Il problema siamo noi, è ora di preoccuparsi

3

LA REPUBBLICA (G.Mura) – Adesso Sì che tira una brutta aria. Già un pari non avrebbe garantito il viaggio in Russia, ma la vittoria galvanizza gli svedesi, che hanno potuto giocare come piace a loro senza che l’Italia trovasse le contromisure per impedirglielo. A volte si dice: va be’, è andata, ma c’è tutto il tempo per rimediare. No, non c’è. Si gioca lunedì sera, più di una lucidatina alla condizione atletica non si può dare. Bisognerà giocare in un modo diverso, per esempio rasoterra e in velocità, tutto quello che non è stato fatto ieri. Su palloni spioventi e molli per i perticoni della difesa svedese è una pacchia. Francamente va detto che la Svezia non ha fatto molto per vincere, ha segnato nel momento migliore dell’Italia, un tiro di Johansson deviato da De Rossi. Ma l’Italia ha fatto poco per evitare di perdere: un palo centrato da Darmian, il meno peggio. Dalla sua parte, nel primo tempo, sono arrivati i palloni migliori, e su uno di questi Belotti ha sfiorato il vantaggio. Bilancio delle punte: tutto qui.

Insomma, non è una novità: il problema siamo noi. La presunta inferiorità tecnica degli svedesi non s’è vista perché non è mai stata una partita tecnica. Fisica sì. Berg e Toivonen hanno lavorato molto di gomito, l’arbitro ha lasciato correre un po’ troppo. E comunque qualche idea di gioco la Svezia ce l’ha, e ammesso che l’Italia ne avesse una l’ha lasciata negli spogliatoi. Primo tempo passivo e confuso, secondo un po’ più vivace, ma senza mettere i brividi al loro portiere. Fino a che avremo centrocampisti che si limitano al compitino, quando gli riesce, toccherà a un difensore il compito di lanciare. Basta un pressing assiduo sui difensori e la manovra italiana è soffocata nella culla. A Verratti è riuscito il capolavoro di farsi ammonire per un’entrata inutile a 80 metri da Buffon. Salterà il ritorno, ma non è detto che sia un danno. A giudicare da come hanno giocato ieri, molti dovrebbero saltarlo, ma non si può. Bisogna aver fiducia. Forse non è stata un’ottima idea mettere insieme dal via Immobile e Belotti, in recupero atletico dopo infortunio. E, vedendo il nulla creato da Eder prima e Insigne poi, col famoso o famigerato 4-2-4, bisogna seriamente preoccuparsi. Sembra che abbiamo disimparato a entrare in area, a tirare in porta. Poi si può discutere su altri dettagli: perché Insigne solo a 15’ dalla fine, perché El Shaarawy in tribuna. Ma il problema non è questo o quello, come ai tempi di Mazzola e Rivera. Il problema è una squadra sbiadita, senza personalità, che s’è persa strada facendo. Per ritrovarsi, il tifo di Milano e lo spazio di una notte.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here