e slancio alla Roma stessa, come successo alla Juve ed a Udine addirittura. Pertanto anzichè criticare Pallotta, criticate chi avete votato senza cervello, poi fateve una vita dignitosa, fateve una passeggiata per prendere un po di ossigeno e soprattutto tifate Roma!!!!!

    • Ne abbiamo parlato qui qualche giorno fa, con crudezza hai dipinto la situazione cittadina, questa città è tutto meno che una Capitale, i politici non vengono fuori dall’uovo di Pasqua ma sono solo l’espressione di chi li vota, i politici che abbiamo sono solo l’espressione di chi siamo. I tifosi idem.

      • Grazie anto58, anche se evidenziamo ancora la cruda realtà del nostro ghetto travestito da città, e credo che molti tifosi per mediocrità o per frustrazione non accendono il cervello, come tanti altri altri cittadini del resto. In certi versi Spalletti aveva ragione….

    • Certo che se uno deve votare un politico solo perche’ deve fare lo stadio della Roma, allora chi c’ha una visione limitata sei te, visto che i problemi della citta’ vengono prima di quelli dello stadio per cui ti invito cortesemente a usare toni più soft.
      Poi vorrei capire secondo te un cittadino chi avrebbe dovuto votare, dopo anni di malgoverno romano sia di destra che di sinistra. Io no ho votato i 5s ma rispetto chi lo ha fatto.
      Infine mi viene spontaneo chiederti se hai vissuto a Roma in questi anni o eri di passaggio.

  6. Adesso siamo arrivati al fatto che la Roma parte con quattro cessioni ???? E mi metti in conto il Sczsezsny e pure Totti. Hai vinto tu #Balzanoforpresident. Fate veramente schifo per quanto siete di parte ….
    E visto che ci siamo, qualcuno ha fatto caso agli articoli de Il Messaggero e di Leggo ? Ed avete fatto caso che hanno in comune lo stesso editore (Caltagirone, costruttore come Parnasi…) ? Ed avete fatto caso che la Caltagirone editore possiede (tra le altre) anche una società che si occupa di pubblicità anche per radio ed internet ? Nulla di strano, ma ricordarselo ogni tanto non fa mai male, no ?

  7. @Anto58,lasciamo stare i Cinesi di cui non ce ne frega niente,ormai si sa che i radaioli sono contro o perche’sono lazziesi o perche la linea editoriale dei loro giornali e’ andare contro la roma(non è una giustificazione)o per disonesta’ intellettuale e quindi guardiamo in casa nostra.Ci hanno fatto una capoccia che se non fossimo arrivati secondi avrebbero venduto i top palyer,poi ci è stato detto che bisognava vendere salah perche’ bisognava sistemare i conti entro il 30 giugno,Monchi si è subito conquistata la simpatia dei tifosi facendo dichiarazioni roboanti”Non siamo un supermercato….il prezzo lo facciamo noi….il problema non è vendere ma comprare bene”io non pretendo la Luna,sappiamo le difficolta’ per via del fpf,ma la chiarezza la pretendo e non vorrei che Monchi facesse come Pallotta,promesse che non puo’ mantenere,spero sia solo un impressione,una cosa è certa,che finora hanno rimesso a posto i conti grazie alle intuizioni del tanto vituperato Sabatini,il quale,seppure non esente da errori,ha fatto una squadra vincente e si è sempre comportato da uomo vero e personalmente non lo rimpiangero’ mai a sufficienza.
    P.S
    hai visto? cucs è tornato e sono molto contento che abbiamo contribuito a questo,ci ha anche regalato un “titolo”a te quello piu’ grosso,scherzo naturalmente,è solo un sito di calcio ma la sensibilita’ e la stima prescindono da tutto e quindi un abbraccio a tutti e tre ed al mio amico Lupo

  8. Ragazzi Goldman Sachs quando apre una linea di credito significa che fiuta un affare ghiotto, ghiottissimo! 230 + le cessioni, sommate tutto… Pallotta non ha acceso un mutuo, come qualcuno in mala fede sostiene… Non cadete nella trappola dei laziali, quanto me fanno pena…E quanto me faranno pena tra qualche mese… Li aspetto al varco… Chi è oggi pessimista lo voglio leggere a fine agosto… Aspettatevi da me una dura reprimenda tra due mesi… L'”ambiente” è proprio quello che dovete non ascoltare, ascoltate il vostro cervello!

