Nisii: “Siamo alle solite, ogni anno si vendono 2-3 giocatori che erano fondamentali”

21

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Federico Nisii a Tele Radio Stereo“La cessione di Paredes non mi piace. L’hai preso, mandato a fare le ossa e dopo una buona stagione lo vendi rischiando di vedere la sua esplosione da un’altra parte. Ogni anno siamo alle solite. Vedi 2 o 3 giocatori che l’anno prima erano fondamentali. Poi puoi anche comprare 4 fenomeni, ma dovrai comunque pagare lo scotto dell’ambientamento, mentre le squadre avversarie si consolidano”.

Gaetano D’Agostino a TMW Radio: “Under21? Dovranno fare una partita equilibrata contro la Germania, che storicamente è tosta da affrontare. Se la può giocare tranquillamente ma dovranno dimostrare di avere carattere. La grande attenzione sul mercato ha condizionato alcuni giocatori. Avere due-tre giocatori con la testa altrove porta a perdere le partite. Rispetto alla nostra squadra che vinse l’Europeo, questa rosa è composta da giocatori talentuosi ma con molta meno esperienza e meno malizia. Le cessioni della Roma? Non conosco Monchi e non conosco la piazza giallorossa. Penso che stia facendo un grandissimo lavoro per quanto riguarda le plusvalenze. Spero che lo possano reinvestire. Tutti adesso si aspettano degli acquisti di livello perché la squadra non può essere ridimensionata perché altrimenti la piazza insorgerebbe. Le cessioni della Fiorentina? Io credo che l’ultima bandiera del nostro calcio è Francesco Totti. Bernardeschi non è una bandiera, potrebbe restare ma non è una bandiera. Anche a Firenze però si aspettano giocatori importanti, quindi non possono esserci solo cessioni importanti, serviranno anche gli acquisti”.

Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo: “Nella notte c’è stata un’accelerata per la trattativa di Manolas e Paredes allo Zenit. Cessioni dolorose ma non dolorosissime, pensate se fossero partiti Strootman o Nainggolan. La Roma è pronta subito a reinvestire, i nomi sono quelli che si conoscono. Non si vende solo per mettere i soldi in tasca, ci sono indicazioni precise di Di Francesco sulle scelte di Monchi. Finché l’equazione è questa va bene. La Roma da qui ad agosto monetizzerà altri giocatori di profilo minore come per esempio Skorupski. Sei più forte con Manolas al centro e Rudiger a destra o col tedesco centrale e Karsdorp a destra? Meglio Paredes o Seri? Il gioco delle figurine non è affidabile ma rende l’idea. Si guarda troppo spesso il nostro orticello, ma tutte le squadre vendono giocatori importanti per poi migliorarsi, pensiamo a quanto successo alla Juve: negli anni sono andati via Tevez, Pogba, Vidal. Le operazioni così si fanno ovunque, l’importante è scegliere sostituti all’altezza”.

Gabriele Ziantoni a Tele Radio Stereo: “Possiamo parlare del perché un calciatore così forte e così giovane come Manolas abbia deciso di accettare un’offerta da un campionato minore come quello russo. Comunque la trattativa sia per lui che per Paredes è in procinto di chiudersi sulla base di circa 70 milioni di euro. La proprietà i soldi li ha spesi negli anni. Non sono degli straccioni questi americani, anche se effettivamente molti milioni sono stati spesi male. Penso a Gerson e Doumbia, che non è uno scarpone ma ha un ingaggio che pesa e nessuna società sembra volersi caricare sia del cartellino che dello stipendio. Monchi è il direttore sportivo che ti vende a cifre astronomiche i giocatori che hai e in seguito ti prende il calciatore sconosciuto da poter magari rivendere con una mega plusvalenza un paio di anni dopo. Questo fa il ds della Roma, che poi azzecca sempre operazioni importanti, il Siviglia ha vinto molto nonostante cessioni milionarie come quelle di Dani Alves e Kondogbia”.

