Niente incubi a San Siro: la Roma allontana il fantasma Napoli

0

EDITORIALE ROMANEWS.EU – Luci (accese) a San Siro. Semi-citando le celebri note di Vecchioni, la Roma esce da una settimana complicata strappando tre punti fondamentali al Meazza, stasera vestito di rossonero. Pronti-via la mette in discesa Dzeko, su assist del fido Salah, con il bosniaco che raddoppia già nel primo tempo. Chiudono i conti il Faraone El Shaarawy e De Rossi, dopo che il Milan aveva provato a rialzare la testa accorciando momentaneamente le distanze. Dopo la sconfitta nel derby, lo striscione e i macabri manichini appesi dai tifosi laziali al Colosseo, la Roma non si lascia prendere dalle agitazioni e si riprende di forza il secondo posto. Niente incubi a Milano, il fantasma Napoli è – almeno per questo turno – allontanato.

TESTA A TESTA SERRATO – Perché la Roma torna a prendersi il secondo posto, a +1 sul Napoli a tre giornate dalla fine. Quella seconda piazza che Spalletti ha definito “come uno scudetto” e che nessuno dalle parti di Trigoria vuole perdere per il secondo anno consecutivo. Anche se gli iniziali obiettivi stagionali dei giallorossi erano ben altri, a questo punto della stagione l’ingresso diretto in Champions diventa fondamentale, anche e soprattutto per le casse giallorosse in vista della prossima stagione. Il testa a testa resta con i partenopei resta serrato: Juventus, Chievo e Genoa nelle ultime tre per la Roma, Torino, Fiorentina e Sampdoria per Sarri, con il verdetto che potrebbe farsi attendere fino all’ultima giornata.

SAN SIRO PER TOTTI – Menzione speciale per Francesco Totti, non impiegato in campo ma comunque protagonista a San Siro. Dal primo all’ultimo minuto acclamato dai tifosi rossoneri, prima con una standing ovation all’ingresso, poi con uno striscione e ancora con lungo applauso al mancato ingresso sul rettangolo di gioco. La passerella fino all’ultimo probabile match del 28 maggio all’Olimpico sembra iniziata per il numero 10. “Dal 30 giugno lo vedremo in altra veste”, ha certificato Gandini: affetto e passione smisurata, le lacrime di tutti i tifosi giallorossi – e forse non solo – sono pronte ad omaggiare il compagno di una vita, il capitano della Roma.

Gian Marco Torre

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here