Monchi: «Voglio trofei per la Roma»

21

IL TEMPO – C’è una rivoluzione in sospeso nei piani di Monchi, e tanti trofei da vincere con la Roma. A giugno non potrà evitare un mercato movimentato in primis in uscita e poi in entrata, perché bisogna far quadrare i conti della società e al tempo stesso rinnovare la rosa mantenendola competitiva. «Voglio costruire una Roma più vicina a quello che i tifosi desiderano, ora siamo distanti dal nostro obiettivo», ha chiarito il diesse alla fine di un mercato che ha condizionato i giallorossi in campo e scatenato la bufera sugli spalti. Ma è proprio l’ambiente caldo che ha conquistato subito lo spagnolo, nel bene e nel male: «Sono innamorato di questa società da quando sono arrivato, ho capito presto – ha confessato a Sky nella trasmissione “L’Originale” – quanto amore hanno i tifosi. I numeri sono importanti per il club, per loro sono importanti i trofei, le vittorie, è importante che nei prossimi anni arrivino. E’ quello che mi manca qui, in bacheca arriveranno. Io capisco i tifosi che non vogliono sentir parlare di plusvalenze, promesse o progetti, ma prima dobbiamo gestire la società per trovare la strada giusta e far vincere ma con una società che può farlo continuativamente. Chiedo solo fiducia nel mio lavoro». La traccia è scritta, ma quanto ci vorrà per arrivare a dama è difficile da dire: «Il mio obiettivo è fare quello che i tifosi hanno in testa, c’è bisogno di tempo, il movimento si dimostra andando, dobbiamo stare più zitti e lavorare di più, così prenderemo la strada giusta per arrivare dove loro vogliono».

Nessun rimpianto per l’addio di Salah, che nella cinquina del Liverpool al Porto ha segnato il 30esimo gol stagionale: «Ci abbiamo fatto 50 milioni coi bonus, in quel momento avevamo bisogno di fare questa cessione, dopo il casino di Neymar sono saltati gli schemi del mercato e ora anch’io penso che non è il prezzo migliore per “Momo”, ma in quel momento non potevamo fare altro». Dzeko invece non era convinto della destinazione Chelsea e alla fine non se n’è fatto nulla. Monchi per sostituirlo aveva pensato a Giroud, sui cui poi ha ripiegato il Chelsea, o a quel Batshuayi che i Blues gli avevano offerto prima di girarlo al Borussia Dortmund. L’alternativa era un esterno top secret. Tutto questo scenario sparito in una nuvola di fumo di Londra potrebbe tornare d’attualità a campionato concluso, con la differenza che ci sarebbe più tempo per cercare il sostituto perfetto. La Roma, secondo la proiezione attuale, dovrà registrare una plusvalenza da 30 milioni a giugno per raggiungere il fatidico pareggio di bilancio imposto dal Fair Play Finanziario (verso maggio il club conoscerà la punizione della commissione Uefa per non aver rispettato gli accordi l’estate scorsa). Champions e sponsor potrebbero impattare in maniera positiva sui ricavi e modificare le prospettive, in meglio, e ridurre il gap da colmare con le cessioni. Monchi spera nell’Europa: «La Champions rappresenta tanto per noi, è un’occasione per fare cose importanti per noi e per i nostri tifosi. Anche per me, non sono mai arrivato al quarto di finale e sarebbe bello farlo». Per costruire un futuro vincente.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

21 Commenti

  1. Monchi voglio I trofei per la Roma.
    Manco è arrivato è ha svenduto SALAH.
    Farebbero più bella figura a dire, non abbiamo soldi per competition siamo costretti a svendere per comprare, così stanno le cose, prendere o lasciare.
    Meglio una amara verità che mille bugie.

  2. Ragazzi ma perché continuate a sparare a zero su monchi, pallotta e la società?? Ci sono delle regole (FairPlay finanziario) imposte dalla Uefa che se giuste o sbagliate vanno rispettate!! Se bisogna far quadrare i conti a tt i costi, che colpa ne ha la società? Pensiamo a tifare invece de stasse sempre a lamenta!
    Forza maggica sempre!

