News della giornata. Totti e Spalletti dividono Roma, Perotti punta la Juve, Stadio verso la delibera

1

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un unico articolo: buona lettura!

SPALLETTI-TOTTI – All’indomani della vittoria esterna contro il Milan, tiene banco in casa Roma la vicenda Spalletti-Totti. A tal proposito, il presidente James Pallotta interviene direttamente da Boston: “L’allenatore ha fatto il cambio giusto, se avesse messo Totti gli ultimi cinque o sei minuti qualcuno avrebbe detto che non sarebbe stato rispettoso”. Intanto le parole del tecnico toscano scatenano il popolo del web: “Le minestre riscaldate sono sempre riscaldate”. Sulla questione, si esprimono anche Maria Sensi (“La società ha provato a fare fuori Totti con tre allenatori diversi”) e Cesare Prandelli, ex commissario tecnico della Nazionale (“Spalletti all’inizio è stato chiaro, chiedendo che la gestione di Totti fosse di tutti. Invece, nel momento della difficoltà rimbalza sempre sull’allenatore”).

THE DAY AFTER – Sconfitto il Milan a San Siro, la Roma torna a lavorare a Trigoria in vista della sfida contro la Juventus. Scarico per chi ha giocato ieri, mentre svolgono lavoro individuale Grenier e Strootman. Proprio l’olandese salterà la sfida di domenica prossima contro i bianconeri per squalifica. Da valutare le condizioni di Dzeko e Nainggolan (risentimento al polpaccio), che domani si sottoporranno agli esami strumentali. Rientrato, invece, l’allarme per il fastidio alla caviglia di Perotti, che ai microfoni di Roma Radio dichiara: “Sto bene, ieri ho preso una botta ma per fortuna non la caviglia non si è gonfiata e in un paio di giorni spero di recuperare”.

DZEKO AL COMANDO – Edin Dzeko si prende la scena a San Siro e la vetta della classifica marcatori. Il gigante bosniaco realizza una doppietta contro il Milan e consente alla Roma di mantenere il secondo posto in classifica con un punto di vantaggio sul Napoli. L’attaccante giallorosso raggiunge quota 27 reti in Serie A e diventa il principale indiziato, secondo i bookmakers, a vincere il titolo di capocannoniere.

CALCIOMERCATO – Secondo i tabloid inglesi, il Chelsea guarda in casa Roma per il prossimo mercato: pronta un’offerta da circa 80 milioni di euro per Nainggolan e Rudiger. Sul belga e sul tedesco, c’è anche l’Inter, pronta a fare follie per portare i due giocatori a Milano. Il Tianjin si rifà sotto per Edin Dzeko: offerto un contratto da 20 milioni di euro a stagione. L’Atletico Madrid, invece, segue da vicino El Shaarawy: presenti ieri a San Siro alcuni emissari del club. Il Napoli continua a lavorare per il portiere del futuro: nel mirino Szczesny e Skoruspki, in uscita dalla Roma.

STADIO DELLA ROMA – Durante la seduta di venerdì verrà votata la memoria di giunta sul progetto dello Stadio della Roma, che metterà nero su bianco il progetto così come rivisto, a febbraio scorso, dall’accordo tra la sindaca Virginia Raggi, la società giallorossa e il costruttore Luca Parnasi. Come rivela l’Agi, il testo, a firma dell’assessore all’Urbanistica Luca Montuori, dovrebbe contenere i punti già fissati il 23 marzo in un ordine del giorno votato in Assemblea Capitolina dalla maggioranza M5S. La palla passerà poi all’aula, chiamata a varare entro il 15 giugno una delibera contenente tutti i dettagli dello studio di fattibilità. Solo a quel punto potrà partire l’iter per istituire la seconda conferenza dei servizi, a cui partecipano Campidoglio, Regione Lazio, Città Metropolitana e Governo.

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – Tema di giornata, sulle radio romane, sono le parole di Luciano Spalletti nel post Milan-Roma. Ne parlano Max Leggeri (Centro Suono Sport): “Sentirmi dire che Spalletti non tornerebbe dopo questo modo continuo di cambiar pelle, mi offende profondamente in quanto romanista”, Furio Focolari (Radio Radio) “Ha ragione Spalletti: se fa giocare Totti 5 minuti lo prendono in giro… Se noi siamo onesti dobbiamo dire che tante volte abbiamo criticato Spalletti perché lo ha fatto entrare negli ultimi minuti o in partite inutili” e Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “L’unico argomento di cui si vuol discutere è Totti, non interessa più nient’altro a nessuno, nemmeno chi sarà il prossimo allenatore della Roma. Se Spalletti tornando indietro non firmerebbe per la Roma, figuriamoci ora…”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. La Roma è divisa dai tottiani soltanto. Spalletti fa l’allenatore di tutta la squadra e non il personal trainer di Totti, che a sua volta fa il birichino ammusato (alla sua età!) confortato dai personali supporters, dalle radio e media locali e dalla consorte occasionalmente. Non ci sarebbe nessun problema se ciascuno si limitasse al proprio compito senza furberie. Peccato questa campagna anti Spalletti pervicacemente perpretata per mandarlo via con il non tanto segreto obiettivo di rimettere in campo lo statico capitano pensionando. Povera Roma!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here