MANDOLESI: “L’assenza di GERVINHO ha compromesso sia la stagione scorsa che quella attuale” 

0

SENTI CHI PARLA… ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu, “Senti chi parla… alle radio”, diventa quotidiana. Ogni giorno, in questo spazio, potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano, raccolti dalla nostra Redazione

(AGGIORNA)

Alberto Mandolesi a Centro Suono Sport: “C’è un comune denominatore tra i quattro pareggi consecutivi che compromisero la stagione scorsa della Roma, e i quattro consecutivi che, con ogni probabilità, l’hanno compromessa quest’anno: l’assenza di Gervinho. E’ lui la marcia in più di questa squadra. E’ sempre lui, la causa della ‘pareggite’ giallorossa”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Complimenti al settore giovanile della Roma e un plauso particolare a Bruno Conti che è la storia della Roma e sta proseguendo negli anni a scoprire grandi talenti. In questo senso si sta sottovalutando la forza di Daniele Verde che tra le tante doti, ha dimostrato una personalità spiccata, una cattiveria agonistica che gli ha permesso di fare la differenza all’esordio dal 1′ in serie A. Spero che Garcia sfrutti l’entusiasmo e la voglia di questo ragazzo anche nelle prossime gare”.

Francesco Casano a Centro Suono Sport: “Sono convinto che Garcia schiererà ancora Verde nelle prossime partite, non solo perchè ha avuto un impatto decisivo con la Roma dei grandi, ma soprattutto perchè fisicamente è uno dei calciatori più in forma. Nelle prossime tre settimane la Roma si gioca sostanzialmente la stagione, l’obiettivo primario è passare il turno di Europa League e poi magari provare a battere la Juve per riaprire il discorso Scudetto”.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Non riproporrei Verde dal 1′ minuto col Parma, nonostante abbia fatto una grande partita, ma con il ritorno di Gervinho e Doumbia, Garcia sicuramente inserirà qualche titolare in più. Non si deve sottovalutare il Parma, che è in difficoltà economiche, ma ha calciatori che sicuramente giocheranno con orgoglio”.

Luigi Esposito a Centro Suono Sport: “Se fossi Garcia riproporrei Verde solo dopo aver valutato le condizioni fisiche di Gervinho e Doumbia, magari se i due ivoriani non fossero al meglio delle condizioni. Vedo la Juve superiore alla Roma, nonostante sia ancora tutto aperto. Per vincere lo scontro diretto servirebbe la Roma di Manchester”.

Angelo Di Livio a Centro Suono Sport: “Riproporrei Verde dal 1′ domenica perchè sta vivendo un periodo di autostima incredibile, perchè Totti e Ljajic stanno giocando con qualche acciacco di troppo e perchè non sappiamo come torneranno Doumbia e Gervinho. Ero preoccupato per la trasferta di Cagliari, soprattutto a causa delle assenze. Dopo la vittoria di domenica la squadra deve prendere forza e provare a lottare per lo Scudetto”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Io col Parma mi giocherei l’entusiasmo di Verde anche perché Ljajic non sta bene e Florenzi potrebbe essere arretrato a destra con Torosidis spostato a sinistra. Occhio però all’equilibrio. Una settimana fa si diceva che Verde fosse più scarso di Piscitella, oggi che e’ più forte di Iturbe. A Gervinho basta un allenamento mentre per Doumbia credo si profili la panchina anche perché deve sbrigare alcune questioni burocratiche e rischia di perdere un altro giorno”.

Andrea Pugliese a Tele Radio Stereo: “Uçan è stato molto sfortunato perché ha avuto un paio di infortuni che lo hanno bloccato quando stava per entrare nei meccanismi della squadra. Nel precampionato mi era piaciuto parecchio, l’impressione è che diventerà un giocatore vero. Per quanto riguarda la Coppa d’Africa mi aspettavo che gli ivoriani tornassero prima a Roma, non dopo tre giorni. Immagino che come Gervinho tornerà giocherà subito, anche per dare riposo a Totti. Garcia credo stia ragionando sempre di più sull’idea di arretrare definitivamente Florenzi. Mi sta colpendo sempre di più la crescita di Paredes.”

Maurizio Catalani a Rete Sport: “Nainggolan e Strootman guai a chi li tocca. Strootman dopo Totti è l’unico vero fuoriclasse che ha questa squadra. Credo che vicino a Castan, Manolas potrebbe avere una crescita. Pjanic invece ha degli ottimi piedi ma a me non piace, è un giocatore che ritengo impalpabile. Se devo scegliere tra Iturbe e Pjanic mi tengo Iturbe, come mi sarei tenuto Benatia tra lui e il bosniaco. Questo è un campionato figlio di un Dio minore. Quest’anno, devo dire la verità, c’avevo sperato. E invece la speranza si è infranta contro un muro.”

