ROMA-TORINO, L’AVVERSARIA – Venticinquesima giornata di Serie A: la Roma, sul palcoscenico dello stadio Olimpico, affronta il Torino. I granata, noni in classifica, hanno rallentato il ritmo dopo un inizio convincente: solo 10 punti nelle ultime 10 gare, frutto di 4 pareggi, 4 sconfitte e 2 vittorie. Per rilanciarsi in ottica Europa, serve un risultato convincente.

I PRECEDENTI – Quella in programma domenica è la sfida numero 144 in Serie A tra le due compagini. Nelle precedenti 143, la Roma ha avuto la meglio in 57 occasioni, il Torino in 46. Il segno X, invece, è andato in scena 40 volte. Anche il bilancio dei gol sorride ai giallorossi: 193 a 181. Prendendo in esame solo le 71 gare disputate nella capitale, la differenza si amplia: la Roma si è imposta in 45 confronti, mentre i pareggi, come i trionfi dei granata, sono stati 13.

IL MISTER – Sinisa Mihajlovic guida il Torino dalla scorsa estate. Il tecnico granata, dopo una carriera da calciatore di elevata caratura, inizia l’esperienza da allenatore dall’Inter, dove collabora con Mancini. Dopo molte avventure, tra cui Bologna, Fiorentina, Sampdoria e Milan, approda in Piemonte. La squadra, di grandi prospettive, inizia bene e galleggia fino a dicembre in zona Europa League. Poi, qualche ingranaggio si rompe, i risultati faticano ad arrivare: il carisma del mister può risultare fondamentale per riprendere la marcia.

LE SCELTE – Il marchio di fabbrica del Torino è il 4-3-3, sempre utilizzato nel corso della stagione. Domenica ancora fiducia al modulo collaudato. In porta ci sarà Hart; difesa composta da Zappacosta, Ajeti, Moretti e Barreca. A centrocampo, trio formato da Benassi, Lukic e Baselli; in avanti spazio all’attacco delle grandi occasioni, con una folta presenza di ex giallorossi: Iago Falque, Ljajic e Belotti.

Probabile formazione (4-3-3): 21 Hart; 7 Zappacosta, 93 Ajeti, 24 Moretti, 23 Barreca; 15 Benassi, 25 Lukic, 8 Baselli; 14 Iago Falque, 9 Belotti, 10 Ljajic
A disp.: 1 Padelli, 90 Cucchietti, 26 Avelar, 29 De Silvestri, 18 Valdifiori, 6 Acquah, 16 Gustafson, 19 Iturbe, 31 Boyé, 11 Maxi Lopez
All.: Mihajlovic

Ballottaggi: Ajeti-De Silvestri, Baselli-Acquah, Lukic-Valdifiori
In dubbio: –
Indisponibili: 4 Castan (sofferenza al bicipite femorale della coscia), 5 Carlao (distorsione al gomito), 13 Rossettini (fastidio alla caviglia), 3 Molinaro (rottura del legamento crociato del ginocchio), 22 Obi (lesione muscolare alla coscia)

Diffidati: 4 Castan, 24 Moretti, 13 Rossettini
Squalificati: –

Mattia Emili

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO