ROMANEWS WEB RADIO – Torna l’appuntamento con la rassegna stampa su Romanews Web Radio, si riparte con Non Rassegniamoci’. Dalle 7.30 alle 10.30  Federico Prosperi e i ragazzi del ‘Lab’ vi terranno compagnia con la lettura dei principali quotidiani sportivi, ma non solo: commenti, notizie, esclusive, collegamenti con giornalisti e aggiornamenti sulla Roma, rigorosamente in diretta.

COME ASCOLTARCI – Sulla homepage di Romanews.eu basta cliccare sul banner in alto, oppure visitare direttamente il canale della nostra Web Radio su Spreaker (https://www.spreaker.com/user/romanews.eu). In alternativa si può seguire live l’incontro visitando la nostra nuova applicazione Romanews.eu, disponibile sia per dispositivi Apple che Android, e cliccare sul microfono in alto a destra.

COME INTERAGIRE CON NOI – Potete intervenire in diretta, commentando live sulla nostra pagina Facebook Romanews Web Radio, oppure inviando un messaggio (sms o whatsapp) scritto o vocale al numero 392.6525501.

I COLLEGAMENTI – Durante la prima ora di trasmissione spazio alla rassegna stampa. Dalle 8.30 i collegamenti: si parte con la nostra bionda al comando, Giulia Spiniello, caporedattrice di Romanews.eu. Alle 9.00 scocca l’ora di Gianluca Piacentini, giornalista del Corriere della Sera. Alle 9.30 interviene il direttore, Fabrizio Aspri. Quindi ancora un’ora di trasmissione, con i microfoni aperti fino alle 10.30.

LE PAROLE DI GIANLUCA PIACENTINI“La Roma non vinceva da 62 anni andata e ritorno con il Milan, però non starei ad esaltarmi più di tanto. Il Milan è una squadra in difficoltà. Montella ha fatto un miracolo. Mi piacerebbe Montella, tatticamente mi piace molto, conosce l’ambiente, saprebbe muoversi nella piazza romana. Gli è stato fatto un torto, alla fine dei sei mesi, preferendogli Zeman, non la prese benissimo. Tra i nomi dei tecnici italiani tra Gasperini, Di Francesco e Montella scelgo Montella. Anche Emery mi piace, come profilo straniero”.

Su Pallotta frasi e silenzio Totti: “La reazione di Spalletti è stata eccessiva, come tutto il suo modo di comunicare negli ultimi sei mesi. Toccato un nervo scoperto, lui l’ha sofferta come tutte le volte che si parla di Totti. Si poteva evitare di fare tutto quel teatrino, visto che mancano 3 partite al campionato, anche perché tutti insieme non li rivedremo il prossimo anno. Spalletti poteva far entrare Totti in campo”.