Tonino Cagnucci a Roma Radio: “Quando la Roma vince è tutto un tono più su. La Roma è una parte della mia vita, la Roma per me è luce, il sole. È marchiata a fuoco, forse anche di più. È lo stadio pieno, la luce, i colori. La Roma, tutti i giorni, mi dà qualcosa. È inesauribile. Mi devi dire un’altra cosa che ti fa socializzare come la Roma. La Roma in questo mese e mezzo è stata abbastanza logorata dal punto di vista psicologico ma ne usciamo abbastanza in piedi, possiamo ancora sognare. Roma-Parma è una partita da vincere”.

Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo (2): “Gervinho non avrà bisogno di tanto ambientamento, sia per le sue caratteristiche fisiche sia perché ha giocato. Mi aspetto Gervinho titolare contro il Parma, non mi aspetto titolare Doumbia. La Roma ha bisogno di far riposare qualche calciatore in ogni reparto, però non va sottovalutato il Parma. Una vittoria con il Parma vale quanto quella di domenica contro il Cagliari. La Roma deve arrivare allo scontro diretto con la Juventus senza perdere altri punti. Paredes sta dimostrando di essere un ottimo prospetto, Garcia lo sta trasformando in playmaker”.

David Rossi a Roma Radio: “Tornano Florenzi e Manolas, gli africani, la squadra si sta ricomponendo. Si sta ristabilendo una certa normalità. Il Napoli domenica gioca a Palermo, sembra più facile per noi che per loro questo turno. Vogliono continuare a creare questo dualismo con il Napoli, dando per scontato che la Juve abbia già vinto lo scudetto. Occhio alla dialettica. Sulla Roma che è come minimo seconda, non c’è niente da sfondare”.

Massimo Limiti a Centro Suono Sport: “Domenica c’è il rientro di De Rossi, Florenzi e Manolas e dei due ivoriani. Doumbia dovrebbe partire dalla panchina, credo che buttarlo nella mischia subito sia un po’ prematuro. Totti questa settimana recupererà la condizione. Penso che in queste due partite di campionato Garcia continuerà a dare spazio ai giovani, sono due partite nelle quali si possono fare tali esperimenti. Sono curioso di vedere la Roma come giocherà con Doumbia”.

Alessandro Angeloni a Rete Sport: “Per un gol di un ’96 stiamo vivendo la ‘settimana dei giovani’. Pensare che la Roma possa vincere puntando sui giovani è troppo. I giovani devono essere un serbatoio. Non è detto che un ragazzo della Primavera sia bravo allo stesso modo in Serie A”.

Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo: “A Cagliari più che giocar bene era necessario rialzarsi, e così è stato. Verde titolare? Se è al doppio della condizione rispetto a tutti sì, posso starci. Sennò Garcia può prendere anche altre decisioni (Gervinho-Totti-Florenzi a Parma). Verde ha dimostrato di poterci stare, di essere una risorsa. Doumbia? Ha un bagaglio tecnico e di esperienza importante. La Roma deve arrivare allo scontro diretto con la Juventus senza perdersi nulla per strada, altrimenti cambia il senso della partita”.

 

Ugo Trani a Rete Sport: “Se nella Roma c’è qualche giocatore da quarti di finale di Champions? Maicon, De Rossi, Totti, De Sanctis, Cole sono finiti. A Strootman neanche ho pensato, spero che torni a giocare presto a pallone. Ci sono sicuramente Keita e Doumbia. La Juventus ne ha almeno 4-5 sicuri. Uno degli errori gravi del club è stato il puntare tutto su quest’anno. L’anno prossimo serve un portiere, un terzino destro, un centrale difensivo, un terzino sinistro e un centrale di centrocampo”.

Riccardo ‘Galopeira’ Angelini a Tele Radio Stereo: “Cagliari non ha cancellato del tutto il periodo di appannamento della Roma. Però, nel primo tempo, la palla era sempre nei piedi dei giallorossi. Verde? Non giocherà sempre così, dipende anche da chi hai di fronte. Quello che dovrebbe far sperare o lasciar prevedere un miglioramento è il ritorno dei giocatori dall’Africa. Doumbia quando ha giocato ha sempre lasciato il segno”.

Ubaldo Righetti a Tele Radio Stereo: “Non c’è stata una manovra eccezionale a Cagliari, ma è stata meno lenta, più alla ricerca delle soluzioni. Verde titolare? Perché non dargli continuità? Devi sfruttare il momento brillante, poi tornerà a disposizione di De Rossi. Serve alla Roma, vista anche l’assenza di Iturbe, il recupero di Gervinho.”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here