Glerean: “La Roma è fortunata ad avere Di Francesco”

42

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Ezio Glerean a Tele Radio Stereo: “Di Francesco? E’ un ragazzo bravissimo, una persona straordinaria, che  insegna calcio con il cuore. Va dato tempo agli allenatori, è una fortuna per la Roma che ci sia un tecnico del genere alla guida della prima squadra, è un punto di riferimento per tutto l’ambiente. Inoltre mi convince il suo modo di concepire calcio, i giallorossi vanno sempre verticale, provano a far male all’avversario con un’idea di gioco in testa. Schick esterno? I giocatori quando sono bravi possono coesistere tra loro, è il giocatore che sa come crearsi lo spazio, il ceco deve solamente adattarsi al ruolo”. 

Giuseppe Giannini a Centro Suono Sport: “Credo sia un bene che i calciatori non vivano in questo momento tutto quello che si sta dicendo a Roma, torneranno carichi e vogliosi di confermare ciò che hanno fatto nei primi mesi di campionato. Essere in questo momento deludenti può dare la spinta necessaria a tornare in alto. In questi momenti un allenatore deve andare su alcune certezze, credo che Di Francesco proporrà a Milano la formazione rodata, con qualche innesto come ad esempio Pellegrini. La frase di Pallotta è stata detta per circostanza, credo che all’interno di Trigoria si sappia quali sono le problematiche della squadra. Giocatori come Pellegrini devono restare a Roma, è un talento giovane, nel giro della nazionale, non puoi permetterti di perderlo. Francesco potrebbe essere la chiave di volta per sistemare la situazione tra la società e i tifosi, ho l’impressione però che venga centellinato”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Non credo che Pallotta sia stupido, evidentemente gode della sua impopolarità, perchè ancora non capisco dopo sei anni certe dichiarazioni. Per il mercato visto che il signor Monchi è stato presentato come un Re Mida, come una star, mi aspetto che realizzi in breve tempo delle operazioni in grado di migliorare la squadra giallorossa. Di Francesco? Non è Pep Guardiola, ma e’ coraggioso ,ha delle idee, è preparato, ha portato certi concetti e l’augurio è che sappia risollevare le sorti di questa squadra”

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Pallotta esprime un concetto condivisibile quando afferma che fino a un mese fa questa squadra, alla luce dei risultati raccolti, sembrava in grado di sostenere l’impatto di una stagione importante. Oggi però la situazione è drasticamente cambiata e sarebbe doveroso intervenire per colmare alcune evidenti lacune. Monchi deve dimostrare di essere un grande operatore di mercato, non deve venire a dirci che non c’è un euro, sennò non ha senso avere un direttore sportivo di questo livello. Se dopo sei anni di gestione, invece di migliorare, la situazione finanziaria va peggiorando costringendoti a cedere sempre due pezzi per fare mercato, è illusorio credere di arrivare a vincere qualcosa”.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Non so Pallotta cosa ha visto negli ultimi mesi, dire che la Roma è competitiva con Napoli e Juve, è prendere in giro i tifosi. Abbiamo capito che al Presidente interessava solo fare lo stadio, non gli interessa lottare per la vittoria. Sul mercato io vorrei vedere arrivare un esterno destro che sa fare i movimenti davanti, e un centravanti, di cui non sento parlare. Il problema della Roma è in attacco, Dzeko e Perotti sono giocatori che non tagliano al centro, non sono adatti alla manovra di Di Francesco. Pellegrini deve essere titolare”.

Mauro Macedonio a Centro Suono Sport: Pallotta ha ben chiara la situazione, il problema è che continua a ripetere che questa Roma può migliorare con il lavoro, invece sappiamo che non è così. Secondo me per la società non fa differenza arrivare secondi o quarti, l’importante è arrivare in Champions League. Il centravanti ce l’hai bisogna capire se il problema di Dzeko è di natura tattica. Per Di Francesco ci sarà tanto da lavorare, mi chiedo in quali condizioni, fisiche e mentali, torneranno i giocatori a Trigoria, visto che la partita di domenica prossima è fondamentale. Ritengo che Pellegrini abbia le carte in regola per essere titolare nel centrocampo romanista”.