    • beh… il fpf e’ sicuramente un problema, pero’ non mi sembra che si spari a zero tanto per farlo…schick, moreno, karlsdorp e compagnia bella non hanno potenziato la rosa…anzi…anche io tifo roma da 50 anni e ne ho viste di tutti i colori, pero’ questa societa’ e’ ridicola…
      FORZA MAGICA SEMPRE

      • Sì ma fino a ieri nella tua (“tua” in senso lato) “lista di proscrizione” c’era anche Under, oggi guardacaso è scomparso perché ha fatto 1 assist e 3 gol in 2 prtite (magari per rientrarci domani)… un po’ di equilibrio aiuterebbe, e basta poi co’ sta storia del tempo da cui uno tifa la maggica… come se ti rendesse più credibile di uno che la tifa da 1 anno, o da 5.
        Vogliamo tutti la stessa cosa, solo a questo dovremmo pensare, perché basterebbe concentrarsi su questo per trovare almeno un po’ di quel benedetto equilibrio!
        FORZA MAGGICA!

        • Caro signore, innanzitutto mi piacerebbe sapere la sua eta’…giusto cosi’ per curiosita’…poi under l’ho dimenticato in buona fede, poiche’ non ha dimostrato nulla e ancora non ha dato nulla (verona e benevento sono squadre ridicole)…per quanto riguarda l’equilibrio…beh…qui ci vorrebbe ben altro che un forum…le dico solo che io negli ultimi 10 anni solo una volta ci ho creduto allo scudetto, ovvero dopo la vittoria nel derby nel 2010…per il resto, aria fritta…ossequi

          • Caro alex69, la mia età -ribadisco il concetto- è completamente irrilevante.

            Mi sto semplicemente appellando all’equilibrio che manca alla maggior parte delle persone che scrivono qui dentro (e parlo di utenti visto che sui giornalisti di certo ed evidentemente non possiamo contare).
            E tu, anzi “lei” visto che mi dà del lei, dimostra di non essere da meno: se davvero tifa da 50 anni (quindi da prima ancora di nascere se quello del nick è l’anno di nascita 🙂 ) dovrebbe sapere meglio di tanti altri che un giocatore che abbia delle qualità, appena arrivato, va aspettato; e che se lo si aspetta è facile che poi quelle qualità le metta in evidenza (il primo nome che mi viene in mente: W. A. SAMUEL).

            Moreno? Sinceramente non ha avuto tempo di dimostrare granché, è stato preso come uno dei migliori giocatori messicani in circolazione, ma fidiamoci del mister che gli ha quasi sempre preferito altri; in ogni caso non è più questione che ci riguardi.

            Karsdorp? Veramente lei è in grado di dire se Karsdorp abbia o non abbia aumentato il livello della rosa? Ma allora è un indovino, fossi in lei mi farei pagare per questa sua dote 🙂

            Schick? Schick sta avendo difficoltà di inserimento -anche- perché non ha praticamente mai fatto il centravanti, ma sicuramente -anche- per demerito suo. Detto ciò, però, la sfido a dire che -non- abbia qualità… come detto prima: diamogli tempo.

            Under? Under le sue qualità le sta facendo vedere, finalmente, dopo un po’ di rodaggio. Verona e Benevento sono due squadre ridicole, contro le quali però era indispensabile fare 6 punti, i quali 6 punti li abbiamo fatti grazie a lui.

            Ci aggiungo anche Gerson: Gerson a sua volta inizia a far vedere le sue qualità. Entrambi questi ultimi (e a parte Karsdorp che al momento è impossibilitato a farlo) sono molto giovani e dunque per mostrare le qualità devono poter giocare con un minimo di regolarità; al contrario di gente più esperta che sa anche come entrare più in fretta nella partita.

