ROMA-LIONE, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni di Luciano Spalletti, tecnico giallorosso, in occasione di Roma-Lione.

POST PARTITA

SPALLETTI IN CONFERENZA STAMPA

Si riesce a commentare in modo razionale un’uscita come questa?
“Ci si prova, ce la metto tutta. Se facciamo l’addizione tra le 2 partite non meritiamo questo risultato. Non so se si può chiamare fortuna o sfortuna, è limitato parlare di questo. La fortuna si fa venire a proprio favore con l’atteggiamento, con il credere con la testa, con il cuore e con i muscoli a quello che si vuole. E la squadra ha fatto questo. Perciò non capisco perché gli episodi ci sono venuti contro. Mi dispiace, ci rimango male, e poi mi rode per lo stadio, stasera i tifosi sono venuti, hanno partecipato, era giusto fare il 3° gol, lo meritavano. Il Lione ha 7-8 giocatori davanti molto forti e ci sta di prendere gol. Noi abbiamo preso palo, traversa… e niente. Secondo me sono io che porto sfiga, stasera non lo capisco, così come non capisco perché l’arbitro gli ha permesso di stare così tanto per terra ai giocatori loro. Dieci volte sono rimaste per terra: a me di recuperare non interessa, perché intanto ti hanno spezzato il ritmo. Era mirato, si vedeva che volevano fare così, è una roba brutta e anti-sportiva”.

Nel 2° tempo ha cambiato Peres con El Shaarawy, poi Perotti e Totti: voleva provare il tutto per tutto ma si è perso l’equilibrio e il possesso del centrocampo. Non era meglio togliere uno degli attaccanti che non stava rendendo al massimo?
“Secondo me hai ragione, era meglio togliere un attaccante”.

SPALLETTI A TV8

Cosa si dice alla squadra dopo una partita così?
“Siamo dispiaciuti, però gli faccio i complimenti perché hanno fatto una grande gara stasera. Non si può tornare, bisogna guardare avanti, ma anche stasera qualcosa si trova. In certi momenti non si hanno quelle capacita di mestiere che le squadre avversarie hanno”. 

Dzeko?
“E’ ingeneroso criticarlo, perché lui ci ha portato sino qui. Anche Salah poteva darci un mano perché non ha mai strappato, poteva sfruttare meglio le vie centrali. Sono cose che possono succedere in una partita”.

Lei ha detto ‘Alleno ancora per poco’?
“Lei è un po’ cattivello, siete un po’ dei prestigiatori di parole. Parte tutto da un’analisi della partita: secondo me è anti-sportivo rimanere tanto tempo per terra. Bisognerebbe fare il tempo effettivo. Poi mi è stato chiesto quando lo faranno e io ho risposto ci vorranno 10 anni e forse non farò in tempo a vederlo sul campo”.

Come ti poni nei confronti della stampa?
“E’ partito tutto da un messaggio arrivato al presidente in cui si mostra che i giornalisti di Roma gli scrivono: ‘Ha ancora tempo per pensarci perché Spalletti è una persona pericolosa’. Tre note mi hanno fatto. Sempre a rinfacciarmi le cose. E’ una cosa di una scorrettezza inaudita, con messaggi minacciosi. Lo so che non mi sopportano e io mi devo difendere. Non succede da nessun’altra parte. Se il presidente me lo manda te lo faccio vedere il messaggio, so anche chi glielo ha mandato. Però non posso tutte le volte dire quello che è il comportamento della stampa. Poi non capisco perché a queste parole mi rispondono quelli di Milano”.

Le non pensa talvolta di sminuire il suo lavoro?
“Se dobbiamo parlare di calcio, parliamo di calcio. Il confronto con la stampa è partito in quella maniera lì, poi ci sono le partite che ha fatto la Roma. Non capisco perché mi si debba parlare di Florenzi in questo momento qui, non dando merito a quanto fatto sinora dalla squadra. Non ho visto quel trasporto che avremmo meritato. Dopo il 7-1 con il Catania venne fuori un casino, con il tacco, la punta. L’Inter ha battuto l’Atalanta 7-1 nessuno ha detto una parola. Qui non si riesce ad avere meriti, si parla sempre delle stesse cose”.

Come vedi il tuo futuro?
“Io vi aspetto domani l’altro in conferenza stampa. Mi ci vedo molto comodo. in conferenza stampa sono comodo sempre”.

