Austini: “Vincere a Milano darebbe un segnale al campionato”

4

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Guglielmo Timpano a Tele Radio Stereo: “Di Francesco stima molto Under e per me è molto forte. Ha fatto doppia cifra in campionato ed ha trascinato la sua squadra in Champions. Ha giocato male con il Benevento? Beh, possiamo dire che ha scelto la partita migliore per non toccar palla”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo“In un campionato dove diverse squadre faranno tanti punti, è chiaro che gli scontri diretti diventano cruciali. La Roma ne ha già perso uno immeritatamente: vincendo domani a San Siro la squadra di Di Francesco darebbe un segnale al campionato, ma soprattutto a se stessa. Milan-Roma è una partita complicata, che vai ad affrontare con una formazione obbligata e anche una discreta dose di stanchezza. C’è bisogno che la Roma tiri fuori tutto quello che ha dentro per provare a vincere domani, è uno degli snodi della stagione. Domani la Roma andrà per vincere, percepisco grande convinzione. C’è bisogno di una Roma vera per portare a casa i 3 punti. Formazione? Florenzi dal 1’ in avanti, così Di Francesco si tiene un cambio in attacco. Per me Florenzi ormai è un terzino, ma per questa partita prevedo questa soluzione”.

Franco Melli a Radio Radio: “Su Milan-Roma ci sono diversi ragionamenti da fare. I rossoneri si trovano in una situazione che francamente era difficile da immaginare. Per Montella è una partita pressoché decisiva, mi immagino qualcosa di più dal Milan. La Roma ci arriva meglio, ma mancano troppi giocatori. La stagione dei giallorossi ancora non si può definire, è una partita delicata anche per Di Francesco. Il pronostico? Vince la Roma”.

Furio Focolari a Radio Radio“Il Milan ha tanti problemi, ma la Roma è ancora da valutare bene. Ha conquistato 4 vittorie, ma in partite facili. Al primo match vero, ha perso. Nelle partite più difficili ho visto una Roma mediocre. La partita di domani ci darà la vera unità di misura della forza della Roma. Sarà un match importante per tutte e due le squadre. Per Montella sarà determinante: secondo me se perde con la Roma sarà subito esonerato. Un pronostico? Dico vittoria per i giallorossi”.

Sandro Sabatini a Radio Radio“Il Milan è stato rivoluzionato ma non si è rafforzato tantissimo. Oggi per giustificare gli errori estivi dei dirigenti si dà la colpa a Montella. Fassone e Mirabelli sono gli idoli dei tifosi, una cosa mai vista nel mondo del calcio. Le assenze sono un problema per la Roma. I numeri, però, al momento danno ragione ai giallorossi. Come finirà domani? Pareggio: meglio due feriti che un morto”.

Roberto Renga a Radio Radio“Fassone e Mirabelli hanno trasformato il Milan in una società social, con post e Twitter. Una cosa senza precedenti, che ha messo in difficoltà Montella e la squadra che va ancora a strappi. C’è qualità, ma poca quantità a centrocampo e soprattutto manca continuità. Tutti bravi con la palla, ma nessuno corre. In attacco Andrè Silva non mi sembra ancora pronto. La Roma ha un centrocampo che va a due cilindri, ma è superiore di tanto a quello del Milan. I giallorossi arrivano meglio a questa sfida. Florenzi in avanti è un’arma in più”.

Nando Orsi a Radio Radio“Il Milan deve tenersi fuori dalle critiche dell’ambiente e dei giornali. Secondo me è una squadra forte che però deve ancora assemblarsi. La Roma ha la stessa formazione dell’anno scorso più Kolarov e Alisson. Domani parte favorita la squadra di Di Francesco, ma occorre una partita di gran sacrificio: la Roma deve mettere qualcosa in più rispetto a Baku”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio“Il Milan arriva male alla sfida di domani contro la Roma. I calciatori hanno un po’ paura di San Siro ed hanno bisogno di due o tre leader che li tirino fuori dal tunnel, mentre quelli che dovrebbero farlo non sono in condizione. E’ una partita a rischio per i rossoneri. Alla Roma basterebbe una spallata di Dzeko e via, ma se giochi come a Baku allora rischi di perdere. La vecchia guardia dà garanzie, domani credo che vincerà la Roma”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

4 Commenti

  1. Caro melli ma e’ mai possibile che ogni partita per Difra e’ decisiva.? Si perdiamo e allora? Che problemi hai? Tu sei quello delle sentenze dopo una partita! Ma che caspita di giornalaio sei? Tu e rurri quelli della tu radio di fenomeni. Forza Roma sempre pure se perde. Fattene una ragione. Per te e’ decisiva, forza roma

    • Guarda che Melli ha il doppio delle tua età. E ne ha visto di tutti i colori. Mai come nel calcio se ne vedono di tutti i colori. Ma dopo la Roma vista a Bakù tu hai tutte ste certezze?

  2. i giornalai, non ricordo (chiedo scusa) il nome del forumista che si lamentava delle schiocchezze dette dalla Spniello ieri. La spiniello la ferrazza la zucchelli hanno preso la tessera da giornaliste con i punti premio del supermercato vicino casa. in un paese serio in un giornale al massimo erano addette alle fotocopie, non altro qui inveve inondano l^ etere romano con le loro Pirle di scemenza, hanno il santino di totti sul comodino, aprono bocca e gli danno fiato. Altro non sanno fare. Negli anni 70 quando ero un ragazzo si auspicava la fantasia al potere, oggi abbiamo la stupidita al comando.

  3. @anto58 concordo e mi meraviglia che abbiano fatto passare il commento. Avevo provato qualche giorno fa a dire qualcosa di simile ma non me l’hanno mai pubblicato. La Spiniello poi non ne parliamo..Lo scorso anno a dieci minuti impalpabili di Totti dava 7 e a Naingolan che si faceva un mazzo quadrato per tutta la partita gli dava 6,5. Sic transit gloria mundi…
    Se non sbaglio il forumista era Fabrizio_2 (del quale condivido molti dei suoi pensieri..) Diamo a Cesare quel che è di Cesare 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here