Salvatore D’Arminio a Centro Suono Sport: “Sul mercato avevo paura delle milanesi, ma ora mi sta passando. Sabatini ha sempre saputo vendere benissimo, Monchi sembra saper fare lo stesso. Vedremo poi in fase di acquisto. Ci vogliono acquisti che siano almeno pari a chi va via, e non sarà facile”.

Gianni Lucioli a Centro Suono Sport: “Ad oggi la Roma è la terza forza del campionato dietro Juve e Napoli. Quarta, ma ancora distante, è il Milan. Occorre capire quali sono gli obiettivi della dirigenza giallorossa una volta messi a posto i conti. Tecnicamente, ad oggi, la Roma è inferiore a quella della stagione appena conclusa”.

Tiziano Moroni a Centro Suono Sport: “Guardando le formazioni della Roma da quando l’ha presa Pallotta si nota che, perdendo i titolari, venduti sempre molto bene, e prendendo giovani campioni, ha sempre migliorato l’organico. Ora vediamo se anche Monchi riuscirà a farlo quest’anno”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “E’ un momento particolare, ma avendo a disposizione Monchi credo che i tifosi della Roma possano godere a luglio di acquisti importanti. Io spero che la Roma non vada a prendere solo giovani. I soldi ci sono e spero che la Roma li investa tutti. Se a uno come Monchi dai tutti questi soldi, credo che dovrebbe fare bene”.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “Un giudizio sul mercato della Roma? Bisogna aspettare, ma ad oggi è deludente, soprattutto se andassero via Manolas e Paredes. Suso? E’ un buon giocatore, ma non so se il Milan se ne priverà. Ieri si parlava di Deulofeu, anche quello sarebbe un buon giocatore. Un ottimo sostituto di Salah. Ad oggi la Roma è nettamente inferiore rispetto a quella dello scorso anno”.

Dario Bersani a Tele Radio Stereo: “Non vedo proprio con quest’aria che tira la possibilità di rimanere competitivi a lungo. Acquisterai calciatori a cui già prometterai di essere venduti dopo uno, due anni grazie a queste clausole rescissorie. Di questo passo dovremo accontentarci di una Coppa Italia ogni tanto, forse converrebbe concentrarci su quella competizione”.

Marco Trabucchi a Tele Radio Stereo: “Manolas e Paredes? Lo Zenit li sta cercando. Sono due giocatori che Mancini ha chiesto. Lo Zenit è in trattativa per molti giocatori, ma ancora nessun annuncio ufficiale. Doumbia? Nel CSKA Mosca giocavano per lui, cosa che nella Roma non è successo”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “A destra servono due ali. Serve un centravanti vice Dzeko e un centrocampista oltre Pellegrini se parte Paredes. E poi in difesa c’è bisogno di un difensore e di un terzino, che spero sia Karsdorp. Un’altra tarantella alla Kessié non l’accetto. La prima reazione in entrata che mi aspetto dalla Roma è che tra lunedì e mercoledì annunci Karsdorp”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Bruno Peres è stato un disastro come acquisto. Spero che Florenzi riesca a recuperare, poi non so se giocherà a 4. La Roma ha a disposizione una cifra talmente alta che le permette di intervenire bene sul mercato. L’unico problema è trovare uno migliore di Salah. Fazio? Ho molti dubbi su di lui. Per fortuna la Roma è arrivata seconda. La volontà ad oggi è ridurre il monte ingaggi. Deulofeu? Al Milan ha fatto bene, è un buon giocatore”.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “Napoli e Roma che sono le due anti Juve, una ha confermato tutta la squadra e aspetta di mettere a segno due colpi, l’altra ha venduto Salah, Manolas, Paredes ed è andato via Szczesny. Il mercato è lungo, ma è in atto una ricostruzione e ciò mi lascia perplesso. Seri? Dicono tutti che è fortissimo, ma non è lo stesso ruolo di Paredes. E’ uno che agisce dietro le punte e non so dove possa metterlo Di Francesco. Pellegrini a 11 milioni è un affarone. Monchi ha lo stesso modo di lavorare di Sabatini. Io non dico che la politica della Roma è sbagliata, ma è inevitabile fare un confronto con Juventus e Napoli”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “Io dalla Roma mi aspetto colpi sensazionali. Non solo nomi, ma grandissimi campioni. Paredes l’hai costruito, adesso è pronto e lo cedi. Questa cosa mi rattrista, Paredes è un ottimo giocatore. Bisogna prendere un terzino sinistro, a destra arriverà Karsdorp. Al posto di Salah ci vuole uno più grande di Salah”.

Fernando Orsi a Radio Radio Mattino: “Se vedi in prospettiva le cessioni che sta facendo, è una Roma che si indebolisce. Deve essere un mercato copioso, importante, non so se di nomi. Perché poi Monchi ha delle strade sue, va su altri nomi che a noi possono essere sconosciuti, ma che in Spagna e in Francia hanno fatto bene. Quello che stiamo vedendo è uno smembramento della squadra. Per essere l’alternativa della Juventus bisogna lavorare tanto. La Roma sta facendo una mini-rivoluzione culturale: il rischio è quello di fare un’annata di sperimentazione. Ma comunque ho molta fiducia in Di Francesco. Uno come Acerbi può sostituire Fazio o Manolas”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

21 Commenti

  1. Renga ancora non hai capito che non ci sono soldi,dove lo trovi uno piu’ forte di Salah,nel Tide?(i non piu’ giovanissimi se lo ricorderanno,cos’era),se avessero voluto fare una squadra fortissima,non avrebbero smantellata questa,ci si affidera’ al fiuto di talent di Monchi,tutto ancora da dimostrare,per ora si sta solo avvantaggiando del lavoro di Sabatini,aspettiamo per giudicare,una cosa pero’ la possiamo dire”la Roma non è un supermercato”boooommmmm!!!!!!

    • Amara verità la tua .Se lotteremo per il quarto posto sarà grasso che cola. Di Francesco per fare meglio di Spalletti dovrebbe solo vincere lo scudetto ma con le risorse umane che gli stanno mettendo a disposizione è lecito pensare che trattasi solo di ridimensionamento in attesa di tempi migliori. Un saluto a te e a tutti i veri tifosi che hanno la maglia cucita sulla pelle e i nostri colori nelle vene

      • No ma l’importante per te era SOLO dare addosso a Totti….È PER TOTTI CHE NON SI VINCE NULLA, È TOTTI CHE NON CI PERMETTE DI CRESCERE! Non di una società che fa e disfa ogni anno la squadra eh? Nooo

        Ora forse comincerete ad aprire gli occhi ora che il campione che vi accecava d’odio immotivato, non vi faceva vedere

        • Il 26 maggio c’era pure LUI… Non fece nulla in campo… Spalletti intendeva che solo con lui non si va da nessuna parte… E così è stato! Zero titoli e c’era pure lui… Elabora il tuo “lutto” in silenzio, grazie!

      • @ciao cucs! perche’ dovrei scherzare,che ci trovi di tanto strano? forse Monchi non aveva detto che non eravamo un supermercato,pero’ nel frattempo ha venduto Momo(bene) e sta per vendere un altro titolare e mezzo allo Zenit,non mi interessa se venderanno M.Rui ma anche lui è sulla buona strada,io non ne faccio una questione di sostanza ma di forma,so bene anche io che non possiamo chiedere la Luna,ma la chiarezza e l’onesta’ intellettuale la pretendo,per il giudizio su Monchi aspettero’ la fine del calciomercato o del campionato,ma quelli che fanno affermazioni roboanti non mi sono mai piaciuti,lo so è un mio difetto ma ormai non posso piu’ cambiare

  2. Per ora possiamo puntare solo al quinto posto, sperando che una delle squadre che ci sono davanti stecchi.
    Questa è la verità.
    Proprietà debole.
    Acquisto di giovani promesse, sperando che non si rivelino delle pippe.
    Prendiamone coscienza, almeno il risveglio sarà meno traumatico.

  3. Caro CUCS2015, chi interviene qui è troppo giovane ed inesperto. Parla come se il mercato sia finito ora e oggi sia il Primo Settembre. Mi meraviglia la presa di posizione del buon Dario Bersani, ormai esperto e navigato. Ognuno la pensa come vuole, è libero di farlo. Ma dico solo che Monchi ha appena iniziato un programma, una Rivoluzione, una Nuova squadra per Di Francesco. E non sapete come opera Monchi, è la prima sessione di campagna acquisti e già lo vogliamo crocifiggere? E nè come giocherà Di Francesco, non è scontato che giocherà come con il Sassuolo. Facciamoli lavorare e giudichiamoli alla fine, il Primo Settembre però, quando è finito il calciomercato. Non oggi…

    • Caro voltiamo pagina,io non se ce l’hai con me,dal momento che cucs si è rivolto a me,comunque purtroppo non sono piu’ giovane ne inesperto,avrai notato che io ne faccio una questione di forma che specialmente in questi casi divente sostanza,io non critico il suo operato,come ho detto aspettero’ la fine del mercato,ma le sue affermazioni sono quantomeno azzardate,visto che ha venduto un giocatore fondamentle ed altri 2 si appresta a vendere,io non so come opera Monchi ma voglio che sia onesto con i tifosi,ci è bastato Pallotta con le sue promesse fasulle ed anche qui credimi ne faccio una questione di forma,Fabrizio dice che sono affermazioni fatte perche’ credeva che avrebbe avuto lo stadio in 2-3 anni,quanto meno è stata una valutazione azzardata ed un imprenditore come lui non puo’ fare questi errori,ad ogni modo se non ce l’avevi con me ti chiedo scusa anticipatamente,un saluto

      • Fabiano calma, calma. Io non vedo l’ora come te di VINCERE. Aspettiamo il 31 Agosto? Aspettiamo altri due mesi e vediamo anche come opera Monchi, che ha vinto a Siviglia e non a Madrid o Barcellona. Sulla questione stadio Pallotta ragiona da imprenditore americano, dove i grattacieli li costruiscono nell’arco di poche settimane (vedi il nuovo World Centre a NYC). IL problema è la città non chi vuole investire e viene da fuori. Prima attacchiamo “mafia capitale” e poi ragioniamo con i suoi tempi e le sue nefandezze? Fabiano aspettiamo fiduciosi almeno, scalpito anche io di scucirgli il tricolore, non ho mai vissuto solo per la gloria…. Un abbraccione a Fabiano e Fabrizio

  4. boni, nun litigate .. che siamo tutti fratelli tifosi. @Fabiano, tu ce l’hai proprio con le affermazioni.,,,ahaha
    Quando Monchi ha fatto quelle affermazioni, ogni giorno, su tutti i giornali, uscivano notizie sull’Inetr che aveva praticamente l’accordo per Manolas, no per Rudiger, no per Salah, no per Strootman .. etc….
    Quindi il messaggio era: chi vendiamo, lo decidiamo NOI (inteso come dirigenza) e la stessa cosa vale per il prezzo. IO credo che, a tavolino, abbiano identificato quei due/tre giocatori da vendere per ottemperare al discorso fpf e per avere i fondi per cambiare la rosa più a somiglianza per Di Francesco. Eusebio in un paio di nterviste ha detto che il suo punto di partenza è la difesa a 4. Ma non potevamo giocare con Manolas e Rudiger insieme, perchè nessuno dei due sa impostare l’azione.
    Nessuno dei due, ovviamente, si sarebbe accomodato in panchina .. quindi hanno fatto le loro valutazioni (età, ingaggio, forza, ecc..) ed hanno scelto di tenere Rudiger.
    Io non vedo questa rivoluzione: al posto del polacco (che era in prestito) hai il portiere della nazionale brasiliana. Se cedi Paredes, è solo perchè pensano che SERI sia più forte dell’argentino. Ripeto non vedo scandali ma operazioni di mercato …

    • @Fabrizio io non stavo litigando con nessuno,hai ragione sono fissato con le affermazioni,è un mio cruccio non sopporto le falsita’,pero’ anche tu,come dicono a Bolzano ,trovi sempre la pezza a colore,cosa cambia se Manolas viene venduto all’inter o allo Zenit,se Monchi voleva allontanare le insinuazioni sui calciatori della Nostra,bastava dire la verita’,e cioe che avremmo venduto per ricomprare giocatori piu’ forti,ora,io non posso affermare che non lo faranno ma neanche tu che lo faranno,aspettiamo per un giudizio,perche’ il Saba ha dimostrato quanto valeva,lo Spagnolo ancora no.Lungi da me voler litigare con qualcuno,lo sai quanto io sia rispettoso dell’opinione altrui tanto piu’ di quelli che stimo,pero’ come ti ho detto un’altra volta la verita’ non è sempre da una parte sola,sopportatemi anche se sono un po’ “zilloso”termine Pugliese che vuol dire permaloso,un caro saluto
      Fabiano

  5. Ogni anno la stessa storia, quelli che se ne vanno sono tutti dei fuoriclasse, quelli che arrivano tutti scarsi. Per fortuna che ogni 5 commenti di tifosi depressi sull’orlo del suicidio ce n’è uno come quello di Fabrizio. Difensori buoni se ne trovano a prezzi inferiori di Manolas, mi sembra che ne abbiamo avuto parecchi esempi negli anni passati.
    Aggiungo che a molti giocatori (e procuratori) interessano esclusivamete i soldi. Ed è il caso di Manolas, il quale ha giocato con sufficienza la maggior parte della stagione.
    Siamo una squadra ambita per giocatori che non sono ancora affermati, ma quando una delle big europee con maggiori disponibilità finanziarie si fa avanti è difficile trattenerli.
    E comunque Fabrizio ha ragione, quest’anno le cessioni sono mirate e concordate con l’allenatore e lo saranno anche gli acquisti, vedi l’arrivo di un terzino destro che ci mancava.
    Già il fatto che i nuovi giocatori arriveranno presto e non a fine mercato è un progresso notevole. A mio parere negli anni scorsi gli acquisti non sono sempre stati funzionali ai ruoli scoperti, indipendentemente dalla loro qualità.

  6. Per carità, mancano ancora due mesi alla fine del calciomercato, ma ora come ora sono un po’ preoccupato. Szczesny, Paredes, Manolas, Salah… A parte il polacco che era in prestito e di cui mi aspettavo il “non riscatto”, le altre cessioni sono davvero pesantissime. Credo che sia difficile costruire una squadra vincente, specie se non vinci nulla da un decennio, cedendo giocatori così importanti e ricominciando sempre daccapo, mentre le altre (Juve e Napoli su tutte) confermano lo zoccolo duro della rosa. Ho fiducia in Monchi però per me è lampante che se non arrivano giocatori importanti, di nome, di classe che possano farci fare il salto di qualità si prospetta quantomeno un altro anno di transizione. Monchi stupiscici!! FORZA ROMA SEMPRE!

  7. Io non capisco le tante critiche. A mio avviso e giusto vendere quando si ha una buona offerta, l’importante e comprare un sostituto. Di giocatori bravi ne e pieno il mondo, non penso che gli unici giocatori validi siano quelli venduti dalla roma.
    Vi ricordate Benatia? Da quandoe andato via dalla roma che cosa ha fatto? Solo panchina e lo abbiamo sostituito con 2 giocatori migliori, Manolas e Rudiger.
    Poi per quanto riguarda lo “smantellamento”, non vi e alcuno smantellamento.
    Il titolare e rudiger in una difesa a 4, con piede destro e fazio sostituto.
    Sinistri abbiamo Juan Jesus che probabilmente partira e Moreno, che tanto scarso come sostituto non e’.
    A centro campo i titolari nel 433 di di francesco sono De rossi in mezzo, naingolan a destra e strootman a sinistra, con pellegrini sostituto.
    Non si e venduto nessun titolare a parte Salah, per il quale mi dispiace ma credo sia sostituibile.
    Sempre questo allarmismo a roma, state calmi e non criticate tanto per criticare, ma soprattutto riflettete meglio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here