Alisson ferma l’Atletico. Il Ninja: “Un buon pareggio”

0

LA REPUBBLICA (F. Ferrazza) – Finisce tra gli applausi dei circa quarantamila presenti all’Olimpico, che raccolgono come fosse un successo lo 0-0 contro l’Atletico Madrid. La Roma soffre, aggrappandosi alle parate decisive di Alisson, e strappando un pareggio che leva un po’ di paure per il futuro. «Un buon risultato contro una squadra importante— ammette Nainggolan —. Nel primo tempo abbiamo avuto qualche occasione che potevamo sfruttare meglio, poi Alisson ne ha parate tante. Siamo a inizio stagione, i meccanismi nuovi, il lavoro è differente, servirà un po’ di tempo per essere al meglio in tutti i novanta minuti: serve tempo, abbiamo cambiato tanto, il sistema di gioco e l’allenatore, non siamo mica robot». La Roma torna a giocare all’Olimpico diciassette giorni dopo l’esordio casalingo contro l’Inter. Complice il maltempo di Genova, la squadra guidata da Di Francesco non ha potuto affrontare la Sampdoria sabato scorso, dopo la sosta, ritrovandosi proiettato nell’universo di una Champions League che da tecnico non aveva mai vissuto. E prova a nascondere emozione e preoccupazione per il suo esordio nell’Europa dei grandi, il mister abruzzese, affidandosi ai giocatori che stanno meglio: dentro Peres, preferito a un Florenzi reduce da quasi un anno di inattività, e Perotti, che è uno dei pochissimi della rosa che hanno lavorato con lui da Pinzolo.

In tribuna Pallotta scherza con Totti, godendosi gli ultimi giorni nella capitale — tra impegni legati allo stadio e ricerca di sponsor e partner — mentre Monchi spiega la bellezza di trovarsi, insieme alla Roma, nell’Olimpo dei grandi club. «Questa competizione ci dà tanta carica, quindi non ci lamentiamo certo della troppa pressione per il girone in cui siamo. Sappiamo che Chelsea e Atletico sono favoriti, ma credo che abbiamo la possibilità di farcela anche noi». Messo in archivio il primo turno del girone Champions — in attesa della trasferta di Baku contro il Qarabag — la Roma si concentrerà ora sul campionato, visto che avrà tre partite in sette giorni. Sabato prossimo, all’Olimpico, arriverà il Verona, prima del turno infrasettimanale di campionato a Benevento. Poi i giallorossi rigiocheranno in casa, sabato pomeriggio, con l’Udinese.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here