Avv. Luigi Esposito a Centro Suono Sport: “La situazione non è come dice Pallotta, bisognerebbe fare mercato per provare a colmare il gap con Napoli e Juventus, non è vero che puoi competere. La Roma ha bisogno di un terzino ambidestro per liberare Florenzi e farlo tornare intermedio di centrocampo, e di un centrocampista. Pellegrini lo farei giocare, ma vorrei vedere la Roma muoversi sul mercato e prendere un centrocampista titolare più forte”.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio“Per il mercato si parla delle cessioni di Strootman, Nainggolan e Alisson, che per adesso escludo. La Roma ha bisogno di andare in Champions e Monchi ha l’incarico da Pallotta proprio di far raggiungere alla Roma questo obiettivo. Il ds ha più responsabilità rispetto a Di Francesco perché è lui ad aver costruito la squadra, infatti Pallotta ha chiamato Monchi e non l’allenatore per partecipare al meeting di Londra. A gennaio si proverà a cedere Peres per prendere un terzino in modo da far avanzare Florenzi in attacco. Il problema della Roma è anche atletico, giocare tre partite in estate contro squadre come Psg, Tottenham e Juventus ti crea degli scompensi a livello di preparazione. Anche questo è un tema che Monchi ha portato sul tavolo di Pallotta”.

Andrea Pugliese a Tele Radio Stereo“La partita con l’Inter è l’occasione giusta per la Roma. È una sorta di doppio spareggio, perché è uno scontro diretto contro una rivale. Anche un pareggio comunque non sarebbe da buttare, ma dal punto di vista psicologico non sarebbe il massimo perché se la Lazio vince col Chievo vai a -3 e potrebbe pesare psicologicamente. Meglio giocare con l’Inter alla ripresa piuttosto che col Bologna, perché ti permette di avere le tensioni giuste e la giusta concentrazione. Sul mercato il Galatasaray è l’unica squadra che effettivamente ha chiamato Trigoria chiedendo informazioni. In Premier c’è il Brighton, più del Watford che è alla ricerca di un terzino difensivo. La situazione però non si definirà subito, forse tra una settimana. Quindi se la Roma prenderà un terzino credo che sarà verso la fine del mercato. La Roma crede che Gonalons sia effettivamente quello di Lione, quindi il francese ha a disposizione altri sei mesi per cambiare passo, altrimenti a giugno andrà via. Torreira piace a Monchi, ma oggi costa 30 milioni se ti va bene. Strootman davanti alla difesa potrebbe essere la soluzione più adatta per l’olandese in questo modulo, visto che da mezzala sta facendo molta fatica. Per caratteristiche Under sembra il più adatto a ricoprire la posizione di esterno destro, l’ideale sarebbe Florenzi ma senza l’acquisto di un terzino non può spostarsi”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio“Una squadra come la Roma, che viene da questa situazione, ricomincia a lavorare da lunedì. Capisco che è un diritto sindacale, ma ci sono anche squadre che ripartono domani. Vista la situazione anche atletica, se i giocatori avessero proposto di cominciare sabato… Bisognava accompagnare anche l‘entusiasmo della gente verso Inter-Roma. Quella di San Siro è una partita quasi decisiva per entrambe, chi la perde va davvero in difficoltà. Di Francesco credo farà scelte nette privilegiando le motivazioni rispetto ai nomi”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport“Le parole di Pallotta? O uno fa finta di non aver sentito perché lo considera uno da non prendere sul serio, oppure si sottolinea che abbia detto delle bestialità clamorose. La Roma come società riflettesse su che tipo di consigli possono dare al presidente. Gli è scappato un ‘fucking idiots’ bis oltre ad una discriminazione territoriale. In base a cosa milioni di persone dovrebbero tifare Roma come seconda squadra e comprare articoli? La Roma non ha un presidente, uno che abbia come primo obiettivo i risultati sportivi. Pallotta quando apre la bocca, fa danni. Lui sarebbe l’ambasciatore del marchio della Roma nel mondo? Non fatelo parlare di sport, per il bene della Roma. Ha detto chiaramente che il calcio gli faceva schifo, è uno che viene da un altro pianeta. Il progetto tecnico della Roma è la rivoluzione ogni anno: incasso 100, spendo 80 e plusvalenza 20. Così si copre il buco di bilancio”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport“Un presidente che tratta male i suoi clienti e che non vince nulla… Purtroppo non si può rimuoverlo, ma gli stessi giocatori che vengono messi alla gogna per poi essere venduti dovrebbero alzare la voce e ribellarsi. È ora che si prenda le sue responsabilità. Uno come Monchi a Roma non dura tanto, se ne andrà lui: non accetterà questo tipo di ruolo, lui ha fatto sempre altro. Alla Roma serve un presidente e un vero direttore generale. Nainggolan sarà uno di quelli che si stuferà: è rimasto per amore della città ma se la città non ti difende, lui è uno di quelli che ti dà un calcio nel sedere. Pellegrini può andare via perché ha una clausola bassa, Dzeko è verso la fine della sua esperienza romana: si va verso una nuova rivoluzione, vedremo se con Monchi e Di Francesco oppure no”.

Michele Civita, assessore alle Politiche del Territorio, a Tele Radio Stereo: “La conferenza dei servizi si è chiusa i primi di dicembre, sono stati mandati i verbali. Entro oggi ci devono far sapere tutte le amministrazioni se il verbale è fedele rispetto alle osservazioni. E dalla prossima settimana, se non arrivano osservazioni dagli enti, la Regione invierà il progetto integrato dalle prescrizioni al Comune di Roma che dovrà prima pubblicare la variante. Per 30 giorni i cittadini hanno modo di fare osservazioni e andare in consiglio comunale. A quel punto torna in Regione e la delibera sostituirà ogni altro emendamento. Possibile completare l’iter prima di aprile-maggio? Dipende dal lavoro che fa il Comune, i tempi ci sono. Siamo molto interessati al fatto che i tempi vengano rispettati e siamo interessati che la variante comprenda tutte le opere pubbliche e le infrastrutture che favoriscano la mobilità per tifosi e chi ci andrà a lavorare. Saranno opere pubbliche che miglioreranno la viabilità di una zona che già soffre. Il 4 marzo si vota. Abbiamo fatto un lavoro serio quindi penso che anche nell’eventualità che i cittadini votino altre amministrazioni si vada avanti”. 

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo:“Inter-Milan è un derby meno sentito, questo è quello che intendeva dire Pallotta. Non era una discriminazione dei tifosi di Roma o Lazio rispetto ai milanesi. Mi volete dire che la situazione è uguale? Il clima che si crea fuori e dentro l’Olimpico durante Roma-Lazio è lo stesso che si crea a San Siro durante Milan-Inter? Gli arsenali dentro le macchine li hanno trovati pochi anni fa, e furono quelli che fecero traboccare il vaso. L’Olimpico è lo stadio al di fuori del quale succede Ciro Esposito. Le cose più recenti e più gravi sono più a Roma che a Milano. Poi c’è De Falchi che è una vergogna del calcio italiano”. 

Franco Melli a Radio Radio: “La Roma deve ritrovare autostima. Un’eventuale sconfitta sarebbe determinante per la classifica. Vedo un pareggio. Vedrei bene Lotito presidente della Federcalcio, negli ultimi anni è stato il miglior dirigente che ci sia stato”.

Roberto Renga a Radio Radio: “Inter-Roma in questo momento è la gara tra le due deluse del campionato. La Roma gioca bene le grandi partite”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Darei la Nazionale a Zeman. La Roma non ha certezze, prima aveva solidità difensiva ora non più. Bisogna riassestare tutto”. 

Xavier Jacobelli a Radio Radio: “La sosta di solito riserva delle sorprese. Una vittoria a San Siro darebbe una bella sterzata alla Roma”. 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

42 Commenti

  1. La nazionale .. a ZEMAN ???? Cioè proprio ad uno che ha bisogno di allenare quotidianamente la squadra ?? E questa è gente che DOVREBBE sapere di calcio ?? Bomber mio, mi sa che quella testa l’hai sbattuta troppe volte contro il pallone ….

  2. Affermazioni incontrovertibili quelle di James Pallotta durante un simposio internazionale sullo sport tenutosi ieri a Londra . E’ ovvio come lo Stadio di proprieta’ porti un surplus di fattori emotivi di vario tipo che valgono in un campionato dai 10 ai 15 punti in piu’ s che si ripercuoto anche in altre manifestazioni . Lo abbiamo visto con i ns.occhi a Torino negli ultimi sei anni dove sui successi sportivi sono stati costruiti quelli finanziari . Pensate che senza lo Juventus Stadium i bianconeri avrebbero vinto gli stessi scudetti o sarebbero andati due volte in finale di CL ?, Sicuramente non avrebbero ottenuto neanche un quarto di questi risultati…

  3. I radiolari stanno dando il peggio di sé in questi giorni.
    Le dichiarazioni di Pallotta sono condivisibili al 100%. I furbastri dicono che allo stadio non ci sono più incidenti da tempo, peccato che a Roma negli ultimi anni ci siano stati più incidenti fuori dallo stadio (e nelle trasferte) che in tutto il resto d’Itali assieme. Per non voler rivangare l’ultimo morto, che lo ha fatto un “romanista”.
    A parte questo, Pallotta ha una progettualità che in Italia non esiste. Pallotta parla di tecnologie di realtà virtuale 4.0, ma parla a gente (tifosi compresi) che è rimasta con la mentalità del 1985, è come se io fossi andato dal mio nonno di trent’anni a fargli vedere un Iphone. La reazione dei tifosi e delle radio è la stessa. La gente qui è abituata ancora al padre padrone che fa tutto lui (e che magari garantisce prebende a giornalisti, capibastone e palazzinari…). Forse ho sovrastimato pure il 1985.
    Pallotta vuole farci i soldi? Di certo i soldi non ce li fa con una squadra che perde.

  4. come tanti di voi non so più dove sbatte la testa, perchè facciamo tanti ragionamenti su proprietà, allenatori, medici, giocatori, e ogni anno, mese prima mese dopo, ricominciamo a fare sempre i soliti discorsi, delusi per l’ennesima volta…poi però vedo uno, che si firma con tanti nick diversi, che va sulla gazzetta, copia interventi di alcuni utenti e ce li ripropone qua…e allora mi viene da ridere, e penso semplicemente che noi tifosi siamo una manica di matti e che tutto sommato abbiamo quello che ci meritiamo, compresi un Melli che può ancora fare il giornalista e un Lotito che si candida alla Federcalcio…

  5. Io ormai le dichiarazioni di Melli, Focolari, Orsi e compagnia cantando non le leggo neanche più….
    Su Pallotta ..forse, come dice Austini, non era sua intenzione discriminare, ma così come si è espresso poi lo ha fatto. Non voglio stigmatizzare episodi gravissimi accaduti in passato nè difendere nessuno per campanilismo, sarebbe un atto gravissimo anche da parte mia, purtroppo, però, certe cose accadono in tutta Italia ed anche all’estero. Ho visto motorini volare giù dalle tribune e i tifosi del Feyenoord vandalizzare una piazza simbolo di arte e cultura. Io avrei evitato sinceramente di tirare in ballo nord, centro o sud. Bastava dire abbiamo intenzione di fare uno stadio che garantirà il massimo della sicurezza per tutti e basta.

