Roma-Juve. Attacco atomico contro difesa di ferro, ma Spalletti ha un’arma in più

1

NUMERI E CURIOSITA’ – Dopo il successo per 4-1 a Milano, sponda rossonera, la Roma torna all’Olimpico per la terzultima giornata di campionato. Di fronte la Juventus, prossima finalista di Champions e Coppa Italia. In casa dei giallorossi i bianconeri si giocano lo scudetto, che arriverebbe aritmeticamente anche con un pareggio. Spalletti punta invece ai tre punti per blindare il secondo posto, con il Napoli arrembante a -1 e impegnato in trasferta a Torino.

ATTACCO VS DIFESA – Di sicuro quella che andrà in scena all’Olimpico è una sfida che promette spettacolo. In campo il secondo miglior attacco, quello della Roma, con all’attivo 79 reti (primo il Napoli a 81). Potenza di fuoco leggermente ridotta, vista l’assenza del capocannoniere Dzeko per infortunio, ma il potenziale resta comunque alto. Dall’altra parte la miglior difesa del campionato: la Juventus ha incassato soltanto 23 gol nelle 35 giornate disputate finora.

GOL DALLA PANCHINASpalletti vorrà cercare di rimandare la festa del collega Allegri e per farlo potrà contare su un’arma segreta, la vena realizzativa della sua panchina. Dieci i gol realizzati da calciatori subentrati a gara in corso: nessuno ha fatto meglio. I bianconeri sono però pronti a rispondere, con la solita difesa di ferro. La retroguardia juventina conta al passivo soltanto due gol firmati da calciatori subentrati (nessuno ne ha incassati di meno in questo campionato).

Gian Marco Torre

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here