    • Ammazza che affare, debiti su debiti, una gestione corrente che porta 70 milioni di buco l’anno che viene appesantito di ulteriori milioni e milioni di euro di interessi sui 20 che già si pagavano.
      Non ti pare che forse GS non avesse altra strada che concedere ciò che l’impreditorino chiedeva altrimenti rischiava di perdere tutto il pregresso?
      Qua si festeggiano plusvalenze, aumenti dei buffi e hector moreni e di franceschi.
      Il sogno mericano si realizza.

  9. scusate. Ha ragione @embè.
    Questo (Pallotta) non capisce proprio nulla.
    Quelli di prima erano geni della finanza, erano bravissimi.
    Mi sfugge come mai eravamo ad un passo dal fallimento.
    Qualche idea ???

    • ma quale fallimento?
      L’ultimo anno di rosella proprietaria della As Roma (anno 2009-10) si chiuse con un patrimonio netto negativo di 13 milioni (tredici milioni), il patrimonio netto del mericano nel 2016 recita – 117 milioni (meno centodiciassette milioni), la posizione finanziaria netta di rosella era negativa per 8,5 milioni (8 virgola 5 milioni), la pfn del mericano a giugno 2016 recita – 193 milioni (meno centonovantatrè milioni di euro).
      Rosella nel giugno 2010 lasciava 11 milioni di debiti (undici milioni), oggi il mericano è carico di 264 milioni di debito (duecentosessantaquattro milioni).
      Se Rosella rischiava il fallimento questo dovrebbe scappa’ sull’Himalaya.
      A Rosella avevano chiuso i rubinetti e basta. Non le facevano credito, perché il gioco della banca prevedeva di prenderla per il collo e costringerla a cedere la Roma, l’unica cosa che Rosella non avrebbe mai ceduto a du speculatori da strapazzo d’oltreoceano. L’unica cosa che rischiava la Roma era di essere costretta a fare con i propri mezzi, quando c’era liquidità si sarebbe investito, quando non c’era non si sarebbe investito.
      Certamente Rosella oggi non avrebbe una rosa piena zeppa di mezze sexhe che non riesci a piazzare manco se le regali e nessuno mi può togliere dalla testa che oggi stavo con schick e con belotti (i cui procuratori erano pappa e ciccia con Predè) invece che con iturbe e doumbia.

  10. A proposito del contratto Nike (fonte IL MESSAGGERO, quindi non proprio amichetti dell’americano:

    “I dettagli dell’accordo sottoscritto da Pallotta col brand statunitense sono stati resi noti oggi dal club attraverso la pubblicazione del prospetto informativo per l’aumento di capitale. All’interno del documento, oltre al bonus di 6 milioni già incassato dalla Roma al momento dell’accordo, sono riportate anche le cifre che saranno corrisposte da Nike alla società fino al 31 maggio 2024. Il contratto siglato col colosso sportivo – che è stato designato fornitore esclusivo e sponsor ufficiale della Roma per prodotti tecnici e non, sistemi o metodi di misurazione delle performance e abilità atletiche – prevede il riconoscimento di un compenso fisso annuale di 4 milioni, che potrebbe crescere fino a 5 milioni l’anno a decorrere dall’ eventuale apertura del nuovo stadio (che la Roma ha intenzione di costruire nel più breve tempo possibile nella zona di Tor di Valle).
    Nell’accordo, poi, è inserita anche una percentuale variabile (tra il 7,5% e il 12% in funzione dell’effettivo fatturato netto) sulle vendite effettuate nel corso di ciascun anno di contratto. Inoltre sarà riconosciuto al club anche il 50% dei proventi netti di qualunque prodotto commercializzato con nomi, loghi, marchi o diritti di immagine collettiva della squadra di proprietà o nella disponibilità della Roma. Infine, immancabili alcuni bonus in caso di raggiungimento di specifici obbiettivi agonistici”