    • Massimo senza rancore ma quello che è successo a Roma fuori dallo stadio ( ci metto anche catania ) negli ultimi 20 anni non ha uguali ….. basta pensare ai famosi B.I.S.L. che avevano proprio quella di funzione ….

      accerchiare in tanti uno o due poracci e giu de pungicate. Per non parlare degli inglesi con la GOLA tagliata.

      Più striscioni , rivendicazioni e simboli vari che manco vojo nominà.

      Il motorino di San Siro ha fatto storia, ma non confondiamo du lattine nella barcaccia con le raffiche di coltellate.

      • Fabrizio_2 …Si, effettivamente mi sono espresso male hai fatto bene a farmelo notare. Ci tengo a dire che in primis sono d’accordo con te e poi che condanno tutte queste cose con tutto me stesso. Credo che chiunque dice le cose come stanno come hai fatto te o Jacopo per esempio dimostra grande obbiettività, intelligenza, senso civico e voglia di migliorare. Ma non avevo dubbi. E tutti dovremmo fare la stessa cosa. Se ho dato l’impressione di giustificare in qualche modo cose inconcepibili come queste me ne scuso. Non rispecchierebbe il mio pensiero. Condanno ogni tipo di violenza senza se e senza ma. Volevo dire un’altra cosa e cioè che per me non c’era la necessità da parte di Pallotta di partire dall’assunto che a Roma ci sono stati più episodi e di un altro livello rispetto a Milano, il che purtroppo è vero, per dire che c’è la volontà di costruire uno stadio sicuro. Avrei preferito che avesse lasciato questo tipo di discussione a noi “popolari”. Io avrei detto che dato che negli stadi c’è violenza e c’è sempre la possibilità che possa scoppiare, lo stadio della Roma dovrà essere tra i più sicuri al mondo. Però forse ha ragione lui, così ci da lo spunto per poterne parlare e ovviamente condannare. Ciao

        • Sono d’accordo con te sul fatto che da parte di pallotta si sarebbe potuto fare a meno di certi discorsi. Non sono minimamente d’accordo però con chi come tale giornalista Felici, si indigna per il famoso “FUCKING IDIOTS”, che io condivido al 100%, che non era affatto rivolto ai tifosi romanisti, ma appunto a quegli idioti che esposero gli striscioni contro la madre di Ciro Esposito.
          gente che in altre occasioni, le loro, ciancia di rispetto per i morti.
          Ma ripeto hai sicuramente ragione sul fatto che in questa occasione se ne poteva stare zitto. Ciao anche a te !!

          • Fabrizio_2. In realtà ho sbagliato io a porre l’attenzione su quello e non sulle cose importanti che invece hai sottolineato tu. Ho invertito un Po’ i periodi del discorso e s’è capita una cosa per un’altra. Il fucking idiots è di per se la sintesi perfetta della stessa condanna che hai fatto tu e che farebbe qualsiasi persona per bene nei confronti, non solo di quegli imbecilli non pensanti che evidentemente non sanno il valore che ha una vita umana, ma vale proprio come distinzione tra tifosi e chi con i tifosi non ha nulla a che fare. Lo ammiro per questo. È una denuncia…..forte. che a volte tifosi non abbiamo il coraggio di fare…non è il tuo caso evidentemente cosi come evidentemente ci voleva un americano per farla pubblicamente. Ciao e Forza Roma!

      • Ciao fabiano. A volte esagera un po’ è vero ma ci può stare …ho sbagliato io a porre l’attenzione su questo anzichè servirmi delle sue parole come spunto per una discussione ben più importante così come intelligentemente hanno fatto gli amici Fabrizio_2, Fabrizio e Jacopo. la battuta sui tifosi della Lazio magari non Collima molto con chi vorrebbe un clima più disteso se stai parlando di violenza negli stadi e forse è meglio farla in un altro contesto ma è cosa di veramente poco conto di fronte a questi temi. Detto questo speriamo che faccia il bene della Roma come spero, questo è molto più importante..