SPALLETTI A SKY

Vittoria amara, quale recriminazione?
“Recriminazioni non ce ne sono mai. Si va fuori, nella somma delle due partite perché si paga qualche ingenuità. In alcuni momenti non si riesce ad avere quel mestiere che vogliono queste partite. In dei momenti ci perdiamo, come nel secondo tempo laggiù. Anche stasera in alcuni momenti si perde dei palloni e si buttano energie importanti. La squadra ha fatto bene, meritava per gli atteggiamenti che hanno avuto, per quello che ha fatto. Il quarto gol laggiù era in fuorigioco, loro sono stati bravi ma non ci si merita. Stasera si meritava di più, alla prima situazione stasera si perde il blocco e ci fanno gol. Non vedo differenza di dover andare fuori in quella che è stata la lotta della partita. Laggiù abbiamo smesso di giocare nel secondo tempo e qui non siamo riusciti a buttare dentro il pallone, perché le situazioni le abbiamo create. Segno che ci meritiamo questo ma secondo me non è giusto”. 

E’ mancato Dzeko?
“Ci sono giocatori che una partita la possono far meglio o peggio. Salah stasera può fare di più con le qualità che ha lui, ma è così ci sono questi saliscendi di rendimento da accettare. Si prende la prestazione della squadra, che stasera aveva meritato di passare il turno”.

Hai una squadra esperta, cosa potrai dirgli domani?
“Si deve essere precisi e corretti. Stasera la squadra ha fatto tutto quello che doveva fare, non trovo grandi cose se non un po’ di scaltrezza delle scelte in alcuni momenti. E’ mancata un po’ di buona sorte, dopo una partita così bisognerebbe fare dei passi indietro che non si fanno. Bisogna ripartire da questa prestazione mettendoci poi qualcosa da dover migliorare. In alcuni momenti siamo poco scaltri, poco furbi. In queste valutazioni ogni tanto si perde qualcosa”. 

Cosa è successo nell’ultimo periodo?
“Probabilmente visto come sono andate le partite è vero che in qualche momento potevo azzardare qualcosa per creare uno stimolo in più. Visto che aveva preso una strada dove si riconoscevano tantissime qualità, sei sempre legato alle valutazioni con le partite ravvicinate. In questa conta di tutte queste partite qualcosa ho sicuramente sbagliato. Molto ha fatto questo gruppo di partite così importanti che ci sono capitate tutte insieme. Questa analisi è forse quella più corretta da fare. Al di là di un po’ di analisi singole, non so trovare granché perché la squadra ha fatto buon calcio sbagliando dei pezzi di partite. Contro il Napoli un paio di errori si sono pagati a caro prezzo e fanno parte di queste ingenuità che ogni tanto ci capitano, come il primo gol di Mertens contro il Napoli. Oppure momenti in cui la squadra non riesce ad esercitare il proprio gioco. Anche il derby perso in Coppa Italia non dico che è una partita sbagliatissima da buttar via tutto. Grandi errori non li ho visti, si sono perse delle partite”. 

Prestazione travolgente. Pensa di poter proseguire questo lavoro?
“Questa è una squadra forte, in alcuni momenti un po’ ingenua. C’è materiale per lavorarci noi si continua a fare questo fino alla fine dell’anno. Poi per quanto mi riguarda, ormai non se ne parla più, l’abbiamo già detto troppe volte. Una cosa da dire per la partita di stasera è che prima o poi andrà fatto questo tempo effettivo, vedere 10 giocatori a terra che perdono tempo, si vede che lo fanno di proposito, è una roba che non capisco. E’ una roba bruttissima, poi si parla dei nostri arbitri. Bisognava ammonire prima”.

Il discorso sul futuro Spalletti non viene mai a noia:
“Buon lavoro, ciao”.

  • stefano1974

    molto isterici al primo tempo..e dopo la traversa e salvataggio del portiere su rudiger già avevo capito come sarebbe finita….la partita secondo me è andata definitivamente nel doppio errore di strootman al primo tempo che ci avrebbe portato sul 2_1 con tutto il secondo tempo per trovare il 3 senza ansia e ritmi isterici che ho visto durante tutto il primo tempo…comunque…conclusioni stagione game over….la coppa italia neanche ci penso….troppo difficile 3’gol senza subirne 1….ennesimo spero 2′ posto…e niente coppe…..L’unico soddisfatto sarà il porchettaro di Boston….il quale è interessato agli introiti champions…e quelli della costruzione stadio..tanto che oggi se ne stava in hotel tranquillo visto che la sua gara la gioca domani con la raggi…..Vergogna..

  • stefano1974

    bravo lucio mandali a cagare questi 4 pseudo pennaroli usciti da radio incapaci e immeritevoli…..altro che stampa…d’altronde l’Italia è questa più sei incapace più rivesti ruoli importanti…nei giornali stessa cosa…