La Roma non molla lo scudetto: secondo posto da difendere per il sogno

0

EDITORIALE – Tre punti per un duplice obiettivo. La Roma vince a Bologna e tiene invariato il distacco dalla Juventus capolista, a +6 con 7 giornate da giocare tra cui uno scontro diretto da vivere all’Olimpico alla terzultima di campionato. Allo stesso tempo i giallorossi mettono pressione al Napoli terzo in classifica, che sogna ancora il sorpasso in questo finale di stagione per la qualificazione diretta in Champions League. A Bologna la Roma rischia il giusto e capitalizza la sua potenza offensiva trovando la via della rete in tre occasioni, con Fazio, Salah e Perotti.

NUMERI  – I giallorossi volano basso ma sognano l’impresa, ancora possibile a livello numerico. Con 21 punti a disposizione in questo finale e la Juventus impegnata in un doppio quarto di finale energivoro contro il Barcellona, la speranza resta viva. “Pensiamo passo dopo passo, ma dobbiamo continuare a crederci difendendo il secondo posto”, ha detto bomber Dzeko al termine del match contro il Bologna. Nel frattempo la Roma continua a macinare punti e raccoglie il secondo 3-0 consecutivo in trasferta, il terzo stagionale. Numeri da capogiro per un tecnico che a sentir lui potrebbe mollare anche in caso di secondo posto.

GIOCHI APERTI – Già, il secondo posto. Proprio la qualificazione diretta in Champions sembra invece essere lo scudetto della società. A sentire Massara “riuscire a mantenere la seconda posizione sarebbe il coronamento di un’annata molto positiva”. Non solo campo nelle menti dei dirigenti giallorossi: c’è anche bisogno della partecipazione al più prestigioso trofeo continentale per continuare a dare solidità a questa Roma. Una Roma che intanto può continuare a sperare: passo dopo passo, sperando in una brusca frenata dei bianconeri per giocarsi il tutto per tutto in questo finale di stagione e lasciare alle spalle le amare eliminazioni dalle coppe. I giochi sono aperti: “Mancano ancora sette partite che possono determinare la classifica e darti tutto”, per dirla con le parole di Spalletti.

Gian Marco Torre

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here