    • Ciao Massimo ,scusami se ieri ti sei offeso ma volevo essere soltanto ironico e non volevo mancarti di rispetto . Nello stesso tempo ribadisco che non la vedo come te , per me ripeto possiamo CONFRONTARCI su tutto , se Di Fra è da Roma , se il 4-3-3 sia il modulo ideale, se il problema è di testa oppure di piedi, se ci dobbiamo affezionare o meno ai giocatori che fanno soltanto i loro comodi , se Monchi sia bravo oppure era meglio Sabatini …….Ci mancherebbe ognuno ha la propria idea ma io non capisco Pallotta . Mi sembra il Trump de Noartri , spara sentenze ed ogni volta fa danni . Non parla mai,non è presente,quando lo fa dice solo cavolate , e pure gratuite . Voi mi dovete spiegare che senso ha, dire che a Roma abbiamo una tifoseria violenta ? anche se lo pensi , il presidente non lo direbbe mai ma a lui interessa solo lo stadio(anche io penso la stessa cosa che pensi tu) . Seconda domanda , a Gennaio Di Fra e MoNCHI chiedono rinforzi . Risposta : La Roma è forte così quindi non faremo mercato a Gennaio , sconfessando quello che i suoi dirigenti e tecnico chiedevano . Infine la perla di saggezza è stata quando ha parlato di marchandising e marketing , un vero guru, noi abbiamo visto con la Roma quanto sia bravo .E’ evidente che a questo, di Roma e della Roma non gliene frega niente , lo scopo è fare lo stadio , lo facesse tanto dietro c’è la Banca che spinge , c’è la politica che lo vuole (scelta Bipartizan sinistra e grillini) è stato nominato cavaliere avanti cosi , dove non sono riusciti i palazzinari romani è riuscito Pallotta . Se fosse vero che non ci fossero alternative a questo Pallotta sarei veramente preoccupato . Le statistiche dicono che anche Lotito è riuscito a fare meglio , penso di aver detto tutto . PALLOTTA RIDICOLO !!!!!!

      • @Emiliano. No, figurati, che scusa, non mi sono offeso. Anzi ho pensato fosse colpa mia. Ti leggo e so che vuoi appassionatamente il bene della Roma. Tu hai chiesto come fate a dire che dietro Pallotta non c’è nessuno ma era rivolto così in generale a tutti. Sono io che mi sono permesso di risponderti e dirti come la vedo io, poi però ho pensato che in realtà… Semplicemente non me lo avevi chiesto!…per cui ho creduto che il tuo fosse un…alla Gigi Proietti…nun me rompe er c….(mi fa troppo ridere!). Per il resto d’accordo confrontiamoci tutti e su tutto quello che hai detto….anche perché se no qua di calcio giocato non se ne parla più (non so se però ci sentono da Dubai). Su Pallotta magari sarà dura perché io non lo amo ma ci vado coi piedi di piombo, tu mi sa che sei diciamo per usare un eufemismo…. un tantino inc…to nero! Ma ci possiamo provare. Io di mio mi impegno a cogliere l’ironia! Ciao

  6. Effettivamente la squadra ha dimostrato di essere forte altrimenti non avremmo superato il girone di champions, come primi tra l’altro, sarà perché in europa le squadre tendono ad aprirsi per segnare e noi la siamo più forti, mentre in italia si chiudono la maggior parte per poi fare qualche ripartenza. La sfortuna è che karsdorp ha avuto una ricaduta e che defrel e schick sulla fascia non rendono. Togliere a Gennaio strootman e prendere un’altro cc che renda di più?? si potrebbe fare, ma con gli stessi soldi dovremmo farlo. Togliere Bruno P. per un’altro terzino cosi ci ritroveremo come giolly Florenzi che lo puoi mettere anche in attacco, credo sia di dovere per migliorare la squadra ed aspirare ad un posto in europa

  7. Avete mai visto uno spettacolo di Maurizio Battista ? Io trovo che i comici siano serissimi su certe cose…lui, in una sua battuta, dice (in sostanza) .. Roma fa schifo come città .. lo sappiamo. Ma se ce lo dice qualcuno del nord .. ci incazziamo.
    Ora, al netto dell’incazzatura, ogni stadio (in Italia) è potensialmente pericoloso .. o per meglio dire, ogni zona che circonda uno stadio in Italia è potenzialmente pericolosa … ma non ci nascondiamo dietro un dito. Il derby sospeso ce lo siamo dimenticati ? Il vetro della macchina rotto a Menez ?
    Noi (tifosi) in questa città diamo troppa importanza a quegli 11 in calzoncini: quante radio ci sono a Roma che parlano di calcio ? Quante televisioni (locali e non) ? Ora guardate Milano (per non parlare di Torino). In questa città (Roma) ci sono conduttori radiofonici che hanno provato a fare una truffa ai danni della Roma (altro che scherzo ..) o che hanno diffuso la falsa notizia di un giocatore ubriacone … eppure è ancora lì .. e c’è gente che lo ascolta e che gli crede pure.
    Io rispetto le opinioni diverse dalle mie e ci mancherebbe: ma tutto questo, a Roma, contribuisce a creare il famoso AMBIENTE per cui cambiano presidenti, dirigenti, allenatori, giocatori .. ma noi continuiamo a non vincere un c…o.

    • @Fabrizio, devo aver dato, colpevolmente direi, l’idea che per me l’incazzatura prevalga sull’ obbiettività. Prima ho risposto a Fabrizio_2 ringraziandolo per avermelo fatto notare. Quando DDR da la pizza a Lapadula mi arrabbio di più perché riesce a farmi vergognare piuttosto che per i due punti persi. In realtà il mio pensiero è in totale sintonia con quello di Jacopo, Fabrizio_2 ed il tuo. Dietro a quella truffa di cui parli, dietro certi mezzi di comunicazione c’è un mondo intero, ci sono personaggi che…vabbè ci siamo capiti…è un mondo che mi fa schifo. Punto. Qui ci si confronta ma su queste cose non ci può essere un confronto, solo una secca condanna. Avrei preferito che Pallotta partisse da un assunto diverso come ho detto a Fabrizio_2, ma è irrilevante ai fini del discorso. Faccio ammenda perché mi sono espresso male.
      P.s. Battista è un grande! Ciao

    • Bravo.
      Peccato non poterlo ribattere in faccia ai vari Focolari e Balzani. Hanno rotto. Strarotto. Girano ancora mummie come Melli e Corsi. Cambino squadra se non gli piace questa, farebbero un favore all’umanità.
      Tutti sanno perché certe galline cantano quanto Pallotta parla di sicurewzza allo stadio. Loro non la vogliono, ci sarà un motivo no?

      • @jacopo. Tanto per non fare nomi, ma solo cognomi. Bravo tu! Non io se era rivolto a me, perché poi saranno mummie ma ci vuole sempre coraggio con alcuni di questi a dire certe cose. Forza Roma!

  8. Lo ripeto, preghiamo che qui arrivi (al più presto!) un omologo dell’emiro del psg, altrimenti è già finita…
    altro che ridimensionamento, sarebbe un vero successo ridimensionarci quest’anno… la squadra ha già mollato prima di andare ai caraibi, pensa questi come rientrano carichi….. eh come no?…. è già “Apocalypse now”
    balzani dovrebbe chiedersi perchè succede solo qui che allenatori, direttori sportivi, giocatori scappano… se lo chiedano i comunicatori/tifosi/opinionisti/attori/soubrettes/imbonitori che avvelenano quotidianamente l'”as roma ambiente”….. sono realista e non pessimista…tanto oggi è diventata la stessa cosa

    • Daje cucs,non ti arrendere,tanto l’omologo dell’emiro non si trova,lo sai anche tu,bisogna sfuttare al meglio le risorse che abbiamo,non sono tante lo so,ma il cervello non ci manca.

    • onestamente .. si. Il problema è …. siamo sicuri che qualcuno Strootman ce lo ha chiesto ? O meglio .. che qualcuno ce l’abbia chiesto a cifre quanto meno vicine alla clausola rescissoria ? Io non so nulla, ma credo di no. La valutazione che davamo noi tifosi di lui (quest’estate) non è detto che fosse la stessa che i direttori sportivi hanno … perchè loro, magari, sanno cose che noi ignoriamo.
      Il risultato è che concordo .. mi sarei tenuto Paredes ma anche solo al posto di Gonalons … ma ormai …

      • Concordo con i vostri pensieri in merito al centrocampo della Roma. Io in ogni caso darei via subito Strootman a gennaio se qualcuno si dovesse fare avanti e prenderei dall’udinese Jankto, GRANDISSIMA prospettiva secondo me. Forza Roma!

  9. Francesco Balzani parla sempre male della Roma solo perchè non gli vengono dati gli accrediti per entrare gratis allo stadio, ma che vive a fa sto pseudo giornalaro fallito???? pussa via….

  10. Ciao Fabrizio,non c’è bisogno di scomodare Battista,mia mamma nella sua saggezza mi ripeteva sempre quando parlavo male dei suoi parenti”Dei TUOI ne vuoi dire ma non ne vuoi sentire”.E’ vero che a Roma non sono delle mammolette ma è pur vero che siamo 4 volte Torino e due volte Milano,per cui tutto viene amplificato.Noi diamo troppa importanza a quegli 11 perche’ quando le cose ci mancano le desideriamo di piuì e piu’ ne parliamo.Come tu ben sai non siamo avvezzi alle vittorie,pero’ è anche vero che siamo tutti i giorni qui a commentare e nel nostro piccolo amplifichiamo,ma non tutti hanno la cultura e (spero) la nostra intelligenza che ci limitiamo a commentare,anzi è anche il pretesto per amicizia e stima che come sai si è creata.Non voglio giustificare nessuno,ci mancherebbe,ma i teppisti(non tifosi)che girano intorno e nello stadio,sono il frutto della societa’ e non del calcio e in una metropoli tutto è molto piu’ grande.Un caro saluto(ti aspetto)

    • Hai ragione … però a volte Roma mi sembra un città incatenata alla sua storia … Ci vantiamo di un fasto che ormai non esiste più e ci chiudiamo nel nostro mondo. Sicuramente Pallotta qui è venuto a fare il business. Vedi .. da oggi discutono e discutiamo su una frase (quella dei tifosi a Milano, piuttosto che a Napoli ..) ed in pochi hanno sottolineato l’altra frase .. che spiega tutto. Lui ha ammesso che prima di affrontare quest’avventura, del calcio non gli importava. Lui è stato tirato dentro dalla banca e da amici della banca perchè è uno che ha questo hedge fund ed ha contatti. Quindi, per lui la Roma era (e forse è) un business. Certo che conviene anche a lui che la squadra vada bene .. ma non tanto da svenarsi.
      La sfortuna (per lui e di riflesso per noi) è che ci siano voluti 7 anni per sapere se poteva fare lo stadio oppure no …
      Quest’estate, lo ripeto, la campagna acquisti è stata appositamente al risparmio: se vi ricordate, lui a fine scorso campionato aveva minacciato di andarsene se il comune non si fosse dato una svegliata …
      Quanto a noi, certo che ti vengo a trovare .. !!

  11. Al contrario di tanti altri professori dell’etere dico bravo ad Austini! …e Mi fa piacere leggere che tutti i commenti postati dai lettori siano a favore di Pallotta…il rischio di farsi trascinare dai vari personaggi a cui viene affidato il microfono vedi Paolo Cento che stamattina dichiara che Pallotta con le dichiarazioni di ieri insulta la passione dei tifosi e gli fa venire la voglia di tifare contro lo stadio della Roma e non andarci (ho retto fino a quel punto poi ho cambiato radio) è purtroppo elevato.
    Cambiamo il modo di fare tifo in Italia!! Allo stadio per sostenere la propria squadra non per insultare gli avversari e causere scontri!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here