    Giusto per una corretta informazione

  11. L’intesa raggiunta prevede il riconoscimento in favore di A.S. Roma di un corrispettivo fisso di € 5 milioni, oltre IVA, per la stagione sportiva 2010/2011, di € 5,5 milioni, oltre IVA, per la stagione sportiva 2011/2012, e di € 6 milioni, per la stagione sportiva 2012/2013, che si incrementerà di € 1 milione, oltre IVA, per ciascuna stagione sportiva in cui la squadra partecipi all’Uefa Champions League, nonché di un corrispettivo variabile, determinato in funzione del raggiungimento di predeterminati risultati sportivi nelle competizioni nazionali e internazionali. Fonte corriere dello sport. Mi pare un accordo da squadretta come quello sottoscritto dalla Nike. Che cos’è cambiato da allora? Cosa? Ma perché odiate le gestioni passate e questa la venerate? Nn vi facevano entrare allo stadio? Vi dava fastidio essere bullizzati dai tifosi che seppur gestionalmente pietosa e senza futuro seguivano la Roma copiosamente in Italia ed in Europa? Io critico tutte le gestioni passate e quelle moderne quando fanno male e lodo a prescindere dall’odio personale chi fa bene. Sono passato da Dino bagarino al sensi bla bla bla alla Rosella venni la Roma per farci sopravvivere perché era giusto così. Adesso però mi sono stufato di leggere i tastierologi sfigati che continuano a lodare una persona indegna…. qualche esempio rapido… 1) mai in lotta per uno scudetto 2) derby coppa Italia 3) parlate di Manchester e nn ricordate b monaco in casa e Barcellona per nn parlare di Bergamo Lecce etc etc 4) ricavi ad Roma dall’arrivo degli americani peggiorato addirittura rispetto alla Rosella 5) main sponsor assente 6) cambio logo da asr storico ad uno da bancarella dell’usato. E per ultimo guardate le cifre che percepirà dall’adidas per la maglia e pensate pensate pensate. Dove cavolo vedete la luce. Secondo me sotto i vostri nomi si celano pallotta e baldissoni…. uscite de casa ogni tanto e parlate se informati realmente….

    • @Marco … caro mio, è esattamente il contrario. Se seguissi da un pò di tempo questo blog non incorreresti in questo errore. Tra l’altro, cosa tipica di voialtri, insulti dando aspetta .. ah si, ” tastierologi sfigati”.
      Non mi pare di aver insultato nessuno nè di aver detto a @embè con il quale stavo polemizzando che in realtà si tratta del marito di Rosella … ma questo è stato, è, e sarà sempre il vostro stile. Auguri e complimenti.
      Poi ci sono alcune farneticazioni tipiche, tra l’altro, di voialtri che, guarda caso, trovano eco per puro caso in una “famosa” radio.
      In 6 anni, non siamo mai stati competitivi per lo scudetto .. oibò, mannaggierina … e pensare che in 90 anni di storia abbiamo sempre lottato per il titolo….tutta colpa di Pallotta.
      Il cambio logo .. urca, erano anni che non ne sentivo più parlare .. come ha osato, cribbio !!! Detto che a me piaceva di più il precedente, le spiegazioni sono state date ed hanno una loro logica. Si può condividere o meno la scelta .. ma non è COMUNQUE motivo di insulto.
      Il derby di Coppa Italia .. eh cavolo, lì è evidente la colpa di Pallotta … infatti siamo arrivati in finale solo per merito dei giocatori e di Zeman .. ed in finale Pallotta ha voluto giocare per forza ed ha sbagliato un goal clamoroso … ah no, non giocava ?
      Veniamo al contratto … è brutto dirlo, ma è la verità e vorrei che tu ed i “tastierologi fighi come te” se lo ficcassero in testa: la Roma era una scatola vuota, una società sull’orlo del fallimento e quindi con un appeal che, in confronto, la donna barbuta era pronta per miss Mondo. Avevamo più debiti noi che uno stato africano … Per cui, ogni tanto, bisognerebbe capire che chi viene dopo a volte deve sistemare cose rotte prima …
      Pallotta persona indegna ? Chissenefrega … nel senso che non lo conosco e non ho nessun interesse a farlo. Ma lo rispetto, come presidente della mia squadra .. così come ho rispettato chi lo ha preceduto (fino alla farsa del progetto stadio, mai arrivato nemmeno sul primo scalino del campidoglio).
      Detto questo, fai come ti pare (ci mancherebbe), pensala come vuoi, ma impara a rispettare l’altrui opinione. Ah, per la cronaca, io ho 20 anni di curva sud alle spalle, tu da dove sbuchi ?
      Cordialmente

