Roma agli ottavi anche grazie al bunker Olimpico

3

ROMA OTTAVI BUNKER OLIMPICO – La Roma grazie alla vittoria per 1-0 sul Qarabag si è qualificata agli ottavi di Champions League come prima nel girone, impresa riuscita solo alla Roma di Spalletti nel 2008-09. Un risultato che si porta dietro un record storico per questa edizione della massima competizione europea. Gli uomini di Di Francesco sono l’unica squadra a non aver subito reti in casa nella fase a gironi. Il bunker Olimpico è stata la vera forza dei giallorossi che tra le mura amiche hanno raccolto 7 degli 11 punti totali. A partire dal pareggio all’esordio per 0-0 contro l’Atletico Madrid, passando per la notte magica del 3-0 al Chelsea e finendo con il decisivo 1-0 di ieri sera.

Per trovare una Roma in formato europeo in grado di inanellare una serie simile dobbiamo tornare alla stagione ’83-’84. In quel caso furono quattro le partite europee senza prendere reti: 3-0 al Goteborg, 1-0 al CSKA Sofia, 3-0 alla Dinamo Berlino e 3-0 al Dundee United. L’imbattibilità della porta giallorossa va anche ad aggiornare il conto dei clean sheet stagionali di Alisson che dopo l’ultimo match sale a 10 su 20 partite tra campionato e Champions League. Niente male per un allenatore come Di Francesco arrivato nella capitale con l’etichetta di zemaniano.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

3 Commenti

  1. Certo che fare un misero golletto al Qarabag, che potrebbe essere si e no il Crotone, allora è il caso di essere contenti per il passaggio agli ottavi ma senza intonare fanfare e trombette.

  2. Ero in tribuna Tevere numerata sud a quelle partite, che splendidi ricordi. Molte si giocavano alle 15 e lo stadio era sempre esaurito, 75000 persone. Si tifava Roma e basta, non esistevano le tastiere ed i falsi giornalai romanisti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here