L’identikit: alla scoperta di… Nasri: “Mi manda Monchi”

4

L’IDENTIKIT DI NASRI – Samir Nasri nasce il 26 giugno del 1987 a Marsiglia. È un calciatore francese alto 1.75m per 75kg, di proprietà del Manchester City che ama destreggiarsi sulla trequarti offensiva. Andiamo alla scoperta del giocatore, analizzando la sua storia e le sue caratteristiche.

CARRIERA – Calcisticamente cresce nel settore giovanile del Marsiglia, la squadra della sua città, riuscendo nel 2004 – a solo 17 anni – a debuttare in Ligue 1 totalizzando in totale 166 presenze e 12 gol e ad ananellare prestazioni di gran livello che lo portano a vincere il premio di calciatore giovane dell’anno nel 2006-07 e che convinsero l’Arsenal di Arsene Wenger a portarlo a Londra per circa 14 milioni. Veste la maglia dei ‘Gunners’ per 3 stagioni (126 presenze e 27 reti) e subisce, durante la seconda annata, il primo infortunio grave della sua carriera: una frattura della gamba che lo tiene lontano dai campi per metà stagione. L’anno seguente torna ad offrire prestazioni sontuose che lo portano ad essere inserito nell’undici dell’anno della Professional Foorballer’s Association ed a trasferirsi nel nord del Paese, precisamente a Manchester sponda City per 25 milioni di sterline. In 5 campionati con i ‘Citizens’ mette in bacheca 2 campionati (2011-12 e 2013-14), 1 Community Shield (2012), 2 Coppe di Lega (2013-14 e 2015.16) contribuendo con 27 marcature in 176 presenze. Tuttavia negli ultimi anno era retrocesso nelle gerarchie e così nel 2016 vola così in prestito al Siviglia dove scende in campo 30 volte realizzando 3 reti. Con la maglia della Francia fa parte di tutte le selezioni giovanili dall’Under 16 all’Under 21 per esordire nel 2007 con la nazionale A in un’amichevole contro l’Austria e partecipa agli Europei del 2008 e del 2012 prima di annunciare anzitempo il ritiro quando sulla panchina francese si è seduto Deschamps.

CARATTERISTICHE – Nasri è un giocatore molto eclettico, in grado di ricoprire molti ruoli nel centrocampo ma che sa esprimersi al meglio nella trequarti avversaria ed in particolar modo sull’esterno. Destro di piede sa però giocare molto bene anche con il sinistro e fa della tecnica, de fraseggio, dello scatto nel breve, del dribbling nello stretto le sue armi migliori. È un giocatore molto innamorato del pallone, il ché lo porta spesso a cercare la giocata solitaria e contribuisce poco in fase difensiva. Fisicamente – oltre la frattura della gamba – è un calciatore che tende a mettere su massa e negli anni ha perso quello spunto che lo ha portato ad essere uno dei migliori prospetti francesi degli ultimi tempi. Nell’ultimo anno ha subito diversi problemi muscolari e al tendine d’Achille che lo rendono un giocatore incostante.

CURIOSITÀ – A portarlo al Siviglia è stato proprio l’attuale direttore sportivo giallorosso Monchi e a Roma troverebbe anche il suo ex compagno al City Edin Dzeko con il quale ha condiviso diversi trofei. L’ultima partita contro la Roma risale alla Champions League di tre anni fa quando contribuì con un gol all’Olimpico all’eliminazione dei giallorossi dal girone, relegando la compagine di Garcia all’Europa League. Nei mesi scorsi è stato vittima di hackeraggio del suo profilo Twitter su cui erano stati pubblicati post relativi a trasfusioni vietate, poi smentite dallo stesso.

Giacomo Carrieri

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

4 Commenti

  1. Ahooo ammazza che palle….se prendiamo 20 so troppo giovani…se prendiamo un 28 francese (che il NAPOLI ha inseguito per 3 anni) o è rotto o una vecchia pippa…mo pure il 30 non va bene..fate pace con il cervello…anzi fate ma compratevela voi la Roma è poi decidete voi.. .a poracci..in generale…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here