            Tutto ciò lei in pratica lo riassume con “questa società è ridicola”. Come dicevo prima: equilibrio, questo sconosciuto.
            Poi, certo, non basterebbe un forum, e almeno su questo siamo d’accordo 🙂

    • Paolo è inutile che glielo spieghi è tempo perso! qui dentro è pieno di tifosi “moderni” che cambiano opinione a secondo di come tira il vento..ricordo di quando si diceva che salah era na pippa perché sbagliava tanti gol facili e adesso gli stessi lo rimpiangono. Oppure l isterismo di quando andò via il polacco perché si diceva che Alisson non dava garanzie e che ci saremmo indeboliti, e oggi invece tutti a osannarlo! Under era uno scarso che non poteva giocare nemmeno in primavera, oggi invece lo reputano un grande talento. E vedrai che quando schick incomincerà a fare gol a grappoli i grandi intenditori di calcio che oggi lo massacrano cambieranno ancora una volta idea…perché il tifoso “moderno” è fatto cosi, non sa cosa sia la coerenza e soprattutto piange piange piange piange piange invece di anda allo stadio! scusa lo sfogo Paole

  3. tradotto in italiano: a giugno servono 30 cucuzze o giù di lì per andare almeno in pareggio…. poi mi raccomando spendete di nuovo cifre assurde per giocatori scarsi, così l’anno dopo dovete fare altre plusvalenze e così via… tristezza pura…

  4. Caro Luca , ma è chiaro a tutti che i soldi non ci sono e per essere competitivi devi fare plusvalenze. Preferivi forse giocatori di minor costo e minor valore? Però non ti lamentare se poi saremmo stati a metà classifica. La scelta della società è quella di avere costi più alti per poter competere su più fronti. Scelta rischiosa se i giocatori scelti non rispondono alle aspettative. Sono loro i più grandi responsabili della classifica attuale.

    • ciao lupo, prendiamo atto delle parole di Monchi e restiamo in attesa di verificare la crescita della società e diamogli pure fiducia, tanto noi romanisti siamo abituati ad attendere. Mi piacerebbe però che qualche giornalista gli chiedesse se si ritiene soddisfatto della campagna acquisti estiva e dell’apporto che hanno dato finora i giocatori (ovviamente non mi riferisco a Kolarov) . Visto che siamo quasi a marzo credo che un primo bilancio si possa fare senza essere accusati di disfattismo…

      • @Nikita . Ciao, ritengo che sarebbe interessante come domanda ma temo di sapere già la risposta..Un quasi simile al ” Sempre e ovunque si può fare di meglio ” e se la caverebbe ugualmente. Però gli do atto che qualche colpa ha iniziato a prendersela anche se è poca cosa rispetto al danno fatto.

  5. Io penso che nessun tifoso vero della Roma ancora non abbia realizzato che esiste il FPF. Infatti nessuno chiede Neymar, Messi e compagnia cantante durante il mercato estivo. Quello che si chiede è di non comprare gli scarsoni pagandoli a peso d’oro, il che comporta esposizione debitoria in bilanzio maggiore degli utili e obbligo di vendere al prossimo giro. E’ così difficile non spendere soldi per mezze calzette? Cominciate da questo e poi parliamo di coppe e coppette, che non vengono da sole ma bisogna preparare un percorso, che non può essere quello di cominciare da 0 tutti gli anni.

    • È così difficile smetterla di pensare di sapere meglio di Monchi QUALI altri giocatori sarebbero stati migliori fra quelli COMPRABILI? Perché a giocà a FUT semo bòni tutti eh?
      Mamma mia oh! 🙂

      • Per Marks….Le rispondo al messaggio di prima…sorvolo sul sarcasmo del mio nick, poiche’ 69 potrebbe significare una marea di cose…comunque sia,ognuno ha il suo modo di vedere le cose, ci mancherebbe.. l’analisi che ha fatto e’ dettagliata ma da me non condivisa…mi spiace, forza roma e ognuno con le sue idee…arrivederci

  6. Si ma alla fine sti scarsoni a peso d’oro chi sarebbero ? E’ facile parlare con il senno di dopo.

    Moreno noi non lo conoscevamo e non si è adattato. Ma comunque non certo pagato a peso d’oro.

    Gonalons , anche lui non certo pagato a peso d’oro, aveva un ottimo curriculum e ne eravamo tutti contenti al momento dell’acquisto.

    Su Under ci stiamo gia ricredendo. Kolarov bene …… a Schick proprio non gli vogliamo dare tempo ?

    Karsdorp sicuramente forte, magari si poteva comprarlo non rotto …. Ma comunque visti i prezzi attuali del mercato internazionale , a parte Schick gli altri sono stati tutti comprati abbondantemente sotto il tetto dei 20 milioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here