ALLENAMENTO AS ROMA – Poco dopo le 10.30 del mattina è iniziata la seduta d’allenamento per la squadra giallorossa nella Ciutad Deportiva di Siviglia, rifinitura in attesa del match amichevole di questa sera valido per il Trofeo Antonio Puerta. Giallorossi in campo agli ordini di mister Di Francesco con riscaldamento e torello prima di un focus sulla tattica. Per Karsdorp lavoro in palestra, allenamento a Trigoria invece per Florenzi (seduta con la Primavera), El Shaarawy (individuale in campo), e Emerson (palestra e terapia). La sessione d’allenamento si è svolta a porte chiuse.

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Alisson; Peres, Manolas, Jesus, Kolarov; Nainggolan, De Rossi, Strootman; Defrel, Dzeko, Perotti.
A disp.: Skorupski, Lobont, Romagnoli, Nura, Fazio, Castan, Moreno, Gonalons, Pellegrini, Gerson, Tumminello, Sadiq, Under, Antonucci, Keba, Iturbe.
All.: Di Francesco

INDISPONIBILI: El Shaarawy (lombalgia), Florenzi (recupero dalla rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro), Emerson Palmieri (recupero dalla rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro), Luca Pellegrini (recupero dalla rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro), Karsdorp (recupero dall’intervento di pulizia del menisco)

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

  1. Differenze sostanziali con lo scorso anno: Juan Jesus per Rudiger, Defrel per Salah.
    Tralascio Alisson e Kolarov, per me piu o meno di pari livello con coso e Emerson.
    Ad oggi, gli 11 titolari sono meno forti di quelli dello scorso campionato.
    Monchi datte na mossaaaaaaaa!!

  2. C’è anche Gonalons per Paredes, Pellegrini per Gerson e Florenzi per Grenier, Under per Totti. A livello di seconde linee almeno siamo messi un po’ meglio, salvo il caso Paredes che non l’avrei mai cambiato con il francese, ma la differenza di prezzo ci potrebbe far arrivare a Mahrez, allora si che il saldo potrebbe diventare positivo, con l’unico dubbio Spalletti – Di Francesco, il primo i risultati li ha fatti e sono sotto gli occhi di tutti, il secondo ha tutto da dimostrare e tutto da perdere considerando la pesante eredità che il tecnico di Certaldo ha lasciato.

LASCIA UN COMMENTO