MILAN-ROMA, LE PAGELLE – Il Diavolo si conferma bestia nera dei giallorossi. Dopo tre anni il Milan torna a battere al Roma in campionato con un 2-0 firmato Van Ginkel e Destro. La squadra di Garcia esce ancora battuta da San Siro e il second posto rimane a rischio.

Giulia Spiniello

DE SANCTIS 6. Reattivo su Honda al 12′, rimedia a una disattenzione dei difensori. Strepitoso anche su Bonavenutra con un intervento prodigioso. Ma non può nulla sui gol di Van Ginkel e Destro.

FLORENZI 5,5. Tenta la via del gol un paio di volte, l’unico in grado di saltare l’uomo. I compagni lo cercano sempre e lui con generosità non si risparmia. A corto di lucidità si becca il giallo che gli farà saltare la prossima partita.

MANOLAS 6. E ‘ il migliore del reparto, tiene in piena la baracca. Accorto in difesa e ispirato quando porta brividi in area rossonera con un colpo di testa che si staglia sul palo, unica occasione pericolosa del primo tempo.

ASTORI 5 . Si fa prendere in controtempo da Destro con cui il duello è duro per tutto il match.

TOROSIDIS 5. Vince i primi duelli in velocità con Honda, poi però il giapponese prende il sopravvento e non lo vede più.   Ammonito.

NAINGGOLAN 5. Si addormenta sulla rete dell’1-0. Non dà il solito contributo in fase offensiva e si sente.

DE ROSSI 5. Poco intenso nel far filtro e il Milan è bravo ad approfittarne.

PJANIC 4.  Con Braida a monitorarlo in chiave Barcellona, dà vita ad una prestazione senza anima e senza idee. Non riesce a macinare gioco e sbaglia anche in difesa quando lascia spazio a Honda che è libero di crossare per il gol del vantaggio. Ammonito

GERVINHO sv. Dura solo 28 minuti la sua partita: uno stiramento lo costringe al cambio anticipato.

DOUMBIA 5. Parte bene, poi però si lascia bloccare da Alex che lo francobolla con successo. Nel secondo tempo si perde, non si vede per nulla tranne quando si guadagna una punizione da buona posizione proprio nel finale.

IBARBO 4. Non pervenuto: si nasconde, non entra mai nel vivo del gioco e quando Garcia lo richiama in panchina è già tardi.

Dal 29′ LJAJIC 4,5. Entra al posto di Gervinho. Cerca sempre la giocata complicata e porta palla rischiando di perderla. Inconcludente

Dal 60′ ITURBE 6.  Entra al posto di Ibarbo e si fa notare  per l’occasione in cui si guadagna il calcio di rigore. Con l’episodio prende fiducia e trova un paio di chance per andare al tiro.

Dal 70 ‘  TOTTI  6,5. Entra al posto di Pjanic e gli tocca subito andare sul dischetto per trasformare il penalty guadagnato da Iturbe. Dà qualità e allarga il gioco, subito punto di riferimento per compagni.

GARCIA 5,5. Per la terza gara consecutiva schiera la stessa formazione, ma l’11 in campo è troppo lento e prevedibile. Più do un dubbio sulle sostituzioni operate dopo l’infortunio di Gervinho.