‘Non Rassegniamoci’. Afflitto: “Napoli favorito. Peccato non ci sia El Shaarawy”. Luciani: “La Roma dovrà avere pazienza”

1

ROMANEWS WEB RADIO – Torna l’appuntamento con la rassegna stampa sulla Web Radio di Romanews.eu. Si riparte con “Non Rassegniamoci”. Dalle 7.30 alle 10.30, Matteo Martini e Claudia Demenica vi terranno compagnia con la lettura dei principali quotidiani sportivi, ma non solo: commenti, notizie, esclusive, collegamenti con giornalisti e aggiornamenti sulla Roma, rigorosamente in diretta.

COME ASCOLTARCI – Sulla homepage di Romanews.eu basta cliccare sul banner in alto, oppure visitare direttamente il canale della nostra Web Radio su Spreaker (https://www.spreaker.com/user/romanews.eu). In alternativa si può seguire live la puntata visitando la nostra nuova applicazione Romanews.eu, disponibile sia per dispositivi Apple che Android, e cliccare sul microfono in alto a destra.

COME INTERAGIRE CON NOI – Potete intervenire in diretta, commentando live sulla nostra pagina Facebook RN Web Radio, oppure inviando un messaggio (SMS o Whatsapp) scritto o vocale al numero 3926525501.

I COLLEGAMENTI – Prima parte di trasmissione dedicata alla rassegna stampa con la lettura dei principali quotidiani sportivi. Alle ore 8.30 via ai collegamenti: si parte con la rubrica ‘La Bionda al comando’ con Giulia Spiniello, caporedattrice di Romanews.eu. Alle 9.30 è il momento di Federica Afflitto, giornalista e conduttrice di Tele Roma 56. Alle 10.00 appuntamento con Luigia Luciani, giornalista e speaker di Radio Radio.

LE PAROLE DI FEDERICA AFFLITTO – “Roma-Napoli? Partita di cartello, partita delicata, partita verità che farà comprendere le dinamiche della squadra di Di Francesco e le vere convinzioni dei giocatori. La Roma non parte certo favorita per le alte posizioni di classifica ma può dare un’impronta alla propria stagione. I pareggi possono condizionare molto il campionato e gli scontri diretti saranno fondamentali proprio a tal proposito. Il campionato molto livellato con 7-8 squadre che possono fare la differenza. Il Napoli favorito ma la Roma può sottrargli punti preziosi, così come la Lazio può fare con la Juve e il Milan contro l’Inter. Scontri diretti quindi fondamentali. Io ad El Shaarawy darei sempre una maglia è un giocatore molto forte e caratterialmente sempre positivo, peccato non sia della partita. Sarri? Mi piace molto, un bravissimo tecnico che ha le sue validissimo condizioni, è l’allenatore del momento ma è ha un bivio, è quasi costretto a vincere altrimenti è il solito “bello che non balla”. Spesso forse si specchia troppo, ma è bravo anche se più avvantaggiato di Di Francesco in quanto guida il suo gruppo da più tempo. Un pensiero sulla Nazionale? Molta delusione, quasi un disastro sotto tutta la linea. Avevo riposto grande fiducia in Ventura ma non sembra essere capace a fare/gestire il gruppo. In più giocatori fuori ruolo e spesso svuotati di motivazioni”.

LE PAROLE DI LUIGIA LUCIANI – Innanzitutto ribadisco l’inizio di campionato abbastanza soporifero, ma questo turno è molto interessante. Roma-Napoli è un match fondamentale per entrambe le squadre. La Roma deve dimostrare di saper tenere il campo per 90 minuti senza la minima distrazione e non deve avere paura dei propri limiti, ma deve stare in partita senza snaturarsi. Il Napoli farà la partita e potrà creare grandi difficoltà ai giallorossi perché ha un gioco più funzionale e collaudato, la Roma dovrà avere pazienza, non avere fretta, saper colpire al momento giusto per portare a casa il risultato. L’attacco del Napoli è una sinfonia pressoché perfetta, basta guardare i dati. I tre attaccanti napoletani hanno poco da dimostrare, al contrario di Dzeko che deve invece far vedere di poter e di dover realizzare delle reti pesanti. Perotti? Io per lui avrei sempre una maglia da titolare, i calciatori spesso hanno una natura incostante ma lui sembra aver ritrovato il carattere oltre la tecnica che resta indiscussa. Mi aspetto un suo gol, magari su azione. Juve-Lazio mi affascina e mi incuriosisce il fatto che Inzaghi possa presentare una squadra che possa imbrigliare la Juve purché usi il giusto furore agonistico. Il derby di Milano è praticamente uno Spalletti contro Montella. Partita intrigante, si spera in un pari ma Spalletti dovrà dimostrare di non essere solo fortunato”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. Quando parla uno come Piacentini mi cascano le braccia. E anche qualcos’altro. Di Francesco fa sentire tutti importanti? Ah sì? E che ne sa lui? E’ entrato negli spogliatoi?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here