La grande alleanza per guidare la Federcalcio

1

MESSAGGERO.IT (E.Bernardini) – Non c’è due senza tre e il quarto vien da sé. Il detto quantomeno è stato rispettato. Claudio Lotito ci prova. La sua candidatura non è stata ancora ufficializzata, ma ha ancora tutto il tempo per farlo. Il presidente della Lazio è pronto a sparigliare le carte, forte dell’appoggio di 12 club in serie A e di altrettanti, se non di più, in serie B. Nessuno ha ancora visto il foglio con le firme, ma alcune dichiarazioni lasciano immaginare che la verità di Claudio non sia poi così lontana dalla realtà. «È l’unico in grado di portare avanti le istanze della serie A. Sosteniamolo, la faccia la mette lui», l’endorsement del patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. E come lui ce ne sono diversi altri di presidenti convinti che sia proprio Lotito l’uomo giusto. Un nome che divide, impaurisce, ma che alla fine raccoglie consensi. Non è un caso che anche i suoi detrattori poi alla fine si rivolgano spesso a lui. Conosce le norme, ha idee e sa come risolvere i problemi.

LE PAROLE – «Ci vediamo il 29 alle urne?» la domanda di Damiano Tommasi, presidente dell’Assoallenatori e primo a formalizzare la propria candidatura. «Ho 12 club dalla mia parte. Se ho la maggioranza? Certo che ho la maggioranza» la risposta senza appello di un Lotito rampante. «Corro per vincere, io sono il nuovo visto che sono qui da un anno», aveva detto poco prima Cosimo Sibilia, sostenuto da un 34% compatto come l’unanimità della sua Lega Dilettanti nell’indicarlo come l’uomo del dopo Tavecchio. E poi c’è Gabriele Gravina sostenuto dalla Serie C. A 24 ore dalla scadenza della presentazione delle candidature, dunque, ognuno resta sulle sue posizioni. Chi si aspettava una proposta unitaria alle elezioni della Federcalcio del 29 gennaio per ora resta deluso.

DEMOCRAZIA CALCISTICA – Ma molti sono portati a pensare che quello di Lotito sia una forzatura. In realtà il patron biancoceleste starebbe lavorando per un grande governo centrista. Una sorta di Democrazia Calcistica dove tutti avrebbero un posto. Il fitto colloquio con Sibilia avvenuto ieri pomeriggio, dopo l’assemblea della Lnd, avrebbe proprio questo scopo. I voti che Claudio magno tiene stretti nel pugno della sua mano sarebbe pronto a girali allo stesso presidente della Lega Dilettanti, che a quel punto riceverebbe anche quelli della Lega Pro di Gravina. Gli allenatori di Renzo Ulivieri solo a parole hanno appoggiato gli allenatori e potrebbero cambiare presto idea. Il 2% degli arbitri non è così lontano da ottenere. A questo punto si verrebbe a creare una larga maggioranza intorno al nome di Sibilia, che diventerebbe così il nuovo presidente della Figc. Lotito (vicario) e Gravina sarebbero i vice-presidenti. Per l’oltranzista Tommasi, che potrebbero ammorbidirsi votando con il naso tappato proprio il numero uno della Lnd, ci sarebbe un posto a capo del Club Italia. E chissà che alla fine non possa trovare una poltrona anche Carlo Tavecchio proprio come presidente della Lega di serie A. Un quadro che solo ad immaginarlo fa venire i brividi al capo dello sport italiano, Giovanni Malagò.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. Non sopporto il termine endorsement, così tanto di moda. Fino ad ieri si diceva appoggio. Oggi hanno vinto gli esterofili e si dice endorsement, a rischio di essere derisi come pezzi d’antiquariato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here