Dzeko: “Ci faremo trovare pronti. Pressione? Per me niente di nuovo”

Dzeko: “Ci faremo trovare pronti. Pressione? Per me niente di nuovo”

ROMA-JUVENTUS, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso Edin Dzeko in occasione del match di International Champions Cup tra Roma e Juventus.

DZEKO IN ZONA MISTA:

Test impegnativo, bene nei primi 15′ e poi…?
“E’ ancora precampionato, nei primi minuti abbiamo fatto bene, poi ci siamo un po’ persi e non so perché. Nella ripresa però abbiamo fatto molto meglio contro una squadra forte. Possiamo essere contenti, abbiamo fatto una bella tournée”.

Con Kolarov l’intesa è quella di un tempo: ti ha già fatto un assist.
“Sì, ci conosciamo bene. Mi ha fatto molti assist anche in Premier, è un giocatore molto forte che aiuta questa Roma e sono contento che sia venuto qui”.
Su Cengiz Under.
“Molto forte, abbiamo visto subito perché la Roma l’ha comprato. Ha tanta qualità, è ancora giovane, può ancora migliorare e imparare qui”.

La distanza dalla Juve è cambiata?
“Non lo so, era una partita di precampionato. La Juve resta una squadra forte, altre squadre hanno comprato tanti giocatori, ma penso che nella prossima stagione la Serie A sarà più bella degli ultimi anni”.

Dopo lo scorso anno senti la pressione di doverti ripetere?
“La pressione c’è sempre, purtroppo per noi attaccanti se non facciamo i gol che dobbiamo fare siamo sempre là. C’è pressione, ma per me non è niente di nuovo”.

Come valuti questa tournée?
“Abbiamo fatto bene, ci siamo allenati molto bene e abbiamo fatto anche tanta corsa. Penso che siamo più pronti per la nuova stagione ma mancano ancora 20 giorni”.

Di seguito le parole riportate da asroma.com:
“Dopo le tre gare in USA siamo più pronti per affrontare la stagione. Abbiamo fatto un buon lavoro giocando tre gare importanti, facendo 5 punti, con una vittoria e due pareggi contro tre squadre forti che puntano a vincere tutte la Champions. A mio parere abbiamo fatto bene non solo in partita ma anche negli allenamenti dove ci siamo preparati in maniera giusta”.

Su Kolarov.
“Conosco bene Alexandar e anche lui anche sa bene come mi muovo: mi aveva infatti già fornito tanti assist quando giocavamo insieme nel Manchester City. Sono contento che lui sia arrivato qui alla Roma perché è un giocatore forte che sono sicuro darà una grande mano alla Roma”.

Con la Juventus, anche questi test match, sono sempre gare “vere”…
“Sì, anche perché da un certo punto di vista non esistono amichevoli. Nel senso che, se vuoi vincere, devi provare a farlo sempre, anche in queste gare di preparazione alla stagione”.

Dal punto di vista tecnico che gara è stata contro i bianconeri?
“Il campo era un po’ particolare, un po’ secco, ma a parte questo credo che si sia vista una partita bella tra due squadre forti. Credo che nei primi 15 minuti abbiamo fatto bene anche se poi ci siamo un po’ persi nella prima frazione. Nella ripresa però abbiamo fatto il nostro giocando bene riuscendo anche a segnare il gol del pari. Peccato alla fine aver perso ai rigori”.

PSG, Tottenham e Juve; ci sono sempre stati passi in avanti gara dopo gara nelle vostre prestazioni?
“Sì, ci sono stati. A mio parere è meglio giocare sempre contro squadre forti, come le tre che abbiamo affrontato qui in America. Noi infatti la prossima stagione giocheremo la Champions League e tutte le tre compagini affrontate in questo torneo la giocheranno. Per noi è stato un bel banco di prova. Credo che abbiamo fatto bene in questa International Champions Cup e adesso dobbiamo continuare così in questa fase di preparazione per farci trovare pronti per l’inizio della stagione”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO