SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Andrea Pugliese a Tele Radio Stereo: “Quella per Mahrez è una trattativa dai tempi abbastanza lunghi. La speranza è che il Leicester si renda conto che è meglio dar via un calciatore scontento, che tenerlo in rosa. L’Arsenal non è mai sparita su Mahrez, a Londra sapevano che Sanchez sarebbe potuto andar via, quindi l’algerino è sempre stato tenuto sott’occhio. Il problema è che gli inglesi possono offrire di più sia per il cartellino, che per l’ingaggio. Per questo spero che la Roma possa concludere il prima possibile. Se dovesse arrivare Mahrez il voto al mercato è 7.5”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Cosa avrei pensato di uno scambio Mahrez-Salah? Sono simili ma diversi: Mahrez come talento puro è forse un pizzico superiore a Salah, ma fare la stessa stagione di Salah è difficile per tutti. Ben venga Mahrez, non ci si rimette anche se è difficile trattare con una squadra che non ha bisogno di cedere. Rischio. Milan voto al mercato 7,5, con Belotti 8-8,5. Se la Roma prende Mahrez è da 8”.

Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “Preso anche il terzino, adesso la Roma ha bisogno di concentrare le proprie forze sull’esterno alto. Monchi deve fare lo sforzo per prendere Mahrez, o per un giocatore che comunque riesca a sostituire Salah. Kolarov è terzino e centrale”.

Matteo Raimondi a Radio Radio: “Con un altro centrale al livello di Manolas e uno alla Mahrez, la Roma potrebbe riproporsi per le prime posizioni”.

Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo: “La Roma è partita sul mercato con le idee chiarissime, è stato un trionfo portare in squadra Kolarov e Gonalons con dieci milioni di euro. Vanno fatti i complimenti a Monchi, perché è riuscito a fare un buon mercato in poco tempo. Per la prima volta da anni c’è una grande identità nel lavoro del direttore sportivo e le richieste dell’allenatore”.

Franco Melli a Radio Radio: “Kolarov non lo definirei un colpo di mercato. Io Kolarov lo giudico un buon giocatore ma in fase di declino. Ha un gran piede ma è un difensore offensivo e la Roma aveva bisogno di un marcatore, forte come o più di Ruediger. Il colpo che potrebbe qualificare la campagna acquisti di Monchi è Mahrez. Se Defrel è un giocatore in più va benissimo, se è un titolare no”.

Klaus Berggreen (ex Roma, Pisa e Torino) a Tele Radio Stereo: “Credo che aver dato troppo spazio agli stranieri abbiamo rovinato la Serie A, oggi c’è tra le altre cose molto meno senso di appartenenza. Restano le grandi emozioni, come quella del 28 maggio. Anche in Danimarca abbiamo visto quelle splendide immagini dell’addio di Francesco Totti, è stata una fantastica emozione. Tra l’altro legata alle emozioni che sanno dare i tifosi della Roma, che sono il ricordo più bello che mi porto dentro di quella stagione in giallorosso. Per cui faccio gli auguri alla Roma per i 90 anni e saluti i tifosi con un Forza Roma”.

Nando Orsi a Radio Radio: “Se arriva Mahrez la Roma è forte quanto l’anno scorso, anche se temo che avrà qualche problema in difesa dove ha cambiato tanto e hanno perso un gran bel centrale come Ruediger”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

30 Commenti

  1. A mio parere tutte le discussioni su Francesco Totti che si leggono nei commenti su questo sito dipendono in gran parte da fattori anagrafici. Per me, Francesco è stato il Capitano della Roma negli anni della mia giovinezza più passionale. Perciò sarà sempre, per me, il Capitano. Buona Roma a tutti, godiamocela senza screzi, ognuno a modo suo.

    • @Giovanni,è vero il mio capitano è e rimarra Diba ma non solo per un fatto generazionale,ma siccome sono un romanticone capisco il lato affettivo e passionale che tu possa avere per Totti e quindi come hai detto tu godiamocela senza screzi.Cordialmente

    • Bel commento,condivido… Detesto quando qualcuno dice”noi siamo più tifosi perchè…”,lo trovo ingiusto e come dici tu,Giovanni,ognuno soffre e gioisce a modo suo.
      Ad esempio io quando guardo la partita con mamma di 93 anni(che per grinta,lucidità e intelligenza ne dimostra molti meno)ci becchiamo in continuazione,perchè io soffro in silenzio fino a esplodere al goal… Lei è un continuo fremere in piedi… Questo ormai per lei ovviamente in tv… Ma vi asicuro che se non avesse i tanti dolori e difficoltà a camminare…ancora verrebbe allo stadio… 🙂

  2. mi domando, ma dopo tutte le critiche che ha ricevuto Pallotta, ma sarà anche merito suo se è arrivato Monchi che ora tutti iniziano ad apprezzare per il lavoro sotto traccia che sta facendo da appena 3 mesi di Roma. Ma vogliamo iniziare a dare i meriti anche a questa tanto vituperata dirigenza?

  3. Ciao Giovanni, scusami ma è importante scambiare le proprie opinioni, non sono d’accordo sul discorso generazionale.
    Se capisci di calcio, puoi avere 5 o 100 anni, Totti non lo puoi discutere. È stato un grandissimo a livello mondiale, unico e irripetibile. Ha amato la nostra maglia in maniera viscerale non volendola mai cambiare. Fosse andato al Real Madrid avrebbe sicuramente guadagnato in gloria e denaro. Altre volte su questo blog ho detto queste cose ma mi si risponde che non si discute il giocatore ma l’uomo. Io l’uomo non lo conosco, ne avessi avuto la possibilità mi avrebbe fatto molto piacere, non ci sono mai andato a mangiare la pizza, al cinema o in vacanza insieme. Magari!!!
    Lupo52, che apprezzo molto per la sua competenza e garbo, ha proprio un grande risentimento nei confronti di Totti ma per questo è un suo pensiero ed è giusto che venga rispettato essendo magari non d’accordo. A me piace la carbonara a tanti altri no. Per esempio, non condivido quanto detto su Totti a proposito della sua reazione nella famoso partita di Milano. Io ho un’idea diversa: stai vincendo 3 a 1, c’è un grande pubblico nella Scala del calcio che vuole rendere omaggio ad una leggenda, e cosa fa il buon Luciano, che secondo me ragionava già da interista, fa un dispetto ai suoi futuri “nemici” e allo stesso Francesco. Due piccioni con una fava! Ma questa è solo una mia idea. Per chiudere sul discorso generazionale…..ho già superato i 60. Un saluto a tutti e Forza Roma sempre.

    • Ciao Nino, non posso che apprezzare lo stile con cui tratti questo tema e ti ringrazio di darmi modo di ribadire un concetto che spesso nei miei commenti si sottovaluta.. Per me Totti è stato il più grande calciatore che la Roma abbia mai avuto,ne ho sottolineato sempre i meriti,l’importanza e la classe sopraffina. Quello che non ho mai sopportato di lui sono gli atteggiamenti da prima donna, il broncio che metteva quando non giocava e il poco far gruppo nel raggiungere gli obiettivi di squadra. L’ho considerato un narciso che si compiace di se stesso per raggiungere scopi personali che nell’ultimo periodo non andavano a braccetto con gli obiettivi della squadra. Il tempo passa per tutti ed un campione mi piace ricordarlo quando lascia sapendo che è ancora in grado di stupire e non trascinandosi ,come nell’ultimo anno per accumulare qualche presenza e qualche golletto in più e aizzando media e folla sull’allenatore a cui spetta l’unico onere e onore di scegliere chi far giocare.. Solo questo. Con stima.

  4. @Nino,ciao!come sempre un commento lucido e misurato,volevo darti il benvenuto nel club degli over60 e dirti che anche a me piace la carbonara ed anche l’amatriciana,scherzo naturalmente,anche io come tutti ho amato Totti ma non sarei mai andato a mangiare la pizza,lo sai sono molto scettico sulle sue capacita’ intellettive ma mi sembra giusto rispettare chi lo ama,il problema è che non sempre il rispetto e”reciproco,ho apprezzato molto Giovanni con il suo scritto obiettivo ed equilibrato.Rispettiamoci ma non solo sul caso Totti,su Pallotta,su Sensi,Viola ,Spalletti,Sabatini e tanti altri personaggi che suscitano polemiche.Una chiosa su Lupo52 che, anche se conosciuto in questo sito,considero mio amico e persona di grande sensibilita’ e cultura e se ce l’ha con Totti avra’ i suoi motivi,io credo che sia perche’ ha tanto amato il campione che è rimasto deluso dall’uomo e dal capitano,noi siamo quelli che quando sentiamo la canzone di DeGregori “la leva calcistica del 68″‘ancora ci commuoviamo,la sua delusione è anche la mia,e credo di Anto58,altro amico di grande sensibilita’,non voleva essere una difesa d’ufficio,sa benissimo diendersi da se,ma solo un apprezzamento per un amico.
    un carissimo saluto

    • Ciao Fabiano ,proprio vero quel che dici, hai colto appieno la contrapposizione amore-odio. Totti l’ho amato tantissimo,come tutti noi del resto, proprio per questo mi sento tradito nella mia romanità con atteggiamenti che mi hanno lasciato sorpreso e perplesso. Hai saputo cogliere con acume il travaglio interiore ,alla stregua dell’ODI ET AMO di Catullo memoria. Grazie.

  5. Grazie Lupo, grazie Fabiano!
    Come spesso mi succede, concordo con tante cose da voi scritte.
    Tolleranza e rispetto.
    Sarebbe bello essere tutti uniti, come una grande famiglia, con tutte le differenze che potrebbero esserci, ma sempre uniti per un unico obiettivo.
    Fabiano, oltre alla carbonara anche a me piace la matriciana😀😀
    Un caro saluto.

  6. Ma quale deluso dall’uomo e dal capitano….che lo leggo dal 2010 su sto sito e già gli scriveva contro…

    Non sopporta l’idea che un campione contemporaneo abbi superato nelle preferenze quello suo (Di Bartolomei) da giovane.

    Ma io credo che c’è sempre un motivo se uno ha ricevuto quel popo’ di addio al calcio mentre gli altri no…le reazioni non sono mai casuali ma rispondono ad azioni…

    • Nun te posso manco defini’ un deficente perché so mejo de te…….. di bartolomei L addio non L ha potuto dare…. altrimenti sarebbe stato come se non più di Totti…… gli ignoranti purtroppo ci sono sempre e gente come te e giov2008 o altri scemi ce staranno sempre….. nun c ho rispetto????? E sti caaaxxiiiiii!!! Gente come voi qui nun deve parlare….. e scusate per i toni pacati…….. perché quando sento gente così io impazzisco……. sempre forza Roma…… ps….. Totti al Real Madrid avrebbe vinto sicuramente di più…. ma avrebbe anche dovuto correre di più allenarsi di più non avrebbe avuto per anni un ufficio privato dentro trigoria non avrebbe avuto L amore viscerale che gli abbiamo dato noi…. avrebbe dovuto imparare in altra lingua cambiare ambiente abitudini non avrebbe avuto palazzi da affittare per il comune non avrebbe avuto tutta la stampa amici a cui ha fatto favori a favore suo…… detto questo…. sono convinto che da dirigente almeno un “FAREMO della Roma una delle migliori squadre” lo dirà!!!!! Forza Roma!!!!!

  7. Sono quasi “sgomento” per i toni pacati e garbati che leggo nei vostri commenti. Sembra un’oasi rispetto al rancore dilagante nei blog.
    Complimenti a tutti: è un piacere leggervi, ormai un appuntamento imprescindibile della giornata.

    • @Libe,se ci leggi ti sarai accorto che non sempre è tutto tranquillo come oggi,ma hai ragione,c’è di peggio,piano piano stiamo migliorando,lo sai com’è la convivenza all’inizio è sempre difficile,finche non ci si conosce bene,poi se si è intelligenti piano piano ci si viene incontro,non credi?
      un saluto e un benvenuto

      • @fabiano, non ho fatto in tempo a scrivere il commento che si è scatenato un putiferio su Totti, tema rispetto al quale ho argomentato e documentato il mio punto di vista un paio di giorni fa e non intendo tornarci.
        Confermo che si tratta di un blog dai toni in prevalenza piacevoli e con osservazioni spesso molto interessanti.

  8. @Totti il re, se leggi questo blog non potrò accusarmi di essere un antitottiano, non ho mai perso un’occasione per parlarne bene, non dico difeso perché Francesco non ne ha bisogno. Con Fabiano e Lupo ci siamo confrontati spesso su questo argomento e nel tempo ho imparato ad apprezzare le loro persone e a condividere spesso i loro commenti.
    Veniamo al punto:
    quando Lupo parla di narcisismo, un po’ ha ragione. Francesco era quasi entrato in trance da record, voleva batterli tutti.
    Più presenze, più gols, più avanti con l’età.
    Ma gli anni passano per tutti e a certi livelli rischi di non essere più competitivo.
    In una squadra con meno ambizioni poteva giocare altri 10 anni, due, tre giocate meravigliose, come solo lui sa fare, le avrebbe sempre inventante per la delizia di tutti gli amanti del calcio.
    Ecco, questo forse,a qualcuno che guarda avanti e non al passato, non è piaciuto.
    Ma adesso pensiamo alla grande Roma che sta nascendo, perché ho la sensazione che avremo una grande squadra.

    • Scusate se mi intrometto ma ancora il mio presidente è Viola , il mio capitano è Diba , no per me è meglio Totti , io preferisco Sensi , io sono contro Pallotta e basta ……Lupo io posso capire tutto ma se.mi riesci a trovare un grande calciatore con un quoziente intellettivo alto famme un fischio …….Totti non si discute si ama come la Roma

      • Scusa Emiliano ma cosa vuol dire Totti non si discute si ama,qui nessuno denigra il calciatore ed è vero che tra i calciatori non ci sono geni ne acculturati,ma infatti non gli fanno fare i dirigenti,Totti non ha ne lo stile ne la cultura e neanche capacita’ intellettive per fare il dirigente,poi se tu lo vuoi amare a prescindere ne hai tutto il diritto come io ho tutto il diritto di discuterlo come capitano,come uomo e se sara’ come dirigente,io l’unica cosa che non discuto è la maglia

          • La differenza tra me e te è che io trovo giusto che tu possa scrivere le tue fesserie liberamente,ma non te ne approffittare perche’ io non saro’ nessuno ma tu anche meno

        • No Fabiano per me puoi pensarla come vuoi ma io non ti capirò mai , ripeto il concetto Totti ce l’hanno invidiato tutte le altre tifoserie compresi i burini . Leggere te o Lupo , sembra sentire le stesse cose che dicevano sempre i burini ma.perche quando la volpe non arriva all’uva dice che non è buona . Chi come te , e non ho dubbi , si professa tifoso della Roma ed ama la maglia , non può non amare Totti anche con tutti i suoi difetti , anche perche se guardiamo soli i difetti della Roma avremmo tutti da un pezzo cambiato squadra . Totti è la Roma , basta parlare di tottismo , io amo la Roma quindi non posso non amare Totti . Un caro saluto e forza Roma

          • @Emiliano,tu non riesci a scindere l’uomo dal calciatore,è vero che tutte le altre tifoserie ce lo invidiavano e anche io l’ho amato in maniera viscerale,ma negli ultimi anni si è giocato il bonus,mancando di rispetto ai tifosi ed alla maglia,ma potremmo parlare per ore e nessuno cambierebbe idea,e in fondo è giusto cosi’,per cui un carissimo saluto e Forza Roma gridato a scuarciagola

          • Per me Totti non e’ la Roma e la Roma non e’ Totti. Chi afferma questo identifica tutto il ns passato e il ns presente in un solo giocatore.Rispetto il pensiero altruii ma io la vedo diversamente.

LASCIA UN COMMENTO