Manolas allunga

10

RASSEGNA STAMPA AS ROMA – Finalmente è arrivato il momento: Manolas è ad un passo dal rinnovo del contratto. Come riporta il Corriere dello Sport (G. D’Ubaldo), le parti sono molto vicine a un accordo, per un prolungamento fino al 2022, con ingaggio che si avvicinerà ai 3 milioni a stagione. Monchi, direttore sportivo della Roma, ha in programma un incontro con il procuratore del greco durante la sosta del campionato. Nel contratto potrebbe essere inserita una clausola rescissoria di circa 30 milioni.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

10 Commenti

  1. Clausula no. Poi se si deve propio mettere mettiamola 50 visto le cifre che circolano questi giorni.
    Noto (con sconcerto) che un certo Doumbia ha na clausula di 60 millioni al Sporting.

    • Ciao, rispondo a te, ma vale un po’ per tutti. Posto che “potrebbe essere inserita” la clausola, quindi nulla è ancora stabilito e niente è ancora certo, e ci sono mille possibili varianti per ogni clausola (solo all’estero, solo il mese di luglio, etc), ricordiamoci sempre che il contratto va fatto in 2. Da una parte la società e dall’altra i procuratori. Noi non sappiamo se i procuratori di Manolas magari spingono per una clausola da 10 milioni perché vogliono mandarlo quest’estate da un’altra parte. Non sappiamo se ci sarà veramente una clausola, non sappiamo se sarà di 30 milioni e non sappiamo, né potremo mai sapere, se quella cifra sarà il frutto di quali trattative. Magari è il miglior negoziato possibile (tra Roma e calciatore). Poi, ovvio, anche io vorrei una clausola da 100 milioni e magari qualche sceicco ce casca.
      p.s.
      Per Doumbia, magari se i tifosi stessi della Roma non lo avessero fischiato aggratis, si riusciva a valorizzarlo un po’ di più. Magari.

      • D’accordo su tutto. Soprattutto su Doumbia. Arrivato cotto dopo aver TERMINATO la stagione russa ed essere andato a fare la Coppa d’Africa, era completamente fuori forma e ad inizio vacanze, praticamente. Come se un nostro giocatore si presentasse alla sua nuova squadra dopo la fine del campionato e dopo aver disputato il Campionato Europeo. E’ chiaro che non ci sei nè con la testa nè con il fisico. Sbagliato è stato credere di poter risolvere i problemi di formazione a Gennaio con un giocatore in queste condizioni di preparazione. Doveva essere considerato un investimento per stagione successiva. Poteva essere sfruttato per pochi minuti in qualche partita e poteva approfittare per conoscere l’ambiente, imparare l’italiano e trovare l’amalgama nello spogliatoio. Non si tratta di un campione, ma dovunque abbia giocato ha fatto i suoi gol ed è sempre stato una spina nel fianco delle difese avversarie. Per me, oggi, sarebbe potuto essere un vice Dzeko, più di Defrel.

  2. Allunga con clausola a trenta milioni praticamente ridicola, per un calciatore del suo valore.
    Quindi la politica non cambia mai, si vende anche costo di svendere pur di incassare.

  3. Le altre società mettono clausole ultramilionarie come a dire: se vuoi il giocatore lo paghi tanto.
    Mettere una clausola bassa invece significa che il prezzo è quello e quindi chi lo vuole può farsi tranquillamente avanti, e se il giocatore dovesse fare una stagione fenomenale, sarebbe un affare per chiunque!
    Manolas ha 26 anni ed in questo momento trovare un difensore centrale sul mercato è un’impresa ardua.
    Le clausole non servono a stabilire un prezzo al giocatore ma a dire alle altre squadre che se la Roma volesse cederlo se ne potrebbe parlare, al contrario invece si dovrebbe pagare un prezzo più alto del suo valore.
    30 milioni è un prezzo ridicolo. Già siamo stati fregati dalla Juventus per Pjanic, quindi la lezione non è servita?
    Mettessero una clausola a 70 milioni così da provare a guadagnare di più in caso di cessione! Così dovrebbe comportarsi una società.

  4. Certo che siamo proprio abbocconi! Basta che un giornalista tiri fuori un articolo su un contratto e diventiamo tutti commercialisti e finanzieri (con i soldi degli altri) e magari non siamo neanche capaci di vendere bene la nostra automobile. E’ ancora tutto in aria per Manolas. Calmatevi con tutti questi commenti negativi! Ho la presunzione di dire che c’è gente in Società che è più capace di me in queste cose, non so di voi.

  5. e’ inutile…non ci arrivate…e siete sempre tanti eh…non si riesce a capire come non vi entra in testa…la clausola rescissoria e´ un ulteriore elemento di negoziazione nei contratti… devon esser d´accordo entrambe le parti riguardo l´entita´… quindi… il club ovviamente spinge per metterla piu´ alta possibile..l´agente del calciatore piu´ bassa… nei casi come quello di manolas in cui la scadenza ormai e´ vicina, il potere negoziatorio e´ decisamente maggiore per l´agente, il discorso diventa..o clausola a 30 o niente rinnovo e l´anno prossimo ad un anno dalla scadenza del contratto lo dovete cedere anche a meno di 30 visto l´imminente svincolo…ancora c´e´ chi pensa che la clausola la mette la societa´ a prescindere dalla volonta´ di agente e giocare…e´ davvero scoraggiante questa cosa, proprio lacune enormi per quanto concerne le piu´ elementari nozioni riguardanti i contratti, e vi permettete pure di commentare…troppa liberta´ di parola a chi non dovrebbe proprio mai aprire la bocca e dar fiato ha dato il web

  6. Grazie…purtroppo nessuno capisce che in questo caso è il procuratore a spingere per avere una clausola il più bassa possibile e, dato che l’estate prossima con il contratto in scadenza andrebbe via per molto meno, ha il coltello dalla parte del manico…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here