ROMANEWS WEB RADIO – Torna l’appuntamento con la rassegna stampa sulla Web Radio di Romanews.eu. Si riparte con “Non Rassegniamoci”. Dalle 7.30 alle 10.30, Matteo Martini e Paolo Sparla vi terranno compagnia con la lettura dei principali quotidiani sportivi, ma non solo: commenti, notizie, esclusive, collegamenti con giornalisti e aggiornamenti sulla Roma, rigorosamente in diretta.

COME ASCOLTARCI – Sulla homepage di Romanews.eu basta cliccare sul banner in alto, oppure visitare direttamente il canale della nostra Web Radio su Spreaker (https://www.spreaker.com/user/romanews.eu). In alternativa si può seguire live la puntata visitando la nostra nuova applicazione Romanews.eu, disponibile sia per dispositivi Apple che Android, e cliccare sul microfono in alto a destra.

COME INTERAGIRE CON NOI – Potete intervenire in diretta, commentando live sulla nostra pagina Facebook Web Radio Romanews, oppure inviando un messaggio (SMS o Whatsapp) scritto o vocale al numero 3926525501.

I COLLEGAMENTI – Prima parte di trasmissione dedicata alla rassegna stampa con la lettura dei principali quotidiani sportivi. Alle 8.40 è il momento di Giulia Spiniello, caporedattrice di Romanews.eu con la sua rubrica ‘La Bionda al Comando’. Alle 9.30, scocca l’ora di Fabrizio Bocca, di Repubblica, mentre alle 10.00 interverrà Giuseppe Ursino, direttore sportivo del Crotone.

Fabrizio Bocca a RN Web Radio:

La partita di Bergamo?
“Sono stato uno dei pochi a vederci qualcosa di buono. La reazione della Roma a un periodo non positivo è stata considerevole, la squadra è stata smontata e rimontata per l’ennesima volta, c’è stato l’addio di Totti, un cambio allenatore abbastanza traumatico. Le amichevoli estive hanno evidenziato alcune lacune, soprattutto in difesa. La Roma rischiava di perdere malamente a Bergamo, però ha vinto”.

Per quanto riguarda i sorteggi di Champions League?
“Di certo i giallorossi non sono stati particolarmente fortunati. Il girone del Napoli probabilmente è più facile”.

Su Totti?
“Ancora non ha completato il passaggio da giocatore a dirigente, quello che mi ha impressionato di più a Bergamo è stata l’abbondanza dei fotografi, tutti rivolti verso la tribuna, invece di guardare il campo guardavano verso quel grande giocatore, molto incuriositi. Mi sembra che Francesco ora stia facendo il dirigente con il suo stile, è un personaggio molto popolare, è ben voluto da tutti. Comincia questo nuovo cammino, ora bisogna vedere cosa riuscirà a fare”.

L’emergenza sulla fascia destra in vista dell’Inter?
“Il modulo di Di Francesco non lo cambierei, credo che lì possa essere schierato Juan Jesus, che è il più duttile e il più in forma, non dovrebbe trovare particolari difficoltà a sostituire Bruno Peres. Quella con l’Inter è una gran bella partita, però arriva un po’ troppo presto. Sarà un match lacerante per Spalletti, visto che vive queste cose passionalmente. Mi sembra che l’Inter abbia puntato molto su di lui, meno sul mercato. Tant’è che abbiamo sentito di uno Spalletti abbastanza scontento. Secondo me si aspettava qualcosa di diverso dalla società, il confronto con il Milan è stato abbastanza impietoso. Sono dell’idea che la Roma avrebbe dovuto provare di più a trattenere il tecnico di Certaldo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO