SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Giancarlo Dotto a Tele Radio Stereo: “Prima di sentire le sue scuse ero entusiasta delle parole di Pallotta in America. Non so perché quando Pallotta parla a quella radio americana lo fa a ruota libera, non so se sotto l’effetto di qualche infuso. Amo la lingua e la scrittura americana, lo slang americano è molto iconico e per questo mi erano piaciute le sue parole. Ma sentendo queste scuse, immagino che non gli abbiano puntato la pistola alla tempia, vuol dire che è bastato un Fassone furioso. Quelle sul Milan non sono dichiarazioni che possono essere dette da una persona istituzionale e per questo mi avevano divertito, ma poi non ci può essere questa genuflessione, senza poi nemmeno replicare alle parole di Fassone. Se ferisci devi poi aspettarti di essere ferito. La risposta di Sabatini? È in linea con quel genialoide che è Walter, una risposta caustica e arguta. Sono due repliche che meriterebbero una controreplica. Sappiamo che Pallotta è un uomo impulsivo, non si consulta con nessuno ma evidentemente c’è qualcosa che non funziona nella sua personalità, qualcosa di strano e sorprendente. La risposta a Fassone è stata molto democristiana, questa magari consigliata. Sabatini non nomina Monchi perché indispettito dal presidente che ha parlato del suo successore come un genio assoluto. L’espressione ‘non ho più avuto fiducia’ è gravissima, perché con tutte illazioni su questo ruolo diventa una cosa molto dura. Con Fassone ha lanciato un messaggio, nel caso di Sabatini se la poteva risparmiare”.

Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “Gimenez? Magari, ma costa più di Mahrez e la vedo dura. Ho paura che Di Francesco sia poco duttile e punti tutto su un modulo come il 4-3-3. Il sorteggio Champions? Con la fortuna che ha la Roma si rischia addirittura di arrivare quarti, altro che terzi per puntare all’Europa League. Lo sponsor? Evidentemente ci sono strategie sbagliate. Pallotta passa da innamoramenti profondi che sembrano durare a divorzi immediati. Spalletti è anche altro, non solo uno che voleva litigare con la stampa. Poco tempo fa lo ha ringraziato per aver salvato la vita alla Roma, e ora queste dichiarazioni… Con la correzione immediata e le scuse al Milan, Pallotta diventa lo scemo del villaggio. In quanto presidente della Roma deve cambiare completamente strategia e modo di fare”.

Mario Sconcerti a Radio Radio: “Tra Pallotta e il Milan io sono dalla parte di Fassone. La tattica del Milan sembra chiara, dovendo io convincere la gente a investire su di me, devo spendere. Le reazioni di Pallotta sono poco educate, ma le capisco. E’ una diatriba estiva che finisce sul nascere. Mi faccio molte domande sul Fair Play Finanziario, che dovrebbe essere ridisegnato”.

Ivan Zazzaroni a Radio Radio“Ci sono tante voci sul Milan e sul loro operato, ma la cosa strana è che se le ponga pubblicamente un presidente di Serie A. E’ stata una ‘Pallottata’ che fa molto rumore, ma niente di più. Nel calcio tutto va avanti finché la bolla economica esploderà, ma non mi sembra sia il caso del Milan. Nell’ultimo anno è tutto molto light…”.

Luigi Ferrajolo a Radio Radio: Io conosco Sabatini da quando giocava nella Roma, è un soggetto particolare. Lui è un artigiano geniale del calcio e dopo due anni la sua mentalità ha cozzato contro quella americana. C’è stata una crisi di rapporti per due modi di pensare il calcio diversi. Sabatini ha avuto una bulimia di mercato. Per me il giudizio su Sabatini alla Roma non è negativo. Ha dato l’anima per la Roma e se non si è vinto nulla non è stato solo per colpa sua. Forse ha sbagliato solo a confermare Garcia”.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio: Io credo che Sabatini sia un direttore sportivo che ha dimostrato di avere idee, ma ha fallito durante la sua gestione della Roma, con giocatori che ancora oggi gravano sulle casse di Trigoria. Le prime divergenze di Pallotta con Sabatini sono state con la scelta di giocatori ma anche degli allenatori”.

Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo: “L’offerta maggiorata per Mahrez trapela da alcuni giorni, ma penso che alla fine si arriverà a un accordo. In ogni caso non si è mai vista un’offerta che passasse da 23 milioni a 32, la prima era un’offerta esplorativa per vedere le carte dell’avversario, la richiesta del club e le squadre interessate. Senza altri cambiamenti a Bergamo la coppia centrale sarà Moreno-Manolas, l’altra è Fazio-Jesus. I due registi e leader della difesa sono Moreno e Fazio, che per caratteristiche difficilmente giocheranno insieme. Bruno Peres? Da lui piccoli segnali di risveglio, a differenza di Iturbe. Cengiz ha fatto una buona impressione”.

Rino Foschi a Tele Radio Stereo: “Ho conosciuto Monchi ai tempi del Palermo quando gli ho venduto Vazquez. Siamo stati due giorni assieme, è una persona seria, approdata in Italia dopo aver fatto molto bene in Spagna. La Roma ha perso un direttore sportivo in gamba come Sabatini, con cui condivido un’amicizia, ma si è assicurata una persona capace e stimata dalla società. Credo che lo spagnolo abbia gestito molto bene la vicenda di Totti e non era semplice. El Shaarawy? L’ho avuto al Padova. Lui ha dei colpi da fuoriclasse, ma purtroppo non ha ancora quella continuità che dovrebbe avere un campione“.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Ho trovato un po’ ingeneroso Pallotta nei confronti di Sabatini. Che il ds non abbia razionalità e che talvolta sia andato oltre la necessità è vero. Il rapporto si era rotto, la fiducia era venuta meno e forse il rapporto è durato anche un anno più del dovuto. Nel calcio succede. Si potrebbe deporre l’ascia di guerra visto che Pallotta ha preso Monchi e Sabatini è andato a lavorare per Suning”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Nainggolan? C’è stata la volontà da parte del giocatore di rimanere a Roma e di diventare un punto di riferimento fisso per tifosi e club. Mahrez è un giocatore forte, mi piace molto anche se costa qualcosa in più rispetto al suo reale valore”.

Federica Afflitto a Romanews Web Radio: “Questa è una squadra con cui si potrebbe aprire un ciclo importante, poi nel caso in cui arrivasse, Mahrez potrebbe rappresentare il trascinatore anche se bisognerà vedere come si ambienterà qui. Per vincere servono giocatori di carattere, quelli a cui non interessa partecipare, ma vogliono vincere a tutti i costi. In questi ultimi anni a Roma sono stati presi tanti elementi di ottime prospettive, ma che poi non si sono rilevati all’altezza. Pallotta deve essere più chiaro e la società deve ricordarsi che l’obiettivo primario del calcio è vincere. Confido tanto in Di Francesco che possa portare una grande cultura del lavoro e non delle ‘chiacchiere’ e che possa dare una certa continuità di risultati della Roma. Roma e Napoli penso che quest’anno siano alla pari, perché anche se la Roma ha cambiato tanto non sono sicura che i partenopei si ripeteranno”.

Nando Orsi a Radio Radio: “A livello di qualità tecniche il centrocampo della Roma non può essere paragonato a quello di altre squadre. La società ha dato una certezza a Di Francesco con il rinnovo di Nainggolan. Hector Moreno? Se è stato preso vuol dire che può dare garanzie alla squadra. Non può essere giudicato per quelle partita viste in Confederations Cup”.

Roberto Renga a Radio Radio: “Nainggolan non voleva muoversi da Roma, il rinnovo è un bene per tutti. Tumminello ha tutto per fare la riserva di Dzeko, ma temo troverà poco spazio in squadra. Mahrez penso arriverà, Di Francesco si è esposto molto. Manolas non ha iniziato bene la stagione, lui resta ancora in bilico. Con Boateng al posto di Manolas la Roma migliorerebbe. La Roma potrebbe aspettare un’offerta per Manolas per poi investire su Mahrez”.

Xavier Jacobelli a Radio Radio: “La Roma ha fatto la cosa giusta, così come l’ha fatta Nainggolan. Il belga crede fermamente nella possibilità che questa squadra possa arrivare a vincere un trofeo. In questa fase di costruzione della nuova Roma, avere la garanzia di un punto di riferimento è sicuramente una splendida notizia. La disponibilità della Roma e le richieste del Leicester possono arrivare a un punto di incontro”.

Riccardo ‘Galopeira’ Angelini a Tele Radio Stereo: “Pallotta lancia messaggi d’amore a Monchi, ma non è nuovo a queste esternazioni: fu rapito anche da Garcia… Il presidente ha lanciato qualche frecciatina a Sabatini, ma la Roma in questi anni si è mantenuta grazie alle plusvalenze dell’ex diesse”.

Giulia Spiniello a Romanews Web Radio: “Il rinnovo di Nainggolan è un atto di forza da parte della Roma, che tiene un giocatore che volevano tante squadre. Senza Totti, ormai è lui l’uomo immagine della Roma e lui sa di poter diventare un riferimento per la squadra. Per quanto l’età, il suo processo di crescita è segnato anche dagli allenatori, a Spalletti va dato merito di avergli trovato quella posizione più offensiva, che gli ha permesso di essere più incisivo in zona gol. Non solo spero che migliori, ma che non perda le motivazioni che aveva la scorsa stagione, quando voleva dimostrare di meritare il rinnovo a certe cifre. Non lo vedo un calciatore del genere, ma spero che non accada. Il centrocampo della Roma? E’ tra i più forti d’Italia, anche se poi va visto sul campo. Ma quello della Roma è sostanzialmente rodato e Gonalons è l’innesto che serviva per far tirare il fiato a De Rossi e rimpiazzarlo in caso di squalifica. Forse manca il regista dai piedi buoni, ma probabilmente il gioco di Di Francesco non lo prevede”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

36 Commenti

  1. Ha ragione Galopeira,Pallotta non è nuovo alle dichiarazioni d’amore e sopratttutto non disprezzi Sabatini,se Monchi sta facendo il mercato lo deve ai 120 milioni che Saba gli ha fatto incassare, con 80 milioni di plusvalenze,non c’è bisogno che per adulare Monchi si debba disprezzare il Saba,un po’ di correttezza ogni tanto non guasterebbe.

    • Si è vero Fabiano, queste dichiarazioni sono pesanti e alcune forse si potevano evitare, più in basso ho scritto un post sulla questione Milan che tra tutte le dichiarazioni mi sembrano le più importanti anche perchè stiamo rivivendo una situazione già vista anni fa con la lazio.
      Però io vorrei sentire o leggere le dichiarazioni originali, non quelle tradotte, in altre circostanze le traduzioni non erano proprio corrispondenti a quanto effettivamente dichiarato nelle interviste.

    • Si ma quante minus valenze, non ci scordiamo che l’acquisto più caro finora della Roma è Iturbe, costato tra procuratori che il Saba elargiva lautamente, 27 milioni, e adesso non lo vogliono neanche in prestito almeno che la Roma non paghi parte del lauto stipendio 2,7 milioni netti per 5 anni. Poi c’è ne sono di altre bufale prese dal Saba, che sommate si sono rimangiate abondantemente le plusvalenze.

  2. Alla fine degli anni 90 nessuno (anche se lo sapevano tutti) intervenne per fermare il “doping finanziario” di Cragnotti (che per quelle vicende è stato condannato in sede definitiva anche dalla cassazione mentre la Federcalcio come le 3 scimmiette non ha visto ne sentito).
    Ora con il Milan si sta ripetendo la stessa cosa ancora una volta nel silenzio omertoso di Tavecchio , dell’Uefa e dei Presidenti di A. Tranne Pallotta che lo ha detto a chiare lettere.
    Non so se la traduzione fatta nell’intervista di ieri sia corretta ma non le ha mandate a dire….ma la gravità non è in quello che ha detto ma in quello che si sta permettendo di far fare al Milan che spende cifre folli tra mercato e ingaggi e la proprietà ha la spada di damocle di un debito ( debito fatto per pagare Berlusconi e comprare il Milan) che forse non riuscirà nemmeno a saldare. Insomma il Milan nemmeno poteva essere iscritto al campionato. Per me il campionato nasce già falsato.

    • Anto sono d’accordissimo con te sulla questione Milan,ma questo non è che lo specchio di altre situazioni che si sono consumate in questi anni,con un potere politico economico in cui hanno fatto il bello e cattivo tempo(rube e milan),d’altronde se Tavecchio lo volevano lotito e galliani un motivo ci sara’ o no?un caro saluto

  3. Renga: Nainggolan andrà al Chelsea
    Melli: Nainggolan ha dato la parola a Spalletti, andrà all’Inter
    Focolari: Nainggolan non è giocatore che può aspirare a vincere a Roma, andrà all’ Inter almeno si leva delle soddisfazioni(stesso pensiero di Melli).
    Orsi: Nainggolan ha già firmato con l’Inter, prima di Spalletti ed ritroverà Strootman e Rudiger In nerazzurro.

    Ora, vorrei, ma so che non è così, che qualcuno facesse mea culpa, in compenso rispondo con un
    Ollelè Ollalà Rdja resta qua Radja resta qua…
    Sempre Forza Roma
    Franco Mr.Jamiros

  4. Radja è il più grande colpo di questo mercato, spostava gli equilibri in qualsiasi squadra figuriamoci in una che vantava il titolare della nazionale italiana e di quella olandese, 3 centrocampisti rognosi e con piedi niente male e capaci in zona gol e, all’occorrenza, ottimi nella fase difensiva.
    Un centrocampo così nessuna squadra italiana lo possiede e se la Roma è arrivata seconda a – 4 dalla Juventus il segreto è solo lì, non certo per la difesa e neanche per l’attacco dove mancavano i “vice”.
    A renga levateje er vino: Manolas/ Boateng la Roma ci guadagnerebbe?????? Ma oltre al vino cambia anche spacciatore!

    • @Lupo,non l’ho visto ancora giocare e quindi non posso dare giudizi,anche se tutti ne parlano bene anche se ha pessimo carattere,comunque si è capito che ci costerebbe dai 35 ai 40 milioni e con quella cifra prenderei Berardi che non fa la coppa d’Africa e non fa il ramadan e poi,scusate ,è Italiano.Altrimenti provo per Deulofeu che costerebbe la meta’ e con il resto comprerei un centrale veloce,Poltano è un buon giocatore ma è meno fantasista ed a noi ci serve qualcuno che salti l’uomo con le difese chiuse,un caro saluto

  5. No vi prego. Non ricominciamo con Politano e nomignoli vari. Poi tutto questo Sassuolo: Defrel, Berardi, Politano, Acerbi, Di Francesco, Ricci, Mazzitelli,ecc., ecc. sembra che parliamo del Barcellona, invece è la squadra che si è piazzata dodicesima in campionato! O si prende uno forte forte da fare la differenza o meglio tenersi Sadiq e Tumminello sperando che El Sharaawy si rimetta al più presto.

  6. A rega’ famo pace…… pace cor cervello ve prego!!!! “Sabatini è uno scempio sei il male della Roma!!!! ”
    “Sabatini solo plusvalenze sei un perdente”……
    Mo “pallotta non deve parlare male di Sabatini perché è grazie a lui che ha 120 milioni di euro”……
    “No pallotta non può parlare male perché Sabatini alla fine non ha vinto ma ha fatto bene….”….
    “Per vincere servono i campioni pallotta no i giovani”….
    “Ao….. ma 35 milioni per uno che ha vinto là premier con il Leicester e vinto miglior giocatore dell anno della premier sono troppi….. dai prendiamo politano o DELOFEU!!!!!!! “…. a rega’….. aaaa regaaaaa’ stiamo sfaciolando nel più classico romanzo romano che esiste da sempre…… e che speravo non accadesse……. non fate il gioco di radio e giornali vi prego… nun sfaciolate!!!! Tifate!!!!! Ve prego nun bestemmiamo…. vi prego non diciamo tutto il contrario di tutto!!!!! Tifiamo tifiamo e tifiamo!!!! Abbiamo fiducia!!!!! Daje forza Roma!!!!!

    • @Balbo ma perche’ questo maledetto vizio di tirar fuori le radio quando qualcuno esprime un parere . o una critica piu’ che legittima.Io ragiono sempre col mio capo e le rdio Romane neanche le conosco,abitando in Toscana,è vero l’Algerino è stato il miglior giocatore ma 2 anni fa e sembra che non si sia ripetuto e prima di 2 anni fa non era nessuno,per me puo’ essere fortissimo ma se dovessi scegliere prenderei Berardi,è un parere come tanti altri e sicuramente posso sbagliarmi,ma le radio non c’entrano niente.Quando ho letto che Pallotta se ne va se non fanno lo stadio,la mia prima reazione sarebbe stata”Arrivederci”ma poi ho razionalizzato e pensato che se va via lui non c’è nessuno e l’imprenditoria Romana non esiste o si volta da un altra parte,questo non vuol dire che dobbiamo fare di Pallotta un “Santino”,anche lui ha fatto i suoi errori anche se li scarica sempre su qualcun altro,questo non vuol dire che io non tifi per la Roma anzi,come dice Lupo,è proprio per il nostro amore sconfinato per la maggggica che qualche volta facciamo qualche critica,ma non è disfattismo ne cervello in guerra,sii buono Balbo io ti stimo lo sai,ti considero il prototipo del tifoso appassionato,ma lasciami qualche liberta’,un abbraccio e forza Roma come lo sai dire solo tu

      • C hai ragione….. ma io quando m encazzo è solo per la Roma credimi….. non voglio ferire nessuno….. so che a volte esagero nel difendere tutti….. ti dico una cosa Fabiano, io sono con pallotta perché finché Spalletti e allenatore della Roma guai a chi me lo tocca….. va via da Roma…. ciao grazie ma non sei più il mio allenatore!!!! Io voglio tifare tutti quelli che stanno nella Roma e ci vogliono stare per questo ce L ho con manolas o con altri in passato che non facevano il bene della Roma…… ma mi auguro che da dirigenti adesso dovranno per forza dire….”FAREMO grande la Roma!!!!” Al plurale questa volta!!!! Forza Roma!!!dobbiamo aver fiducia in monchi in di fra e nei giocatori!!! È cambiato L approccio quest anno,… è la prima volta che sento giocatori importanti dire che la Roma è un punto di arrivo!!!!! Stima ricambiata anche quando mi incazzo perdonami!!! Ciao

  7. Guarda se qualcuno ha parlato o parla di quello che ha detto pallotta dello spogliatoio. L’altro anno c’era la musica cantavano e ballavano, quest’anno il silenzio assoluto facce indurite ,incazzate. È cambiato qualcosa? Siiiiii. Moreno (cazzuto-cattivo) Gonalons(cattivo-cazzuto) kolarov (cazzuto/cattivo) pellegrini (cazzuto) defrel (cazzuto-cattivo). Sarà un segnale? Adesso venitece a rompe il ca…. O i cog…… Dentro e fuori casa saranno caz…. Loro. Forza Roma forza lupi

  8. Quello che mi lascia un po’ così è che sento spesso commentatori e giornalisti parlare del gioco di Di Francesco, del suo modo di attaccare eccetera eccetera. Non mi pare che il Sassuolo avesso un gioco particolare e così riconoscibile

    • Beh ti pare male allora.
      Due anni fa era considerata la squadra che giocava meglio. L’anno scorso sono andati male, ma la qualita’ e l’impostazione di gioco e’ sempre quella: poi e’ normale che se i giocatori non sono all’altezza allora prendi le batoste. (Non parlo degli anni precedenti perche’ non me lo ricordo)

      Senza andare troppo lontano, pensa alla Roma di Luis Enrique. A me non piaceva, ma con lo stesso tipo di gioco e giocatori all’altezza, ha vinto una Champions. Naturalmente non voglio paragonare quella Roma a quel Barcellona, e’ giusto per dire che l’impostazione e il gioco erano quelli, se cambiano gli interpreti la musica cambia di conseguenza.

      Forza Roma!

  9. Primo: Pallotta non fa nessuna figura dello scemo, almeno per me. Smorza subito le polemiche chiedendo scusa in maniera diplomatica, mettendo quel “se” che mostra nessun passo indietro. Se lui dichiara certe cose non lo fa a caso e non deve giustificare niente a nessuno: chi deve capire lo ha gia’ fatto.

    Secondo: Pallotta ha tutti motivi di essere un po’ perplesso per la situazione Milan, non per il Milan in se, ma per come la UEFA si e’ e si sta comportando. Tra l’altro dimostra il commento di Foschi che probabilmente Pallotta non e’ l’unico a pensarla cosi’.

    Terzo: mi sembra che la macchina di omerta’ e sostegno alle “povere squadre striate” sia gia’ in funzione. Bene, significa che qualcosa di strano c’e’ veramente. Io non ho le compatenze (come il 97% delle persone che scrivono probabilmente) per leggere i conti del Milan e capire cosa sta succedendo. Gli stessi che dicono che e’ tutto scritto “chiaramente” probabilmente (=sicuramente) non hanno nemmeno le competenze. Pero’ e’ altresi’ molto probabile che Pallotta di finanza ne capisca: e’ da stolti pensare che abbia fondato il suo impero sull’ignoranza, la stupidita’ e l’incompetenza. Magari di calcio non ne capisce granche’, ma di finanza si. Se lui rilascia quelle dichiarazioni non lo fa a caso, ma con un’idea ben precisa.

    Detto questo, non succedera’ niente. Ne’ ora, ne’ il prossimo anno, mai. Perche’ siamo in Italia, sicuramente c’e’ il modo per far fare bella figura al Milan. Su questo sono certo.

    Ed e’ a maggior ragione per questo che sto dalla parte di Pallotta.

  10. Gonalons è l’innesto che serviva per far tirare il fiato a De Rossi e rimpiazzarlo in caso di squalifica.

    A me interessa solo questo, i PETTEGOLEZZI ESTIVI lasciano il tempo che trova.

  11. Che polli a pensare che Pallotta sia un frescone!
    Un uomo che partendo dal nulla si è costruito un importante posizione economica, in un mondo, quello finanziario frequentato da super squali, secondo alcuni è lo scemo del villaggio.
    Ecco, lui va a caccia di quelli che la pensano in questo modo. Dopo ne ha gioco facile.
    Provate ad immaginare che abbia voluto accendere i riflettori su un argomento, FPF, che non sempre
    è uguale per tutti. La Roma sono 3 anni che fa i salti mortali per rientrare in questi parametri, dovendo spesso vendere importanti giocatori che magari non avrebbe mai venduto.
    Ha lanciato il sasso non nascondendo la mano, perché questo credo non faccia parte del suo carattere, adesso aspetta di vedere cosa succederà. Gli altri presidenti, belli e tutti allineati, al mare.

  12. Il fpf è stato inventato da monsieur platini per avvantagiare i club piu’ ricchi,con il loro fatturato enorme e quando non arrivano col fatturato,si inventano false sponsorizzazzioni(vedi PSG),tutto questo con il silenzio dell’uefa,Pallotta ha fatto bene a sollevare il problema ma credo che si sia spaventato dell’effetto che ha avuto,comunque Nino non lo facciamo meglio di quello che è,me lo faccio piacere perche’ è l’unico che c’è ma non è una verginella e prima o poi vorrei che qualcuno mi spiegasse come mai dopo 6 anni non abbiamo ancora uno sponsor,visto che ha cambiato piu’ dirigenti che calciatori,farsi leggittimamente queste domande non vuol dire essere contro la Roma ma stabilire delle verita’ a cui i tifosi hanno diritto visto che sono gli unici che tirano fuori i soldi.

  13. L’unico errore di Pallotta è che ha chiesto scusa al Milan….. Fassone fa lo “splendido” rispondendo in macchina come se non volesse perdere tempo… Più cafone lui degli altri. Se lo chiedono a Milano, per primi, (milanisti, interisti e gobbi) dove cacchio prendono tutti questi soldi ‘sti cinesi e Pallotta non può? E perchè? Altro che scemo, tutt’altro……
    Intanto Mahrez non convocato a sottolineare che “Il Fuoriclasse” nella Roma oggi è Monchi… E non finirà con l’algerino il mercato giallorosso, le sorprese non sono finite. Forza ROMA!!!

    • @cucs,intanto ben tornato,era ora,per il resto sono d’accordissimo con te,Monchi non mi dispiace ma io sono sempre prudente nei giudizi,nel bene e nel male,sull’Algerino ho scritto come la penso ma è un mio parere,ma se si rivelasse un fuoriclasse sarei altro che contento,non sono come quel marito che per far dispetto alla moglie,si taglio’ gli zibidei.Non sparire un altra volta,mi piace questo clima di amicizia a prescindere che si è creato tra di noi,un abbraccio e Forza Roma

LASCIA UN COMMENTO