Perotti: “Sconfitta che brucia, ma siamo sulla strada giusta. Su di me rigore netto” (VIDEO)

2

ROMA-INTER, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni di Diego Perotti, attaccante giallorosso, in occasione di Roma-Inter.

POST PARTITA

PEROTTI IN MIXED ZONE 

Risultato che vi penalizza per quello che si è visto in campo…
“Sì non abbiamo avuto fortuna. Abbiamo giocato meglio, abbiamo tirato tanto in porta e non siamo riusciti a portare a casa la vittoria, però abbiamo fatti passi in avanti. Quello è l’importante”.

Sul rigore…
“Io posso dire poco. Posso dire che a Trigoria una settimana prima che iniziasse il campionato è venuto un arbitro come si lavora con questa tecnologia, quante tv hanno, quanti arbitri guardano la partita per non sbagliare, poi comunque hanno sbagliato. Penso ci sia ancora tanto da lavorare”.

Sconfitta che può creare problemi psicologici?
“No quello no, non entra neanche nella testa di nessuno. Siamo alla seconda giornata, abbiamo giocato meglio di loro, non siamo stati fortunati, non abbiamo fatto un passo indietro quando loro hanno pareggiato però non abbiamo cominciato con squadre deboli. Siamo stati costretti ad andare a Bergamo e a giocare con l’Inter. Giocare meglio di loro e non vincere, però penso che abbiamo fatto bene. Abbiamo fatto una buona partita, sicuramente c’è da migliorare, ma adesso c’è la sosta per riposare e per fare meglio contro la Sampdoria”.

Gli ultimi 20 minuti?
“Quando prendi tre pali, la palla non entra, non ti fischiano un rigore e poi pareggiano. Noi dobbiamo migliorare quello, loro sono stati cattivi a fare gol, non abbiamo avuto fortuna, prendere tre pali non è normale. Se giochiamo così non perderemo partite”.

A che punto siete?
“Abbiamo fatto un passo in avanti rispetto all’Atalanta. Lì non abbiamo fatto bene, ma abbiamo vinto. Oggi abbiamo fatto bene ed abbiamo perso. Il calcio non è solo prestazione, ma anche se la palla entra o non entra. Fisicamente e calcisticamente stiamo bene ed abbiamo giocato contro una squadra forte. Se giochiamo così non perderemo tanti punti”.

Nell’azione del rigore cos’è successo?
“Era rigore”.

L’arbitro cosa vi ha detto?
“Penso che gli abbiano detto al microfono che era calcio d’angolo, quindi la palla la prendo io. Era rimessa dal fondo, non angolo. L’abbiamo visto tutti, c’era rigore e non hanno fischiato, non possiamo fare niente”.

Di Francesco era più arrabbiato o dispiaciuto per la sconfitta?
“Tu che pensi? Noi tutti siamo arrabbiati e dispiaciuti. Non la meritavamo, abbiamo fatto un buon primo tempo e 15/20 minuti di alto livello. Loro poi hanno palleggiato meglio e noi ci siamo alzati di più. Gli abbiamo dato quella piccola fiducia nel trovare il pareggio e poi quando uno cerca di fare gol è normale che dietro lasci un po’ di spazio e se ne sono approfittati”.
Quanto manca per assorbire i dettami tattici del mister? 
“Oggi abbiamo perso e si pensa che non lo abbiamo fatto bene. Lo abbiamo fatto meglio che contro l’Atalanta che abbiamo battuto. Abbiamo fatto un passo in avanti. Sicuramente c’è da migliorare, ora c’è la sosta ed abbiamo tempo per riposare e pensare alla Sampdoria”.

PEROTTI A RAI SPORT

“Spero che qualcuno esca e dica perché non ha dato il rigore. Io già in campo sapevo che c’era rigore, poi ha dato l’angolo ma il pallone l’avevo toccato io. Non capisco perché quelli che guardano il monitor non l’abbiano visto. Fiducia nel VAR? Dopo Genoa-Juve sì, adesso ti dico di no, perché non mi è stato fischiato un rigore netto. Fanno rabbia i 3 pali e i 3 gol: se avessimo segnato, la partita sarebbe cambiata, e prendere 3 gol in pochi minuti non è da noi, ma rispetto all’Atalanta siamo migliorati”.

PEROTTI A SKY

D’accordo la sfortuna e un rigore forse su di te. Il cedimento finale vi preoccupa?
“Se ci davano il rigore la partita era finita. Loro sono l’Inter, non una squadra di Serie C, sono giocatori forti. Noi non siamo stato fortunati, non è normale prendere 3 pali”.

Ti aspettavi l’intervento del VAR?
“Tu no? Ho visto Genoa-Juve… La palla la tocco io non è normale quello che è successo...”.

Cosa cambia con i movimenti di Di Francesco noi tempi di gioco e negli automatismi?
“Penso abbiamo migliorato tanto rispetto l’Atalanta e i movimenti andranno meglio con le partite perché non è facile cambiare schema, soprattutto per me che preferisco giocare aperto ma lo devo fare. Mi trovo più vicino alla porta e penso sarà meglio per me e la squadra”.

Com’è questa Roma rispetto un anno fa?
“Per me io sto sempre nella squadra migliore del mondo, coi compagni più forti e l’allenatore più forte e abbiamo fatto per 70′ minuti meglio dell’Inter però come dicevo a Bergamo abbiamo fatto una partita normale e oggi abbiamo preso 3 pali e abbiamo perso dobbiamo migliorare”.

Icardi per l’Argentina?
“Per me benissimo un 9 che dentro l’area si muove bene, è cattivo e fa gol e sono doti che deve avere un attaccante”.

E’ lontano da Higuain a livello assoluto?
“E’ giovane ha tempo e da due anni è capitano dell’Inter e non è una casualità. ha fatto tanti gol anche se l’inter non ha fatto bene l’anno scorso ma lui ha sempre fatto bene ed è un attaccante fortissimo”.

PEROTTI A ROMA TV

Un commento sui pali?
“Purtroppo conta solo quando la palla va dentro. Non abbiamo avuto fortuna con i tre pali, non ci hanno fischiato un rigore netto e di più non potevamo fare. Loro sono l’Inter, sono bravi e hanno portato i tre punti a casa. Il fallo su di me era netto, posso capire che l’arbitro potesse non vedere ma chi doveva guardare la partita mi sembra strano che non siano intervenuti”.

Che partita è stata?
“Questo è il calcio: a Bergamo abbiamo vinto non facendo bene e tirando solo una volta, oggi invece siamo stati pericolosi e torniamo a casa con zero punti. Abbiamo giocato con una squadra forte e abbiamo fatto bene, ma dobbiamo migliorare. Non voglio dire che abbiamo fatto la partita perfetta, ma se io non prendo il palo o ci danno il rigore adesso parleremmo di un altra partita. Poi abbiamo preso tre gol e dobbiamo migliorare, perdiamo o vinciamo tutti insieme, c’è da migliorare. Siamo più avanti rispetto a Bergamo ma non è stato sufficiente, ora dobbiamo approfittare della sosta per lavorare. Io sono sicuro che se giochiamo sempre così non perderemo spesso. Non è normale non fare gol quando giochi bene e hai occasioni così chiare. Oggi non è stato il caso, era importante vincere contro un avversario diretto.

Come si riparte?
“Manca tanto per ricominciare a giocare e brucerà la sconfitta in questa sosta, ma abbiamo fatto meglio di domenica scorsa. Siamo sulla strada giusta, dobbiamo continuare a lavorare e i tre punti arriveranno”.

PEROTTI A PREMIUM SPORT

“Abbiamo preso tre pali e un rigore non dato. Loro hanno Icardi che è fortissimo e ha messo dentro i palloni. Siamo arrabbiati, non è normale prendere tre pali, giocare bene e quel rigore non dato. La partita si poteva chiudere, poi comunque abbiamo giocato contro l’Inter, non siamo stati fortunati nel raddoppiare e abbiamo perso. Ora dobbiamo lavorare nella sosta”.

Il VAR?
“Genoa-Juventus è stato un match dove è stata usata, io pensavo che l’arbitro guardasse o comunque che venisse aiutato dagli assistenti, è rigore netto ma ci sta l’errore, magari non è solo il problema della tecnologia. Credo che l’arbitro non sia andato a vedere perché gli abbiano detto che non ci fosse nulla”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

  1. A parte i 3 pali che abbiamo preso su 3 tiri dalla distanza, mi sembra che l’Inter abbia giocato meglio. Spalletti è un’altra cosa, non c’è niente da fare. Complimenti a coloro che lo hanno messo nelle condizioni di dover andare via. Complimenti a Totti e agli sciocchi che lo hanno fischiato e insultato.

    • No, non cominciamo a modificare la realta’.

      Azioni pericolose dell’Inter se ne contano sulle dita delle mani e sono quasi tutte nate da rimpalli fortunati che gli hanno permesso di saltare (a culo) l’uomo.

      La Roma ha giocato molto ma molto meglio, io sono molto soddisfatto della squadra.

      La differenza l’hanno fatta soltanto la fortuna (il terzo gol loro non lo si conta visto che e’ arrivato all’ultimo con noi super sbilanciati per cercare di recuperare la partita) e il solito rigore netto negato.

      Poi, se vogliamo dire che l’Inter e’ una buona squadra siamo d’accordo, ma non ha ne’ giocato meglio ne’ meritato di vincere.

      Io non rimpiango Spalletti (non lo faccio a prescindere).

      Forza Roma, ora ancora piu’ di prima!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here