ROMA FEMMINILE – Diminuiscono le giornate (ormai ne mancano solo quattro da giocare dopo la sosta) e la Roma calcio femminile deve raccogliere tutte le forze per l’ultimo sforzo. Il duello a distanza con la Pink Bari continua ed il distacco di soli tre punti lascia ancora tutto aperto per la promozione in Serie A.

IL DOMINA NEAPOLIS – La gara col Domina Neapolis, però, ha fatto vedere una Roma tonica e in forma, malgrado assenze importanti come quella di Vukcevic e capitan Lucci, che fa ben sperare per il proseguimento del campionato. Ecco le 11 scese in campo inizialmente a Napoli: Casaroli, Capparelli, Morra, Cortelli, Lorè, Sclavo, Monaco, Castiello, Proietti, Pittaccio e Visentin. Tutte hanno espresso una prestazione ben oltre la sufficienza.

LA CRONACA – Subito discesa di Visentin che si rende pericolosa con un tiro diagonale. Poco dopo replica con un bel tiro sempre in diagonale Capparelli. Entrambi i tiri però finiscono fuori. La squadra gioca in scioltezza arrivando con facilità sotto la porta avversaria ed intorno al ventesimo minuto, durante un’azione insistita in area, Proietti approfitta di una deviazione e sigla il goal del vantaggio giallorosso. Dopo neanche cinque minuti arriva il raddoppio, a siglarlo la solita incontenibile per tutte le difese avversarie Visentin. Quasi al termine del primo tempo arriva il tris su calcio di rigore assegnato dall’arbitro per fallo in area su Pittaccio, a trasformarlo ci pensa Proietti sempre più capocannoniere del campionato essendo giunta alla sua ventiduesima rete. Nel secondo tempo il Domina Neapolis appare ormai demoralizzato. Intorno al minuto 85, Visentin porta lo scompiglio in area avversaria costringendo nuovamente le partenopee al fallo da rigore puntualmente fischiato dall’arbitro. Sul dischetto questa volta va Monaco che sigla il 4-0. Il quinto goal con cui si chiude la partita arriva dopo dieci minuti con Castiello sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il match termina 5-0.

LE PAROLE DEL MISTER – Mister Seleman commenta così la vittoria: “Oggi siamo stati bravi a chiudere la partita nel primo tempo 3-0. Nel secondo abbiamo gestito bene la palla e potevamo addirittura fare più goal, ma va bene cosi. Peccato per la pausa che arriva in un momento dove stavamo molto bene fisicamente, ma pazienza. Ora ci aspettano ancora quattro finali ed il cammino è ancora lungo. Sarà un duello serrato fino alla fine tra noi e la Pink Bari”.

Mariella Quintarelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO