IL TEMPO (A.Serafini) – Questione di giorni, giusto il tempo di affondare l’ultimo colpo e cancellare ogni possibile inserimento esterno nella trattativa. Lo sprint romanista per arrivare a Kessie si concluderà con tutta probabilità la prossima settimana, quando il diesse Massara lascerà la Capitale per sbrigare gli ultimi dettagli economici legati all’ingaggio del centrocampista ivoriano. Un passaggio che negli ultimi mesi ha tenuto in apprensione l’intero stato dell’operazione, bloccata dal continuo flusso di richieste arrivate sul tavolo del suo procuratore George Atangana. Grazie ai buoni uffici giallorossi con l’Atalanta e all’intermediazione di vari agenti del mercato intervenuti sulla vicenda, il passaggio nella Capitale del ventenne è ormai a un passo. In agenda è già stato fissato un appuntamento: la Roma preferirebbe chiudere l’accordo già nel weekend, ma in base agli impegni delle rispettive parti (Massara potrebbe raggiungere direttamente la squadra lunedì a Pescara) l’incontro potrebbe essere spostato all’inizio della prossima settimana. Ma non si andrà oltre. Anche perché l’intesa definitiva con il club bergamasco è stata raggiunta con largo anticipo sulla base complessiva di circa 25 milioni, con modalità di pagamento rinviata al giugno del 2018 (stessa linea utilizzata dall’Inter per Gagliardini) e senza l’inserimento di contro partite tecniche.

Non è detto però che la collaborazione tra i club non prosegua quest’estate, perché le chiacchierate andate in scena nel recente passato hanno spesso coinvolto la posizione di alcuni gioielli della Primavera di Alberto De Rossi (Marchizza e Tumminello su tutti), pronti al primo salto nel calcio professionistico. La possibilità che la Roma conceda una corsia preferenziale al presidente neroazzurro Percassi sul prestito dei ragazzi romanisti (sono già arrivate numerose richieste in serie A) è quindi tutt’altro che remota. Superato l’ultimo scoglio sull’ingaggio, Kessie terminerà la stagione all’Atalanta e in estate volerà a Trigoria dove lo aspetta un contratto che lo legherà ai giallorossi fino al 2022. Prima del derby di campionato in programma il prossimo 30 aprile, la società è intenzionata a sbloccare una prima parte del futuro: chiudere l’operazione Kessie e ufficializzare l’arrivo nella Capitale di Monchi, che in caso di fumata bianca potrebbe affiancare Massara nell’annuncio del primo acquisto romanista. Terminato il breve periodo di riposo, che il diesse spagnolo ha fortemente voluto per trascorrere del tempo libero con la famiglia, la fase operativa entrerà nel vivo. Il passaggio di consegne all’interno del centro sportivo (Monchi occuperà la stanza lasciata libera da Walter Sabatini) è ufficiosamente cominciato da tempo, tra la scelta del nuovo allenatore e il solito lavoro di scouting alla ricerca degli obiettivi primari da inserire nella rosa della prossima stagione.

Nel frattempo però non si perde contatto con il presente. In vista della trasferta di Pescara alla corte dell’ex Zeman, il tecnico toscano punta alla convocazione in extremis di Emerson, prossimo al recupero completo dal problema tendineo alla coscia. Il brasiliano spera di tornare in gruppo domani (oggi Spalletti ha concesso una giornata di riposo alla squadra) insieme a Rudiger e Fazio (entrambi hanno lavorato a parte). Il centrale tedesco ha ultimato il percorso di gestione fisica programmato dallo staff tecnico e nel weekend tornerà ad aumentare regolarmente i carichi di lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO