ROMANEWS WEB RADIO – Torna l’appuntamento con la rassegna stampa sulla Web Radio di Romanews.eu. Si riparte con “Non Rassegniamoci”. Dalle 8.00 alle 11.00, Federico Prosperi e Alessandro Tagliaboschi vi terranno compagnia con la lettura dei principali quotidiani sportivi, ma non solo: commenti, notizie, esclusive, collegamenti con giornalisti e aggiornamenti sulla Roma, rigorosamente in diretta.

COME ASCOLTARCI – Sulla homepage di Romanews.eu basta cliccare sul banner in alto, oppure visitare direttamente il canale della nostra Web Radio su Spreaker (https://www.spreaker.com/user/romanews.eu). In alternativa si può seguire live la puntata visitando la nostra nuova applicazione Romanews.eu, disponibile sia per dispositivi Apple che Android, e cliccare sul microfono in alto a destra.

COME INTERAGIRE CON NOI – Potete intervenire in diretta, commentando live sulla nostra pagina Facebook Web Radio Romanews, oppure inviando un messaggio (SMS o Whatsapp) scritto o vocale al numero 3926525501.

I COLLEGAMENTI – Durante la prima parte di trasmissione spazio alla rassegna stampa. Dalle 9.30 via ai collegamenti: si parte con Guido Zappavigna, storico tifoso romanista ed opinionista. Alle 10.10, è il turno di Pasquale Campopiano di Sportitalia e Zona 11 pm.

LE PAROLE DI ZAPPAVIGNA –MahrezAttendiamo notizie dall’Inghilterra (sorride ndr), credo che questo giocatore sia molto importante, perché credo che la squadra sia molto buona e ben assortita, però manca il giocatore che riesce a spaccare le partite come faceva Salah con i suoi strappi, quindi sarebbe giusto aggiungere la ciliegina sulla torta. In questa sessione di mercato stiamo vedendo prezzi esorbitanti, ad esempio la questione Neymar in cui parliamo veramente di cifre folli. Il calcio sta diventando sempre più un business che fa da ombra alle passioni dei tifosi, c’è un evidente dualismo tra la nostra passione e tra chi governa il calcio, che sta diventando sempre di più un fenomeno globale, basta guardare chi investe sul calcio che sono ormai personaggi da tutto il mondo. Quello che sta succedendo con lo stadio della Roma è allucinante, difendono una tribuna di cui si sono fregati per decenni e che adesso difendono con forza. E’ incredibile la guerra che si sta facendo ad una persona che vuole investire 1,2 miliardi di euro per riqualificare una zona. Le parole di Pallotta sul Milan? Ha detto quello che pensano un po’ tutti, tra l’altro credo che queste esternazioni siano dovuti anche a confronti con Franco Baldini sulla questione. Probabilmente lo ha fatto con enfasi e di getto, senza considerare le conseguenze. Un’alternativa a Mahrez? Sono convinto che entro 10 giorni andremo tutti a Fiumicino… Se non dovesse succedere secondo me, andremo a prendere Berardi. Kolarov e Karsdorp sono i migliori acquisti, due giocatori al posto giusto al momento giusto. Preferisco chi va in una squadra e dà il 100% piuttosto che chi quando viene acquistato dice di avere il poster di Totti in camera e poi gioca in maniera discutibile“.

LE PAROLE DI CAMPOPIANO – “Pallotta ha sbagliato il merito della discussione. Un presidente di una squadra di Serie A non dovrebbe dare giudizi del genere su determinati argomenti. La Roma non ha un bilancio così forte da poter tirare conclusioni così affrettate sul Milan. Non penso che abbia fatto una grandissima figura, perché la portata delle sue dichiarazione è enorme ed infatti sono arrivate le scuse. Non credo neanche che si siano incrinati i rapporti tra le società, sono curioso però di sapere sul mercato nel caso in cui ci dovrebbero essere punti di contatto: se la Roma volesse Suso, Pallotta come può sedersi al tavolo con la dirigenza rossonera ora? A mio parere non si è reso conto, forse determinato anche dal contesto, essendo in una radio americana si è sentito più libero di fare determinate affermazioni. Il prestito è di 300 milioni, ma divisi in due parti: 180 per acquistare il club, 120 i debiti della società stesso, cioè quelli serviti per rinforzarsi sul mercato, pagare i fornitori, avere i bilanci a posto una volta appianate le perdite. Il Milan sotto controllo del FFP? Sì, ma in futuro. Adesso sta per firmare un Voluntary Agreement con la UEFA, che permette alla società di rinforzarsi nei primi anni della nuova proprietà, per poter infine mettere bene i conti nel giro di quattro anni, mostrano un piano industriale di livello. Già se loro superano dei limiti pattuiti in questo anno, potrebbero andare in contro a delle conseguenze. Per assurdo se volesse spendere 500 milioni di euro, nessuno resterebbe a guardare, perché la UEFA si farebbe sentire, deve essere una cosa credibile, altrimenti vieni bloccato. Nel caso in cui il Milan non entrasse in Champions League potrebbero esserci dei problemi? Forse sì, ma bisogna un attimo vedere bene il piano industriale, perché probabilmente ci sono mosse per alzare i ricavi che vanno aldilà dalla qualificazione in Europa. Non credo a Monchi, secondo me è un’affermazione di facciata, alla fine prenderà Mahrez secondo me. Su Kolarov? La Roma ha fatto la difesa cattiva quest’anno, a me lui è sempre piaciuto, sono un pò dubbioso sulle sue condizioni fisiche”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 COMMENTO

  1. Nessuno lo dice ma ha ragione Pallotta perchè In realtà i milioni del prestito sono 303, parte dei quali (128) sono stati «scaricati» dal veicolo societario che ha acquistato il Milan e «girati» su due bond quotati alla Borsa di Vienna, uno da 73 milioni per estinguere il finanziamento e un altro da 55 milioni per il mercato.

LASCIA UN COMMENTO