‘Non Rassegniamoci’. Evangelisti: “Ventura? Inadatto, vorrei Ancelotti”

0

ROMANEWS WEB RADIO – Torna l’appuntamento con la rassegna stampa sulla Web Radio di Romanews.eu. Si riparte con “Non Rassegniamoci”. Dalle 7.30 alle 10.30, Paolo Sparla e Matteo Martini vi terranno compagnia con la lettura dei principali quotidiani sportivi, ma non solo: commenti, notizie, esclusive, collegamenti con giornalisti e aggiornamenti sulla Roma, rigorosamente in diretta.

COME ASCOLTARCI – Sulla homepage di Romanews.eu basta cliccare sul banner in alto, oppure visitare direttamente il canale della nostra Web Radio su Spreaker (https://www.spreaker.com/user/romanews.eu). In alternativa si può seguire live la puntata visitando la nostra nuova applicazione Romanews.eu, disponibile sia per dispositivi Apple che Android, e cliccare sul microfono in alto a destra.

COME INTERAGIRE CON NOI – Potete intervenire in diretta, commentando live sulla nostra pagina Facebook RN Web Radio, oppure inviando un messaggio (SMS o Whatsapp) scritto o vocale al numero 3926525501.

I COLLEGAMENTI – Prima parte di trasmissione dedicata alla rassegna stampa con la lettura dei principali quotidiani sportivi. Alle ore 8.30 via ai collegamenti: si parte con la ‘Bionda al comando’ di Romanews.eu, Giulia Spiniello. Alle 9.30, invece, scocca l’ora di Marco Evangelisti del Corriere Dello Sport. Alle 10 è il momento di Cecilia Taddei, attrice e imitatrice di SCQR (Sono Comici Questi Romani). In chiusura spazio a Sara Dahlstein, consigliere dell’Ambasciata Svedese Affari Economici e Stampa.

LE PAROLE DI EVANGELISTI – “Buffon è stato lucido, qualche serata mondiale per l’Italia avrebbe contribuito a risollevare in qualche modo il paese, il calcio è uno sport tutt’altro che trascurabile. La Francia negli anni ’90 si ritrovò in una situazione simile, non si qualificò ai mondiali per due volte e poi vince Europeo e Mondiale.

Ventura? Mi dispiace umanamente, è un allenatore da una carriera onesta, probabilmente non un buon ct, le reazioni psicologiche dopo la frana di ieri sono comprensibili. Rimarrei deluso se i discorsi che stanno facendo i giornali sono veri, e cioè se nelle non dimissioni subitanee di Ventura rientri il discorso economico. Questa è la più clamorosa sconfitta dell’Italia della sua storia intera. Temo che questa sconfitta affondi le sue radici nelle gestioni federali degli ultimi anni, abbiamo visto gente strapagata che alla prima occasione è andata via, giovani fare qualcosa di buono e sparire. Il ct della Nazionale è un ruolo importante, deve avere una grande caratura internazionale e Ventura non ce l’ha, è un buon allenatore ma da Serie A e basta.

Il successore? Forse Ancelotti è la scelta migliore, ma m i sembra difficile. Allegri è l’uomo adatto, ha la visibilità, ha il carisma e la competenza tecnica. Credo che la partita di ieri era semplice da preparare, si poteva giocare con un tranquillo 4-3-3 con i giocatori più tecnici che avevi, invece è stata scelta una squadra molto confusa. La partita andava affrontata sicuramente in altro modo.

De Rossi? Ha dimostrato che nemmeno i giocatori avevano grande fiducia in quella squadra, è una cosa grave ma la sua reazione mi è sembrata molto lucida. A Buffon va dato atto di avere detto cose belle e giuste, di lui si può pensare quello che si vuole, è stato il più grande di tutti tempi, un degno capitano della Nazionale.

Tavecchio? Nulla contro di lui ma deve prendere in proprio l’iniziativa, prendere l’uscita”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here