Nicchi: “Il Var sta facendo giustizia, velocizzeremo le procedure”

0

NOTIZIE SERIE A – Si pensava che l’introduzione della moviola in campo, il cosiddetto Var, avrebbe messo a tacere tutto le polemiche sulla condotta dei direttori di gara. Non è stato così, le lamentele continuano ad esserci, soprattutto dopo gli episodi accaduti in Atalanta-Juve. A tal proposito, è intervenuto ai microfoni di Roma Tv, il presidente dell’Aia Marcello Nicchi.

I RISULTATI – “Per fare un bilancio è un po’ presto, fondamentalmente è uno strumento che affinato e messo bene in opera come stanno facendo gli arbitri, secondo me, porterà dei grandi vantaggi. Funziona e funziona bene, in futuro sono convinto che funzionerà anche meglio, comunque si sta facendo giustizia: gli errori, quelli gravi, sono stati cancellati. Ci sono poi elementi molto positivi che dobbiamo tenere in conto, si sono infatti azzerate le ammonizioni per proteste, il gioco violento e ci sono tante situazioni di campo che portano serenità. Gli arbitri entrano tranquilli perché hanno un paracadute importante e sanno che se dovessero commettere un errore, avrebbero modo di correggerlo”. 

IL FUTURO – Nelle prossime sette giornate gli interventi si dimezzeranno perché si parlerà molto di più via cavo e solo le situazioni importanti comporteranno il fermo del gioco, ad esempio, mentre un giocatore si appresterà a battere un calcio d’angolo, ci sarà già qualcuno che avrà rivisto tutto. Velocizzeremo le procedure poiché è questo ciò che c’è da fare. Le statistiche affermano che il tempo in più al termine delle partite, facendo una media, ammonta ad un minuto e cinquanta: ci sono gare con zero interventi e altre con interventi da 10 minuti. Voglio ricordare però che il protocollo internazionale dice una cosa molto semplice: “metteteci il tempo che ci vuol pur di prendere la decisione giusta”, questo contrasta in merito a ciò che vogliamo fare però è evidente che più si farà alla svelta, meglio sarà. Un domani probabilmente ci sarà anche il tempo effettivo”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here