Roma femminile. Altri tre punti in Sicilia

0

ROMA FEMMINILE – La trasferta in Sicilia poteva riservare delle insidie, ma la squadra di mister Piras indirizza subito la gara sulla strada giusta andando in vantaggio con Tumbarello dopo appena 7 minuti dal fischio iniziale. Le padrone di casa provano a recuperare lo svantaggio, ma il pallonetto di Proietti al 17° regala il raddoppio alle giallorosse e toglie al Nebrodi ogni velleità. Dopo la seconda rete il gioco rallenta e si arriva così senza altri sussulti al riposo. Nel secondo tempo il Nebrodi prova ancora una reazione, ma la Roma sembra svegliarsi dall’appagamento di fine primo tempo e riprende a far gioco con convinzione. Al 63° ripartenza giallorossa, diagonale e doppietta di Tumbarello. 3 a 0 per la Roma. Al 72° fallo in area su Visentin. Va Proietti sul dischetto e arriva il goal del 4 a 0.  A questo punto le giallorosse dilagano e mister Piras ne approfitta per effettuare diversi cambi. Berarducci per Lorè, Sclavo per Capparelli, Weithofer per Conte, Cacchioni per Cortelli e Felicella per Casaroli. All’80° discesa e palla sotto da posizione angolata e goal di Visentin. 5 a 0 per la Roma. La gara però non è finita e con un Nebrodi sfiduciato arrivano in sequenza il goal del 6 a 0 e del 7 a 0 di Monaco e Proietti.

I tre punti vanno alla Roma che conserva il primo posto in classifica e stacca di 7 punti la seconda. I numeri fanno impressione (8 partite giocate e otto vinte. 39 reti segnate, una sola subita su rigore), ma il campionato è ancora lungo ed insidioso. La Roma lo sa e già ha in testa la prossima partita. Ecco come commenta mister Piras la gara: “Brave per aver indirizzato la gara nei giusti binari già dal primo tempo con Tumbarello e Proietti, poi si è amministrato con ritmi blandi fino all’intervallo. Nella ripresa si è alzato il ritmo e son venuti i goal. Adesso testa al Trani squadra sempre ostica da non sottovalutare!”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here