  12. Le vedove dei sensi fanno proprio pena… Non citano mai il Prof. Ruperto… Gettano solo fango e menzogne quotidiane, in radio e sui social. Uno scudetto in 15 anni ci stava costando l’esistenza… Questo non lo ricordano mai… Fanno pena e sono senza pudore. Vergognatevi!
    Forza Roma e Forza Pallotta, oggi più che mai

  13. @Fabrizio perdonami ma il tuo intervento sulle presunte entrate del futuro stadio è pieno di inesattezze. Prima di tutto voglio ricordare che lo stadio sarà intestato a società terze ancora non ben definite, quindi tutti gli introiti di ristoranti, negozi, centri commerciali di cui parli, NON potranno essere messe a bilancio della AS ROMA (come puoi mettere a bilancio qualcosa che non è tuo?). Quello che potrà essere messo a bilancio saranno esclusivamente i servizi all’interno dello stadio di cui la Roma paga l’affitto, quindi biglietteria, museo, ecc (e onestamente mi pare anche corretto che chi ha investito 1 miliardo di euro si riprenda pian piano i soldi dell’investimento). Quindi se andiamo ad analizzare quanto la Juventus incassa dal suo solo impianto e dai servizi, ti accorgerai che si parla di cifre che oscillano tra i 10 e i 12 milioni all’anno. Non lo dico io, ma sono dati consultabili ovunque e di pubblico dominio. Tutto questo discorso per dire che si illude che grazie allo Stadio noi non avremo pià bisogno dell’autofinanziamento e che arriveranno grandi campioni affermati, forse è il momento che si sveglia un attimo. E’ chiaro che gli americani cercano di far passare questo messaggio pur di costruire a tutti i costi, ma credetemi dopo lo Stadio cambierà poco e niente. Tutti i servizi extra stadio andranno nelle tasche di chi ha messo i soldi e il fatturato della AS Roma aumenterà poco e niente. Non ripetete ritornelli che sentite in giro senza riflettere

    • @Falco,devo confessare che di questioni tecnico-amminnistrative non ci capisco niente e quindi non ci mettero’ bocca,ma sono assolutamente d’accordo con te sullo scetticismo sugli investimenti post stadio,per una semplice ragione:se è vero come è vero che Pallotta ha comprato la Roma per investire e quindi guadagnare(leggitimamente),perche’ dovrebbe investire sulla squadra i guadagni dello stadio,quando questa è l’unica ragione per cui ha comprato la Roma;l’unica speranza è che quando avra’ fatto lo stadio venda a qualche sceicco o Russo miliardario

  14. Non mi interessano queste diatribe francamente ridicole.
    Vedo purtroppo che ci stiamo privando di 3-4 pilastri e i giocatori che vengono prospettati in entrata sono per lo più sconosciuti e pippe.
    Ma di questo passo dove vogliamo andare?
    Monchi è peggio di Sabatini.

LASCIA UN COMMENTO